Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Affermo a Aguilera

clicca per ingrandireclicca per ingrandire

Affermo (D’) o Albamonte (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Afflitto.

Mettendo da canto l’origine romana di questa famiglia attribuitale da alcuni autori, e la ragione del cognome attribuito ad un preteso martirio, noi diciamo solo quanto da documenti risulta. Godette essa nobiltà in Roma, in Napoli nel seggio di Portanuova, in Messina ed in Palermo, nella quale ultima città troviamo un Francesco, senatore nell’anno 1329-30, un Franzone, pretore nell’anno 1392-93, un Pietro, senatore nell’anno 1406-7 e 1413-14. Quest’ultimo, nel nome maritale di Luigia de Alessio, ottenne a 7 maggio 1417 la conferma della salina dello Stagnone di Marsala vicino all’isola di S. Teodoro e all’isola di S. Pantaleone e fu pure barone di Belmonte, baronia che dopo vari passaggi pervenne in potere di un Vincenzo Afflitto e La Grua marito di Elisabetta Morso, la quale, dopo la morte del marito, l’ebbe innalzato in principato con privilegio dato a 2 settembre 1627 esecutoriato a 8 gennaio 1628. Troviamo ancora un Giacomo Afflitto, pretore di Palermo nell’anno 1431-32, un Niccolò Antonio, giurato della stessa città negli anni 1495-96, 1498-99, 1501-2, capitano giustiziere nell’anno 1513-14 e pretore negli anni 1506-7, 1518-19, 1526-27 e 1531-32; un Pietro, capitano negli anni 1534-35, 1548-49  e 1555-56; un Gerardo, giurato di Palermo, negli anni 1540-41, 1547-48, 1559-60 e 1569-70; un Vincenzo, investito della baronia di Sinagra nel 1568, pretore di Palermo, negli anni 1566-67, 1570-71, 1578-79 e 1588-89; un Troiano, maestro razionale del regno, giurato di Palermo negli anni 1574-75, 1581-82, 1592-93 e 1598-99 e capi-tano giustiziere nell’anno 1594-95; un Cesare, cavaliere dell’ordine di S. Giacomo della Spada, senatore di Palermo negli anni 1594-95, 1608-9 e capitano giustiziere nell’anno 1603-4;  un Ferdinando, senatore negli anni 1662-63, 1665-66, 1669-70, 1672-73, 1674-75, 1681-82,  1685-86,  1687-88, 1688-89  e  1694-95,  eletto a 15 gennaio 1678 Maestro Notaro del Senato di Palermo ed altri ancora. Questa famiglia è passata all’ordine di Malta, nelle persone di un Gaspare ed un Vincenzo Afflitto nell’anno 1557, di un Niccolò Antonio nel 1571 e come quarto di altra famiglia nel 1659 in persona di Vincenzo Morso, Cenami Morso e Afflitto.

Arma: di rosso, all’albero di palma d’oro, accostato da due pavoni al naturale. Corona e mantello di principe.

indice

clicca per ingrandire

Agaldi o Ingaldi.

Su questa famiglia, sulla quale il Palizzolo, appoggiandosi al Mugnos, dice pochissime parole, non abbiamo trovato documento alcuno.

Arma: d’azzurro, al mare dello stesso, fluttuante d’argento, movente dalla punta, con sopra tre uccelli gaipa d’argento che mirano un sole d’oro, movente dall’angolo destro del capo (secondo i detti autori).

 

 

indice

clicca per ingrandire

Agello o Ajello.

Di questa famiglia è degno di menzione quel Matteo regio notaro e cancelliere del regno sotto il re Guglielmo il Buono, e fondatore, nel 1169, di un Monastero di donne in Palermo, sotto titolo di S. Maria dei Latini, volgarmente chiamato del Cancelliere.

Arma: d’argento, al mare fluttuante d’azzurro, movente dalla punta, dal quale sorge una testa di delfino, che guarda un sole di rosso, movente dall’angolo destro del capo.

 

indice

clicca per ingrandire

Ages o Lisages o Liarges o Liages.

