Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Gerobino a Gianguercio

clicca per ingrandire

Gerobino vedi Gerbino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Geronimo (di) vedi Girolamo (di).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Gervasi.

Nobile famiglia di Monte S. Giuliano, che possedette il feudo di Cellaro e la salina denominata della SS. Trinità o della Badia nel litorale di Trapani. Un Vito tenne la carica di patrizio di Monte San Giuliano 1731; un Giuseppe-Antonio tenne quella di giurato della stessa città nel 1745-46; un Niccolò fu giudice della corte pretoriana di Palermo negli anni 1741-42 e 1750-51 e giudice del tribunale del Concistoro negli anni 1751-52-53.

Arma: d’azzurro, alla cerva ramosa d’oro, in atto d’avvicinarsi ad un fonte d’argento.

 

 

 

indice

 

Giacomazzi.

Un Vincenzo comprò alquante tande dalla regia corte con diritto ad alcuni titoli di barone e, con privilegio del 28 dicembre 1638, ottenne il titolo di barone di S. Vincenzo. Un altro Vincenzo lo troviamo nel 1715 proconservatore nella terra di Burgio.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Giacomo (di).

Antica e nobile famiglia messinese, della quale tra gli altri troviamo un Albizo con la carica di giurato in detta città di Messina nel 1319, carica occupata da molti membri di questa famiglia. Un Francesco ottenne, con privilegio del 30 novembre 1769, il titolo di barone di Giovan Paolo.

Arma: d’azzurro, a tre torcie d’argento, accese di rosso, impugnate e legate dello stesso.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Giaconia.

Di questa famiglia, che possedette il feudo di Ricalcaccia, tra gli altri, notiamo un Andrea capitano di Cefalù 1400; un Paolo, dottore in leggi, giudice della Corte Criminale di Mistretta nel 1774-75 e di quella civile nel 1776-77, ed un Giovanni, investito a 30 giugno 1803 del titolo di barone di Migaido.

Arma: d’azzurro, al leone d’oro, impugnante una lancia d’argento fustata di nero, cimata da un elmo all’antica d’argento.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Giallongo, Gianlongo o Janlongo.

Di questa famiglia sono degni di menzione un Antonio vice secreto di Patti sotto i Martini; un Giacomo, giurato di Taormina nell’anno 1488; un Ignazio, barone di Fiumetorto e Ricalxacca, senatore di Palermo nel 1754-55, e Bernardo Giallongo e San Martino ultimo investito di detta baronia a 13 gennaio 1760.

Arma: troncato: nel 1° d’oro, all’aquila spiegata e coronata di nero; nel 2° di rosso, al castello d’argento, a tre torri merale di tre pezzi alla ghibellina, aperto e finestrato del campo.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Giambertone.

Nobile famiglia di Girgenti. Un Ignazio, barone del Mezzograno o del Portulanotto, a 11 novembre 1789 ottenne esecutoria della concessione del titolo di marchese. Sposò Giovanna la Rizza, dalla quale ebbe Giuseppe, che ebbe in moglie Flavia Filangeri dei duchi del Pino. Da tale matrimonio ne venne Ignazio, che fu investito a 26 settembre 1802 dei titoli di marchese e di barone di Portulanotto e che, da Francesca Palermo, ebbe Giuseppe, inscritto nell’elenco definitivo delle famiglie nobili e titolate siciliane con i titoli di marchese e di barone di Portulanotto.

Arma: d’azzurro, al monte d’oro, accompagnato in capo da tre colombe volanti di argento.

 

indice

clicca per ingrandire

Giambruno.

Questa famiglia possedette i feudi di Garbonoara, i Sollazzi di Troina e i Supplementi delle città di Trapani, Mazzara e Sciacca. Un Salvatore fu giudice pretoriano di Palermo nel 1774-75.

Arma: d’azzurro, alla sbarra d’oro, accompagnata da due stelle dello stesso una nell’angolo destro del capo e l’altra nell’angolo sinistro della punta.

 

 

 

 

 

indice

 

Giampiccolo.

Un Mario acquistò nel 1728 una tenuta grande di terre del feudo di S. Giuseppe o Carnisala, della quale a 4 marzo 1754 vediamo investito Emanuele, suo nipote ed a 19 agosto 1786 Antonino, figlio del precedente. Un Giorgio fu proconservatore interino in Ragusa 1765.

Arma: ?

indice

 

Giancardo.

Questa famiglia godette nobiltà in Palermo, nella quale città un Orazio vestì la toga senatoria nell’anno 1613-14.

Arma: ?

indice

 

Giandaidone.

Questa famiglia possedette in feudo la salina di Marsala, concessa ad un Berardo con privilegio del 17 aprile 1507.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Giangolino.

Il Galluppi dice che sia originaria di Fano e che abbia goduto nobiltà in Messina nel secolo XVII.

Arma: losangato d’argento e d’azzurro.

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Gianguercio.

Questa famiglia possedette i feudi di Cavarretto, di San Biagio, Gialdoneri e Mandrili. Un Vincenzo fu giudice pretoriano di Palermo nel 1625-26, del tribunale della Gran Corte del Regno dal 1629 al 1635; un Cesare fu senatore di Palermo nel 1631-32.

Arma: d’azzurro, a tre stelle d’argento, male ordinate.

 

 

 

 

 

 

 

indice