venerdì 10 luglio 2020
Do you speak english? Parli italiano?
ON RESERVE...
DOCUMENTS ATTACHED
RESERVE SELECTION
Select the rereve from the drop down menu below:
AREAS EQUIPPED
Le Aree Attrezzate Siciliane
SEARCH
Enter search text in the box below, select the type of logic for multiple words.
 or   and
RESERVE SHEET
Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio
News on Flora:
L’area boscata più significativa è quella del Bosco di Sant’Adriano, dove il leccio è l’essenza dominante, soprattutto nei versanti più rocciosi ed impervi e nelle pareti con forte pendenza, dove assume il ruolo di pianta pioniera. Là dove il pendio si addolcisce, ecco subentrare le più esigenti roverelle, ma il leccio comunque resta sempre presente. Nel Bosco di Rifesi dominano invece i querceti a roverella, anche se i lecci non mancano mai. Ovviamente sono presenti anche altre specie arboree come il carpino nero, l’orniello e l’acero campestre, oltre a diversi arbusti come il corbezzolo, l’erica arborea, il biancospino, il pungitopo, la ginestra spinosa, la rosa di San Giovanni e il prugnolo. Là dove la copertura forestale non c’è più, ecco gli arbusteti, le praterie, le aree coltivate. . Negli ambienti rupestri, rappresentati significativamente da Pizzo Gallinaro (1.220 m s.l.m.) e Serra del Biondo (1.138 m s.l.m.), sono presenti anfratti in cui dominano gli arbusteti di olivastro ed euforbia arborea, in cui fioriscono diverse specie endemiche o rare come la vedovina delle scogliere, la camomilla delle Madonie, il cavolo rupestre e la bocca di leone siciliana. In queste zone nidifica il falco pellegrino e si possono avvistare l’aquila di Bonelli ed il falco lanario. Nelle forre e negli ambienti di ripa, lungo il corso del fiume e dei torrenti, attecchisce una folta vegetazione costituita da pioppi bianchi e neri, dal salice bianco, dal frassino meridionale, dall’olmo canescente, dall’oleandro dalle vivaci fioriture e dal terebinto (pianta molto affine al pistacchio, detta anche scornabeccu per le escrescenze a forma di corno che vengono prodotte dalle foglie parassitate da insetti). Questo è anche il regno del rovo, dell’equiseto massimo e del gigaro chiaro… Ma è la parte più esterna delle sponde che si rivela preziosa: qui la cannuccia del Reno insieme alle tamerici, gallica ed africana.
Today, the department is the organization manager of 33 Natural Reserves whose 70.2520 H.a surface represents 80,7% of total lands occupied by Natural Reserves, still established by Sicilian Region.

Trough this map and the stand by menu on the left, it is possible to access the information of the reserves under DRAFD control. Click on notable areas to visualize the card of the reserve, and browse the map to discover more details on preserved areas.