Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Babilonia a Baeli

 

Babilonia.

Un Giuseppe Babillonia a 17 maggio 1663 lo troviamo investito del feudo di Sonnaro con titolo di barone; un Domenico lo troviamo proconservatore di Girgenti, 1682; una Costanza Babilonia in Garì, con privilegio dato a 4 agosto 1686, esecutoriato a 22 settembre 1688, ebbe concesso il titolo di duca di Valverde; altro Giuseppe lo troviamo giurato di Girgenti nell’anno 1741-42.

Arma: ?

indice

 

Badalucco.

Nobile famiglia di Monte San Giuliano, della quale troviamo un Andrea castellano di detta città 1486, Bartolo giurato di detta città nel 1643-44, un Vito ed un Carlo proconservatori della stessa, il primo nel 1696 e il secondo nel 1706, altro Vito patrizio di detta città nell’anno 1743-44, un Domenico giurato nel 1801-2.

Arma: di . . . . . al cane rampante di . . . . . contro un albero di palma sormontato da due stelle d’otto raggi di . . .

indice

clicca per ingrandire

Bado.

Il Minutolo dice che un Battista, figlio di Pietro, portò questa famiglia in Messina dove godette nobiltà nei secoli XV e XVI. È passata all’ordine di Malta come quarto di altra famiglia nella persona di Giovanni Di Giovanni-Salvarezzo-Giustiniani e Bado ricevuto nel 1640 a poscia gran priore di Barletta e Messina.

Arma: spaccato d’azzurro e di rosso con la fascia in divisa d’oro attraversante; nel 1° a tre fascie ondate d’argento; nel 2° ad una rosa del medesimo.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Badolato.

Questa nobile famiglia calabrese decorata del titolo di marchese di Cropolati godette nobiltà in Messina nel secolo XVI. Un Giovan Matteo fu giudice straticoziale di detta città nel 1522.

Arma: d’azzurro, al monte di tre cime d’oro, movente dalla punta, sostenente un leone dello stesso, sormontato da tre stelle d’argento ordinate nel capo.

 

 

 

 

indice

 

Baeli o Bayeli.

Questa famiglia godette nobiltà in Messina nei secoli XVI e XVII ed in Milazzo. Un Giovan Vincenzo lo vediamo iscritto nella Mastra Nobile del Mollica 1597, 1600 e 1601, un Francesco Bayeli fu giurato di Milazzo nell’anno 1522-23, altro Francesco, da detta città, ebbe con privilegio dato a 8 luglio 1630 esecutoriato a 11 agosto 1631, il titolo di Don ed un Onofrio fu insignito a 13 maggio 1641 del titolo di barone di S. Niccolò.

Arma: ?

indice