Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da La Barbera a La Lomia

clicca per ingrandire

La Barbera o Barbera (La) (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

Labruto.

Un Giovanni, da Calascibetta, a 15 gennaro 1438 ottenne infeudazione di alquanti territori, sotto il nome di Pietraganzile (Petra Chanziri); un Placido fu console nobile del Mare in Messina nel 1765-66.

indice

clicca per ingrandire

Labruzzo, La Burzi o Abbruzzo.

Questa famiglia possedette il feudo di Nixima. Un Giacomo, da Messina, è notato nel ruolo dei feudatari sotto re Ludovico per un cavallo armato; un Angelo, con privilegio dato a 12 novembre 1523 esecutoriato a 10 febbraio 1524, ottenne la collettoria della regia secrezia di Messina.

Arma: partito nel 1° d’azzurro, a tre torri unite d’oro, quella di mezzo più alta; nel 2° di rosso, alla colonna d’argento, la base e il capitello d’oro, coronata dello stesso.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

La Corte vedi Corte (La).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

Ladron.

Un Venceslao-Carlo Ladron, per la moglie Rosaria Jannò, figlia di Onofrio, possedette il titolo di marchese di Jannò.

clicca per ingrandire

La Farina vedi Farina (La).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

La Grutta vedi Grutta (La).

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

La Grua vedi Grua (La).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

La Guidara vedi Guidara (La).

 

indice

clicca per ingrandire

La Gunna o Laguna vedi Gunna (La).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

La Liarda.

Questa famiglia possedette in feudo i censi del R. Demanio di Messina, portati da una Caterina in casa Vitale nel 1559.

 

indice

clicca per ingrandire

La Ligname vedi Ligname (La).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

La Liotta vedi Liotta (La).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

La Lomia o La Lumia vedi Lumia (La).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice