Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Giorgianni a Giuffrè

 

Giorgianni vedi Costa Giorgianni.

 

indice

clicca per ingrandire

Giorgio (di) o Giorgi (di).

Di questa famiglia notiamo un Giovanni, capitano di giustizia di Marsala nel 1594-95; un Antonio, consigliere della nobile compagnia della Pace in Palermo nel 1595; un Giuseppe che, con privilegio dato a 12 luglio 1658, esecutoriato a 8 maggio 1659, ottenne per sé e suoi il titolo di don; un Vincenzo, giudice della Corte straticoziale di Messina nel 1746-47 e del tribunale della Gran Corte, sala criminale, negli anni 1762-63-64; un Salesio, governatore del Monte di Pietà di Palermo nel 1763-64; un Gaetano, dottore in leggi, deputato delle nuove gabelle di Palermo dal 1781 al 1794 e rettore dell’Ospedale di S. Bartolomeo della stessa città dal 1777 al 1790.

Arma: di rosso, al leone d’oro, rivoltato.

 

indice

clicca per ingrandireclicca per ingrandire

Giovanni (di).

Nobile famiglia, che si vuole originaria di Valenza e dello stesso stipite dei Centelles. Possedette i principati di Castelbianco, di Castrorao, di Trecastagne, di Ucria, le ducee di Pignara o Pino e di Saponara, il marchesato di Sollazzo, le baronie di Cicera, Gatta, Vescara, ecc.. Un Pietro, fu regio tesoriere nel 1283; un Palamede vestì l’abito di Malta e fu gran priore di Pisa e Venezia, 1373; un Enrico fu pure cavaliere di detto ordine, balì di Venosa e gran priore di Messina, 1462; un Francesco, un Mario, fu Filippo o Giovan Filippo, un Giulio Cesare, un Gilotta, un Giacomo furono annotati nella mastra nobile del Mollica; un Francesco fu senatore di Palermo negli anni 1559-60, 1564-65, 1569-70, 1573-74, 1579-80; un Placido, con privilegio dato a 6 novembre 1632 esecutoriato a 6 giugno 1633, ottenne il titolo di principe di Castrorao; un Domenico, con privilegio dato a 15 febbraio esecutoriato a 20 luglio 1641, ottenne il titolo di principe di Trecastagne; un Gaspare fu senatore di Palermo nel 1668-69; un Vincenzo, con privilegio dato a 2 ottobre 1682 esecutoriato a 29 gennaio 1685, ottenne il titolo di duca di Saponara; un Ippolito, con privilegio dato a 6 gennaro esecutoriato a 20 agosto 1685, ottenne il titolo di marchese di San Calogero; un Palmerio, con privilegio dato a 1 marzo esecutoriato a 17 giugno 1699, ottenne il titolo di marchese del Sollazzo; un Vincenzo di Giovanni e Zappata, duca di Saponara, principe del S. R. Impero, corriere maggiore del Regno, consigliere di Stato dell’imperator Carlo V, acquistò il principato di Castelbianco e, per la moglie Flavia Pagano, fu pure principe di Ucria; un Francesco fu senatore di Palermo nel 1746-47; un Agostino Di Giovanni Prestigiovanni Arces, con privilegio dell’8 febbraro 1753, ottenne il titolo di barone della Grazia di Vallebella; un Francesco, da Messina, con privilegio dato a 1 ottobre 1759 esecutoriato a 26 gennaro 1760, ottenne il titolo di duca della Pignara; un Tommaso fu giudice della Corte pretoriana di Palermo nel 1778-79; un Andrea, commendatore dell’ordine di Malta, un Giovanni, duca di Precacuore, un Letterio-Palmerio, marchese del Sollazzo, figli del duca Francesco, sono ascritti alla mastra nobile di Messina del 1798-1807.

Arma: d’azzurro, a due leoni coronati contrarampanti d’oro, trattenenti una spiga di frumento dello stesso, nodrita su una zolla al naturale.

Cimiero: l’aquila nascente coronata di nero.

indice

 

Giovenco.

Di questa famiglia notiamo un Antonio, dottore in leggi, proconservatore in Caccamo 1706; un Francesco, giudice delle appellazioni in Palermo nel 1755-56 e della Corte pretoriana della stessa città nel 1756-57 ed un Vincenzo senatore di detta città di Palermo negli anni 1739-40, 1758-59, 1761, 1766-67 e 1769-70.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Gipponieri o Cipponeri (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

Girgentano (Lo).

Un Matteo, da Caltagirone, con privilegio del 18 agosto 1549, ottenne il titolo di regio cavaliere.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Girgenti o Agrigento.

Di questa famiglia sono degni di nota un Alessandro, castellano di Valle di Crati in gennaio 1220; un Enrico che è tra i cavalieri di Taormina nel 1283 ed un Michelangelo, giudice della Corte pretoriana di Palermo nel 1627-28-29, del tribunale della Gran Corte Civile del Regno nel 1635-36-37, maestro razionale togato del tribunale del Real Patrimonio e presidente dello stesso tribunale.

Arma: troncato, nel 1° d’azzurro, al castello d’argento sormontato da tre torri; nel 2° d’argento, a 3 fasce ondate d’azzurro.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Girifalco.

Un Tommaso, regio familiare e segretario dell’infante Ferdinando duca di Calabria, con privilegio dell’8 luglio 1453, ottenne conferma del feudo di Limina, come marito di Antonella, figlia di Niccolò de Parisio.

