REGIONE  SICILIANA
ASSESSORATO  DEI  BENI CULTURALI,  AMBIENTALI  E  DELLA  PUBBLICA  ISTRUZIONE

DIPARTIMENTO DEI BENI CULTURALI, AMBIENTALI, EDUCAZIONE  PERMANENTE, ARCHITETTURA E ARTE CONTEMPORANEA
SOPRINTENDENZA PER I BENI CULTURALI ED AMBIENTALI DI TRAPANI
list_orizz

 

Ufficio Relazioni con il Pubblico
Pagina iniziale
         
Servizio per i Beni Architettonici Servizio per i Beni Paesistici, Naturali, Naturalistici ed Urbanistici Servizio per i Beni Archeologici Servizio per i Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici Servizio per i Beni Bibliografici ed Archivistici
 

 

CAVE DI CUSA

Comune di Campobello di Mazara

Orario visite: tutti i giorni dalle 9,00 alle 14,00.
                       Ingresso gratuito.
                       

La grande area delle Cave di Cusa sorge a 13 km circa a nord-ovest di Selinunte, nel territorio di Campobello di Mazara, su un pianoro vicino la costa.
Le cave furono utilizzate per l’estrazione del materiale per la costruzione dei templi di Selinunte. Sono costituite da un grosso banco di calcarenite, lungo circa 2 km, con un andamento est-ovest, parallelo alla linea di costa.
La loro grande estensione testimonia l’importanza del sito, dovuta anche alla presenza di differenti vene del banco calcarenitico, che poteva essere utilizzato per scopi diversi.
Grazie alla documentazione archeologica è stato possibile ricostruire le varie operazioni di cava: secondo le varie necessità, veniva praticata sul piano orizzontale del banco una trincea circolare, ampia lo spazio necessario (circa 50 cm) per consentire allo scalpellino poi di procedere fino alla quota necessaria. Venivano quindi inseriti cunei sul piano inferiore, e veniva provocato il distacco del blocco. Successivamente, con l’aiuto di leve, il blocco veniva sollevato e, rotolando, trasportato nel luogo in cui veniva realizzata una prima sbozzatura. Alla fine si procedeva con il trasporto che avveniva generalmente con carri trainati da buoi.

logosbca
SOPRINTENDENZA
BENI   CULTURALI
ed     AMBIENTALI

TRAPANI

 

Attività:
Ricognizione, indagine, ricerca e scavo archeologico: redazione perizie, atti inerenti la conduzione dei lavori, progettazione degli interventi, acquisizione della documentazione di rito inerente l’indagine archeologica documentazione grafica e fotografica, schede di scavo U.S.), inventariazione dei reperti archeologici e documentazione degli stessi dopo l’intervento di restauro;
studio e pubblicazione;
restauro di monumenti archeologici;
gestione delle zone archeologiche di Segesta, Selinunte ed altre minori (Levanzo: Grotta del Genovese; Favignana: Grotta del Pozzo; Salemi: basilica paleocristiana di S. Miceli; Custonaci: Grotta Mangiapane): ricerca archeologica, restauro dei monumenti e loro fruibilità, manutenzione, recupero dell’edilizia demaniale rurale all’interno delle zone e riutilizzo della stessa come spazio da destinare a servizi tecnici e a servizi per il pubblico;
gestione del Museo Archeologico del Baglio Anselmi e della zona archeologica di Lilibeo a Marsala;
elaborazione dei progetti di esproprio per le zone di interesse archeologico;
apposizione di vincoli ai sensi del D.Lgs 42/2004 sia sulle aree di interesse archeologico che sulle collezioni private;
rilascio di autorizzazioni in zone vincolate o di interesse archeologico;
rapporti con i comuni per la gestione e la realizzazione di musei civici ed alta sorveglianza sugli stessi;
rilascio di autorizzazioni per fotografie e spettacoli ai sensi del D.Lgs. 42/2004;
alta sorveglianza sulle zone archeologiche, in particolare sull’isola di Mozia di proprietà della Fondazione Giuseppe Whitaker;
corresponsione premi di rinvenimento;
collaborazione con le Forze dell’Ordine mediante la redazione di perizie su materiali sequestrati;
partecipazione ad udienze in processi relativi a reati contro il patrimonio archeologico;
partecipazione a convegni, realizzazione di pubblicazioni scientifiche.

SITI ARCHEOLOGICI, MUSEI, MONUMENTI   

Elenco dei Beni Archeologici Vincolati                                         scavi archeologici dal 1986 al 2007  scavi finanziati con POR 2000-2006  Alte sorveglianze
nave punica mozia segesta tempio acropoli selinunte satiro danzante    

MUSEO ARCHEOLOGICO
BAGLIO ANSELMI

Marsala
Lungomare Boeo

MOZIA- Fondazione
"GIUSEPPE WHITAKER"

Marsala
Isola di Mozia

SEGESTA
Zona Archeologica

Calatafimi Segesta

SELINUNTE
Zona Archeologica

Castelvetrano

MUSEO DEL SATIRO


Mazara del Vallo
Piazza Plebiscito

 

 
     
pièdipag

 

© 2009 S.B.C.A. TRAPANI

Via Garibaldi, 93 - 91100 -TRAPANI
tel. 0923 808 111 - fax 0923 23423
Partita I.V.A. 027110705827
Codice Fiscale 80012000826

e-mail sopritp.area@regione.sicilia.it
Ufficio Relazioni con il Pubblico: urpsopritp@regione.sicilia.it

RESPONSABILE INFORMATICO: arch. Roberto Monticciolo - WEBMASTER: arch. Giuseppe Eracle Tallo
Per domande o commenti su questo sito Web, inviare un messaggio di posta elettronica a websopritp@regione.sicilia.it

         

Convenzioni e collaborazioni scientifiche con
istituti specializzati

  • Istituto Archeologico Germanico di Roma (ricerche a SELINUNTE)

  • Laboratorio di topografia storico-archeologica della Scuola Normale Superiore di Pisa (SEGESTA)

  • Istituto di Archeologia dell'Università di Palermo (ricerche a LILIBEO)

  • Università di Bologna (PANTELLERIA)

  • Università di Goteborg
    (MONTE POLIZO - BELICE)

  • Università di Tufts
    (ricerche a MARSALA)

  • Università di Vienna
    (ricerche a MAZARA)

  • Università La Sapienza di Roma (MOZIA)

Acropoli di Pantelleria

 


Partecipazione a progetti comunitari

Progetto Raffaello

Progetto Semata