Nobile famiglia originaria dalla Catalogna. Un Guiscardo de Ages ottenne da Re Martino nell’anno 1396 la concessione del feudo di S. Stefano, nel quale, alla sua morte, succedette il figlio Antonio, che ne ottenne investitura nel 1453. A questo, morto senza figli, succedette il fratello secondogenito Andrea, che fu investito di S. Stefano, di Bissana ed Amorosa nel 1488; fu giurato di Palermo nell’anno 1485-86, capitano della stessa città nell’anno 1487-88 e pretore nel 1498-99 e morì pure senza lasciar discendenti.

Arma: trinciato d’argento e di nero, al leone dell’uno nell’altro, guardante un giglio pure dell’uno nell’altro.

indice

clicca per ingrandire

Agnello.

Un Antonio Agnello di Mistretta ottenne a 11 gennaio 1452 di poter edificare una torre ed una tonnara nella marina del casale di Rigitano. Un Giacomo Agnello ottenne a 26 settembre 1453 dal re Alfonso la conferma del feudo di Francavilla che venne poscia ripreso dalla Regia Corte per essere stato detto Giacomo accusato di aver ucciso, in tempo che occupava la carica di capitano di Mistretta, Mazziotta de Agnello, giurato di detta terra. Troviamo poi il detto feudo di Francavilla in potere di Paolo Agnello che lo trasmise al figlio Alfonso, il quale dovette litigare con Giorgio Lombardo, che l’avea avuto concesso dalla Regia Corte nel 1463. A questa famiglia appartenevano forse quell’Antonino che troviamo con la carica di proconservatore di Cefalù nell’anno 1734 ed i fratelli Francesco e Giuseppe Agnello, il quale ultimo troviamo negli atti titolato barone di Ramata, ed investito a 24 marzo 1777 del feudo di Lorito con titolo di signore. Francesco Agnello, giurato di Cefalù nell’anno 1758-59 e capitano della stessa città nel 1761-62, fu investito del feudo di Ogliastro con titolo di Signore a 10 luglio 1766; sposò Anna Maria Figlia che gli recò in dote il feudo di Signefari, del quale, nel nome maritale, ne venne a 27 marzo 1746 investito e testò a 12 aprile 1788 presso gli atti di notar Giacomo Nicolò Neglia di Cefalù istituendo erede il figlio primogenito: Pietro che a 4 aprile 1789 ottenne l’investitura dei feudi di Signefari ed Ogliastro col titolo di signore.

Godette questa famiglia pure nobiltà in Castrogiovanni, della quale città troviamo castellano nell’anno 1519 un Nicolò l’Agnello; e passò all’ordine di Malta, come quarto di altra famiglia, nell’anno 1585 in persona di Carlo Petroso-Agnello-Leto e Leto.

Non sappiamo se fossero appartenuti a questa famiglia quel Francesco dell’Agnelli, barone di Patellaro per privilegio del 3 giugno 1656, quel Francesco Agnelli e Sitaiolo, giudice delle Appellazioni in Palermo nell’anno 1710-11 e quel Gaspare che tenne la stessa carica nell’anno 1733-34 e quella di giudice pretoriano nell’anno 1737-38 e dal quale fu donato il titolo di barone di Patellaro al nipote Antonio Palumbo e Agnelli.

Arma: d’azzurro, a quattro pali d’oro, e l’agnello pasquale d’argento attraversante sul tutto.

indice

clicca per ingrandire

Agnon.

Arma: d’argento, all’aquila spiegata di nero, tenente negli artigli due serpi dello stesso.

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Agon.

Nobile famiglia aragonese, della quale troviamo un Lupo Ximenes ed un Martino Ximenes de Agon fra i 43 feudatari invitati dall’infante Alfonso a trovarsi in Huesca (Aragona) per il combattimento che dovea aver luogo, in Bordeaux, tra Carlo d’Angiò e Pietro d’Aragona.

Arma: d’oro, a tre monti di verde, sormontati da una stella di rosso.

 

 

indice

clicca per ingrandire

Agostino (D’).

