Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Cariddi a Carpinteri

clicca per ingrandire

Cariddi.

Nobile famiglia messinese. Un Matteo fu giudice della corte straticoziale di Messina nel 1488-89, carica tenuta da un Alfonso nel 1524-25, da un Giovanni Antonio (che fu pure giudice della Gran Corte del Regno nel 1568-69-70), nel 1554-55; da un Mario nel 1619-20. Detto Mario fu giudice della Gran Corte Criminale del Regno nel 1629-30-31, 1639-40-41, sindacatore di Messina nel 1644, e trovasi annotato nella mastra nobile del Mollica (anno 1605), nella quale vediamo pure annotato un Girolamo ed un Giovan Pietro del fu Antonino. Forse quest’ultimo dovette essere quel Giovan Pietro Cariddi, che fu tra i fondatori dell’ordine militare della Stella.

Arma: di rosso, al pino d’oro, nodrito sovra un terreno di verde, con due grifi del secondo, coronati dello stesso contra-rampanti e affrontati al tronco.

indice

 

Carioso o Caruso (vedi).

 

indice

clicca per ingrandire

Carissima.

Nobile famiglia di Trapani. Un Luigi fu vice-secreto di detta città, nel 1398, maestro portulano del Regno nel 1401 e nel 1405 ottenne l’isola di Favignana; un Antonio possedette il feudo di S. Ippolito, che ebbe confermato da re Martino; un Gaspare fu senatore di Trapani nel 1407-8; un Tommaso capitano di Alcamo nel 1403 e forse egli stesso fu senatore di Trapani nel 1414-15; un Melchiorre  fu capitano di quest’ultima città nel 1428-29 ed un Giuseppe Antonio fu senatore negli anni 1604-5, 1612-13.

Arma: troncato; nel 1° di rosso, alla croce potenziata d’oro; nel 2° di rosso, a tre bande d’oro.

 

indice

clicca per ingrandire

Carmisino o Cremisino.

Nobile famiglia di Messina, nella quale città molti membri di essa hanno vestito la toga senatoria. Un Domenico, cavaliere, governatore nobile della Tavola Pecuniaria di Messina nel 1761-62, senatore nobile di detta città nel 1775-76 e rettore nobile delle Verginelle nel 1791-92, lo troviamo ascritto alla mastra nobile di Messina del 1798-1807, con il figlio Giuseppe.

Arma: troncato, con la fascia in divisa d’argento, nel 1° d’azzurro, alla sbarra d’oro, sinistrata da tre stelle dello stesso, 1 e 2; nel 2° d’oro, al monte di tre cime di rosso, movente da un terreno di verde.

 

 

indice

 

Carnazza.

Questa famiglia che godette nobiltà in Messina, vedendo annotato nella mastra nobile del Mollica un messer Giulio Cesare nell’anno 1601, possedette il feudo di Piscopo.

Arma: ?

indice

 

Carnerio o Incannera.

Un Bernardo, clavario maris del regno di Sicilia, ottenne nel 1399 concessione del feudo di Nanfizia.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandireclicca per ingrandire

Carnevale o Carnovale.

Nobile famiglia di Castronovo, che possedette il feudo di Fanaco. Un barone Felice-Maria fu proconservatore di Girgenti 1758; un barone Luigi-Felice (o Felice-Luigi) tenne la stessa carica in Castronovo negli anni 1767, 1774, 1786, 1789, 1793 a 1798; un barone Melchiorre fu giudice civile di quest’ultima città nel 1801-2.

Arma: di rosso, a due fascie ondate d’argento, e tre stelle d’oro, ordinate in fascia nel capo.

Alias: di rosso, a due fascie ondate d’azzurro, poste nella punta e tre stelle di oro, ordinate 1 e 2.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

Carnisecchi.

Pare che sia originaria di Firenze. Possedette i feudi Grottarossa, Giurfo, Campisotto, Joannello e Coscacino. Un Giovanni, barone di Joannello e Coscacino, fu coadiutore della nobile compagnia della Carità di Palermo 1614.

Arma: ?

indice

 

Caro (de).