Arma: d’azzurro, al girifalco d’oro, tenente con gli artigli un ramo d’ulivo del suo colore.

Divisa: ALTA PETO.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Girolamo (di) o Geronimo (di).

Godette nobiltà in Lentini ed in Mazzara, possedette i feudi di Sabuci, li Muni o Limone, il salto di Balchino. Un Antonino, con privilegio dato a 18 decembre 1624 esecutoriato a 30 giugno 1630,  ottenne  il  titolo  di  Don; un barone Biagio fu proconservatore in Lentini

1772-1778; un barone Gaetano tenne la stessa carica 1786-1802 ed egli stesso nel 1789-90 tenne, in detta città, la carica di capitano di giustizia; un barone Vincenzo, dottore in leggi, fu proconservatore in Lentini, 1803. Un Francesco Di Girolamo e Marsiglia fu giurato nobile di Mazzara nel 1794-95 e capitano di giustizia nel 1800-1801.

Arma: d’oro, alla croce traversa di nero.

indice

clicca per ingrandire

Gisino o Giusino (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Gismondi.

Famiglia che si vuole originaria dalla Savoja, portata, come pare, in Palermo da un Giovan Battista nella seconda metà del secolo XVII. Un Benedetto fu maestro razionale supernumerario togato del tribunale del Real Patrimonio 1709; un Pietro, con privilegio dato a 3 maggio 1712, ottenne il titolo di barone di Portaferrata, fu senatore di Palermo negli anni 1713-14 e 1725-26; un Giovan Battista Gismondi e Texeira, barone di Portaferrata, possedette pure il titolo di marchese di Camporeale; un Michele fu senatore di Palermo nel 1768-69.

Arma: troncato: nel 1° d’oro, alla rosa di rosso, fustata e fogliata di verde; nel 2°  d’argento, al cuore di rosso, e la fascia d’azzurro, attraversante sulla partizione.

 

indice

clicca per ingrandire

Gisulfo.

Originaria, come comunemente si crede, di Genova, godette nobiltà in Messina nei secoli XVI e XVII, ed in Palermo. Fu illustrata, tra gli altri, in Sicilia, da un Agostino, presidente del tribunale del Real Patrimonio e reggente del supremo Consiglio di Spagna 1570; da un Paolo luogotenente del Protonotaro del Regno di Sicilia 1594; da un Francesco Gisulfo e Osorio, cappellano regio, abate di S. Maria di Gala 1643, arcimandrita di Messina 1647, vescovo di Cefalù 1650, presidente del Regno di Sicilia 1656 e vescovo di Girgenti 1658; da un Giuseppe Gisulfo e Osorio, che tenne molte cariche importanti e, con privilegio dato a 7 dicembre 1668 esecutoriato a 30 marzo 1669, venne decorato per sé e suoi del titolo di duca di Ossada; da un Placido che vestì la toga senatoria di Palermo nel 1706-7, 1709-10, 1720-21; da un Giovanni, senatore di detta città nel 1715-16; da un Giuseppe Gisulfo e Platamone, ultimo duca di Ossada, governatore più volte della Compagnia di Carità e del Monte di Pietà di Palermo; e da altri.

Arma: d’azzurro, a tre fasce doppiomerlate d’oro, col capo d’argento, alla croce di rosso.

indice

clicca per ingrandireclicca per ingrandireclicca per ingrandire

Giudice (del) o Lo Giudice.

Originaria di Napoli secondo alcuni autori, di Genova secondo altri; godette nobiltà in Messina dal secolo XIII al XVII, in Palermo, in Marsala ed altrove e possedette le baronie di Gualtieri e di Sollazzo, la tonnara di Magasinazzi, ecc. Un Bartolomeo fu giudice di Messina nel 1256; un Giovanni, al dir del Minutolo, fu cavaliere e cameriere di Re Alfonso e il figlio Antonio maestro razionale del regno; un Giovanni Antonio, da Marsala, con privilegio dato a 6 febbraio 1535 esecutoriato a 12 gennaro 1536, ottenne la concessione del titolo di regio cavaliere e delle armi gentilizie; un Bernardo fu annotato nella mastra nobile del Mollica; un Giovan Francesco fu senatore di Messina nel 1607 e nel 1619 e si vuole che sia stato uno dei fondatori dell’ordine militare della Stella; un Vincenzo, con privilegio del 27 ottobre 1653 esecutoriato a 24 settembre 1659, ottenne la concessione del titolo di Don e di quello di barone di S. Chiara; un Antonino fu giudice pretoriano di Palermo nel 1701, con privilegio dato a 18 luglio esecutoriato a 1 settembre 1704, venne nominato giudice del tribunale del Concistoro e, con privilegio del 24 novembre 1707, di quello della Gran Corte Civile.

Arma: inquartato di rosso e di nero, alla croce spinata d’argento, attraversante sul tutto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Giuffrè o Giufredi.

Di questa famiglia notiamo un Fabio, che fu castellano di Termini e padre di Agostino, castellano di Marsala; un Carlo, che fu senatore di Palermo nell’anno 1663-64 e un Giovanni, uomo di costumi esemplari morto in Palermo nel 1551, padre di Argisto, autore degli “Avvertimenti Cristiani”. È passata all’ordine di Malta, come quarto di altra famiglia, in persona di Carlo Reggio.

Arma: d’oro, a due pali d’azzurro, e la banda dello stesso, attraversante sul tutto.

 

 

 

 

indice