Famiglia originaria di Pisa passata in Palermo, Messina ed altre città di Sicilia, godendo ovunque nobiltà ed occupando le primarie cariche. Nel 1282 troviamo un notar Guglielmo inviato come ambasciatore della città di Nicosia al Re Pietro d’Aragona, e insieme ad un Giovanni lo troviamo nel 1283 annoverato fra i cavalieri di detta terra. I fratelli: Antonio e Giovanni d’Agostino acquistarono dal conte di Collesano il feudo di Flureni o Xureni, un Antonio dottore in leggi fu vicecancelliere del Sacro Consiglio, un Andreotto fu pretore di Palermo negli anni 1513-14 e 1520-21, carica occupata, nel 1550-51, anche da un Pietro, che fu pure maestro razionale del R. Patrimonio e governatore della nobile Compagnia dei Bianchi in Palermo negli anni 1541, 1542, 1543 e 1557-58; un Giovan Vincenzo fu giurato della stessa città nel 1560-61 ed un Giacomo fu Giudice pretoriano negli anni 1582-83, 1600 e 1601. Troviamo pure questa famiglia in Girgenti, vedendo nel 1283 annoverato tra i cavalieri di detta città un Rinaldo, in Mazzara dove, nell’anno 1549-50, occupò la carica di capitano un Francesco, ed in Sciacca dove nel 1722 troviamo con la carica di proconservatore un Antonio.

Arma: d’azzurro, a tre fascie d’oro, accompagnate da sei vasetti dello stesso, situati 3, 2, 1.

indice

clicca per ingrandire

Agosto.

Questa famiglia godette nobiltà in Messina nel secolo XV. Un Geronio fu giudice della Gran Corte nel 1424, un Giovanni Maria fu capitano di Castroreale nel 1473.

Arma: d’azzurro, al capriolo d’argento, accompagnato da tre stelle dello stesso.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Agramonte.

È d’origine spagnuola e godette nobiltà in Messina nei secoli XIII e XIV. Un Giacomo de Agramonte possedette il feudo di Faverchi, che, per la sua morte senza figli, venne da Re Alfonso concesso a Vitale de Blanes.

Arma: d’azzurro, al monte d’argento, sparso di balze di verde, movente dalla punta.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Agraz.

Il primo, forse, di questa nobile famiglia casigliana che venne in Sicilia fu un Alonzo de Agraz reggente del supremo consiglio d’Italia in Ispagna, presidente del Tribunale del R. Patrimonio che, con privilegio dato a 19 novembre 1648 esecutoriato a 16 aprile 1649, ottenne il titolo di marchese di l’Agonia, o Unia. Da questi ne venne, fra gli altri, Francesco secreto di Palermo, padre di altro Alonzo regio secreto della R. Secrezia e Dogana di Palermo e governatore del Monte di Pietà della stessa città nell’anno 1708-9. Fu Alonzo marito di Agata Federico e Matragna, che lo rese padre di Francesco, il quale con privilegio dato a 7 dicembre 1726 esecutoriato a 22 marzo 1727 ottenne dall’Imperator Carlo VI il titolo di Duca di Castelluzzo. Dal matrimonio di Francesco Agraz e Federico con Eleonora Parisi ne venne al mondo Giuseppe Agraz e Parisi protonotaro della camera reginale e padre di Francesco Emmanuele Agraz, il quale a 25 giugno 1787 venne investito dei titoli di duca e barone di Castelluzzo, marchese di Unia, barone del grano del tarì dei baroni e barone del grano sopra i caricatori del regno; il primo dei quali, con R. decreto del 21 aprile 1839, venne riconosciuto in persona di Ignazio Agraz.

Arma: d’oro, a due viti di verde, fruttifere d’azzurro.

indice

clicca per ingrandire

Agrigento o Girgenti. (Vedi)

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Aguilera.

Di questa famiglia troviamo un capitan Diego castellano di Termini nel 1662, un capitan Melchiorre castellano di Licata nel 1673, ed un Corrado-Antonio maestro secreto del regno di Sicilia nel 1696.

Arma: ?

 

 

 

 

indice