martedì 20 agosto 2019
Do you speak english? Parli italiano?
ON RESERVE...
DOCUMENTS ATTACHED
RESERVE SELECTION
Select the rereve from the drop down menu below:
AREAS EQUIPPED
Le Aree Attrezzate Siciliane
SEARCH
Enter search text in the box below, select the type of logic for multiple words.
 or   and
RESERVE SHEET
Pizzo cane, Pizzo Trigna, Grotta Mazzamuto
News on Flora:
I boschi naturali sono lembi relitti costituiti da leccio, da quercia da sughero e da querce caducifoglie, frammisti ad orniello, acero campestre e, più raramente, ad acero trilobo. In questo bosco mediterraneo, il sottobosco ospita cespugli di rosacee tipici della macchia mediterranea: pero mandorlino e rosa sempreverde. Ma anche di biancospino comune, di erica arborea, di ginestra spinosa e di citiso trifloro (un arbusto che somiglia alla ginestra). Una presenza molto interessante e significativa è quella dell’agrifoglio nelle parti sommitali, che forma una boscaglia insieme al leccio. Sul manto erboso del sottobosco crescono anche il ciclamino primaverile, dalle foglie variegate e dalle corolle fucsia, e la rosa peonia, dalle bellissime corolle rosate o bianche venate di porpora. Là dove il bosco si dirada ci sono macchie arbustive in cui appare anche il lentisco ed altre piante non presenti nel bosco, tra cui, persino la palma nana. Queste macchie colonizzano anche le zone semirupestri e sono formate da piante che resistono al pascolo, all’aridità e agli incendi come ad esempio l’euforbia arborea, l’olivastro ed il lentisco. Come un mare che lambisce questi isolotti di vegetazione arborea ed arbustiva, ecco la prateria che nei tratti più rocciosi ed assolati assume l’aspetto di steppa ed è caratterizzata dai grandi cespi dell’ampelodesma.
Today, the department is the organization manager of 33 Natural Reserves whose 70.2520 H.a surface represents 80,7% of total lands occupied by Natural Reserves, still established by Sicilian Region.

Trough this map and the stand by menu on the left, it is possible to access the information of the reserves under DRAFD control. Click on notable areas to visualize the card of the reserve, and browse the map to discover more details on preserved areas.