Di questa nobile famiglia sono degni di menzione un Nicolò, che nel 1282 era uno dei secreti di Sicilia; un Palmerio, che, con privilegio dato a 2 marzo 1400 ottenne la baronia di Montechiaro, passata, per una Francesca, in casa Tomasi; un Giovannello che ottenne, per aver difesa la città di Licata contro Bernardo Caprera, d’innalzare nelle proprie armi i pali d’Aragona; un Antonio baiolo di Trapani nel 1403 e senatore di detta città nel 1414-15; un altro Antonio, possessore dei feudi di Purachi e Pirato con il piano e la gabella della Cannata e Camparia delle pecore e delle vacche.

Un Giacomo, barone di Arcodaci, capitano di giustizia in detta città di Trapani nel 1624-25-26, 1630-31 e 1633-34, ed altri molti.

Arma: d’azzurro, alla palma al naturale, ed il capo d’Aragona (d’oro, a quattro pali di rosso).

Alias: d’oro, a quattro pali di rosso e la palma al naturale attraversante.

Alias:  di rosso, al fonte naturale, sostenente due uccelli dello stesso, in atto di bere.

indice

clicca per ingrandire

Carobene.

Nobile famiglia di Noto. Un Antonio possedette la salina o Pantano del Rovetto 1433 ed il feudo di Saccolino 1426. Fu padre di Martina, che andò in moglie a Rinaldo Sortino, a cui portò in dote la salina o Pantano del Rovetto, che ebbero confermata a 5 luglio 1443.

Arma: di rosso, alla fascia d’oro, caricata da tre rose del campo.

 

 

 

 

 

indice

 

Caropipi.

Un Lamberto de Caropipi possedette il feudo di Caropipi, ma di tale possesso, come lo stesso Barberi afferma, non si trova nella cancelleria del regno alcun documento. Per la morte di Costanza figlia di detto Lamberto, e per la ribellione di lei e di Ludovico de Pamplona suo marito, il re Martino e la regina Maria concedettero il detto feudo a Pietro Mirone, algozirio.

Arma: ?

indice

 

Carosio o Carrosio.

Nobile famiglia genovese, della quale a 20 ottobre 1554 vediamo un Giovanni Agostino, del fu Cristofaro, ascritto al libro d’oro dei nobili di Genova. Pare che i primi a passare in Sicilia siano stati un Giuseppe, dottore in leggi, (di Giovanni Agostino, di Giovan Battista, di Giovanni Agostino predetto), che nel 1686 sposò, in Siracusa, Maria Nicoletta Sardo e Verber ed un Francesco, fratelli. Da quest’ultimo, che fu amministratore generale dell’Azienda del Tabacco in Napoli nel 1740, ne vennero, fra gli altri, Camillo senatore di Messina nel 1743-44, morto, in carica, di peste; Orazio senatore di detta città nel 1744-45;  Cesare  giudice  pretoriano  di  Palermo  nel 1736-37, del concistoro nel 1743, della Gran Corte Criminale del 1753-54; Gaetano, capitano nel reggimento Real Farnese e Marianna moglie di Giovanni Agostino Carosio e Sardo suo cugino (figlio di Giuseppe e Maria Nicoletta Sardo). Da questo matrimonio ne vennero Giuseppe Maria deputato dell’Albergo dei poveri in Trapani nel 1754,  Cesare sacerdote, Francesco Maria, capitano nel reggimento Girgenti, e Bartolomeo.

Quest’ultimo, insieme con il fratello primogenito Giuseppe Maria, ottenne ampio attestato di nobiltà dal senato di Palermo a 9 agosto ed a 30 aprile 1774.

Arma: ?

indice

 

Carpinato.

Nobile famiglia di Acireale, della quale notiamo un Francesco, acatapano nobile di detta città nel 1743-44; un Pietro Paolo, che tenne la stessa carica nell’anno 1759-60; un Casimiro, capitano di giustizia di detta città nel 1774-75; un Giuseppe Carpinato e Barbagallo, che tenne la stessa carica nel 1798-99 e quella di patrizio nell’anno 1802-3 ed un Martino Carpinato e Pavone, che fu acatapano nobile nell’anno 1804-5.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Carpinteri.

Un Demetrio fu giudice pretoriano di Palermo nel 1795 e 1798 e della Gran Corte; un Guglielmo, che portava, non sappiamo con quale diritto, il titolo di barone, fu giurato di Scicli nel 1812-13.

Arma: d’azzurro, al pino sradicato trattenuto da due leoni, contra-rampanti al tronco, il tutto d’oro.

 

 

 

 

 

indice