Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Magnamo a Manafria

clicca per ingrandire

Magnano.

La si vuole originaria di Bologna. Un Biagio fu giudice della corte pretoriana di Palermo nel 1573-74 e della Gran Corte Civile del Regno negli anni 1575-76-77; un Orlando, a 7 agosto 1572, lo troviamo vice portulano in Taormina; un Giuseppe-Francesco, da Lentini, con privilegio del 26 agosto 1765 ottenne il titolo di barone di San Lio ed egli stesso tenne la carica di patrizio di detta città di Lentini negli anni 1782-83 e 1791-92; un Antonino fu capitano di giustizia di detta città nell’anno 1791-92; un barone Alfio fu capitano di giustizia di Lentini negli anni 1806-7 e 1811-12. Con decreto ministeriale del 6 dicembre 1900 venne riconosciuto il titolo di barone di S. Lio ad Alfio Magnano, di Gaetano, di Alfio predetto.

Arma: di rosso, al leone d’oro, tenente una lancia, sostenuto da un ristretto di terreno, il tutto d’oro.

indice

 

Magnavacca o Mangiavacca (vedi).

 

indice

clicca per ingrandire

Maida o Mayda.

Nobile famiglia di Palermo, che possedette il feudo di Linguaglossa. Un Salvatore fu pretore di Palermo nel 1320-21; un Nicolò tenne la stessa carica negli anni 1349-50, 1352-53, 1354-55; un Simone fu senatore di Palermo nel 1406-7; un Giovanni tenne la carica di capitano di giustizia di Mazzara nel 1533-34; un Giuseppe fu procuratore fiscale supernumerario del tribunale della Gran Corte nel 1683.

Arma: d’azzurro, a tre fasce d’oro, la prima sostenente tre monti d’oro, la seconda due monti dello stesso.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Mainardi o Minardi (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Maio.

Il Palizzolo, sulla fede del Villabianca, scrive che un Giuseppe di Majo fu rettore dell’ospedale di S. Bartolomeo di Palermo nel 1723 e dell’opera di Navarro della stessa città nel 1739.

Arma: d’azzurro, al leone d’oro, tenente con le zampe tre gigli dello stesso.

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Maiolino o Majolino.

La si vuole d’origine catalana. Un Girolamo, da Messina, con privilegio dato a 7 aprile 1570 esecutoriato a 30 luglio 1571, ottenne la concessione del titolo di nobile col Don. Nella mastra nobile di Messina del 1798-1807 vediamo annotati un Francesco, dottore in leggi, (del fu Placido) ed un Luigi, fu Domenico.

Arma: bandato d’oro e d’azzurro.

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Maiorana.

La si vuole originaria di Calabria e godette nobiltà in Monte San Giuliano, Marsala, Messina e Palermo. Possedette il titolo di marchese di Leonvago, le baronie di Villadimare e di Nicchiara. Vanta un Giovanni, che, al dir del padre Castronovo, venne creato regio milite da re Pietro II d’Aragona e fondò nel 1335 la chiesa di S. Caterina in Monte S. Giuliano. Un Fabrizio fu senatore di Messina nel 1595-96; un Pietro fu giudice delle Appellazioni di Palermo nel 1674-75; un Paolo fu senatore di Messina negli anni 1667-68 e 1673-74; un Francesco, barone di Villadimare, fu giurato di Marsala nel 1694-95; un Vincenzo fu governatore della tavola di Palermo nel 1712; un Pietro Maiorana Lavaggi Ebbano e Maccagnone acquistò il titolo di marchese di Leonvago, del quale ottenne investitura a 21 marzo 1751; un Agostino fu senatore di Palermo negli anni 1758-59, 1760-61, 1763, 1768-69, 1771-72, 1773-74-75; un Benedetto, dottore in legge, acquistò il titolo di barone di Nicchiara, del quale ottenne investitura a 10 aprile 1786; un Bernardo Maiorana e Lo Squiglio, marchese di Leonvago, a 24 novembre 1796 ottenne attestato di nobiltà dal Senato di Palermo.

Arma: d’azzurro, a due colonne d’argento, decussate; accompagnate in capo da un giglio d’oro; ai fianchi da due rose d’argento.

indice

 

Majorca o Majorques.

Possedette Resuttana e Rachilebi. Un Giovanni fu submonterio della regia corte nel 1403; un altro Giovanni fu castellano di Nicosia, con la quale carica morì nel 1472; un Francesco fu senatore di Trapani nel 1436-37 e capitano di giustizia di detta città nel 1439-40.

indice

clicca per ingrandire

Malacrida.

Illustrata da quel Defendino che tenne le cariche di giudice pretoriano di Palermo negli anni 1664-65, 1671-72, 1676-77, 1678-79,di giudice della Gran Corte del Regno negli anni 1669-70, 1671, 1673, 1674-75, 1679-80-81, di ministro della giunta per la incorporazione dei beni confiscati e da confiscarsi dei messinesi ribelli nel 1679, di maestro razionale del Real Patrimonio, di giudice del Banco di Palermo e rettore della redenzione dei cattivi, con le quali ultime cariche morì nel 1689.

Arma: d’argento, al leone di nero, impugnante con le zampe anteriori un bastone dello stesso.

 

 

indice

clicca per ingrandire

Maletta.

Antica e nobile famiglia illustrata da un Manfredi che fu conte di Mineo e di Paternò; da un Federico, barone di Cammarata e presidente del regno di Sicilia sotto re Manfredi al dir del Pirri e dell’Inveges; da un altro Manfredi, conte di Mineo, ecc. che fu uno dei grandi del regno sotto gli aragonesi. Un Gentile fu giurato di Caltagirone nel 1431-32; un Antonio tenne la stessa carica nel 1438-39; un Bartolomeo nell’anno 1444-45.

Arma: d’oro, con tre fasce di nero. Lo scudo accollato all’aquila spiegata di nero.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Mallia.

Nobile famiglia di Terranova di Sicilia. Possedette il titolo di marchese di Torreforte, le baronie di Tuffo, Fontana degli Angeli, Gresti, Sambuci, ecc. Un Giacomo, tenne la carica di proconservatore in Terranova nel 1710, carica tenuta dal marchese Andrea Francesco nel 1786-1787, dal marchese Alessandro-Emanuele negli anni 1789, 1793, 1811 e da un Giuseppe, nel 1810. Un Alessandro Mallia e Bonifacio, con privilegio del 14 dicembre 1756, ottenne il titolo di barone di Sambuci.

Arma: d’oro, all’albero di pino al naturale, nodrito sulla pianura erbosa di verde, accostato dal leone di rosso, coronato d’oro, contra-rampante al tronco, ed il crescente d’argento accompagnato da tre stelle del medesimo nel canton destro dello scudo, ed il sole d’oro, figurato di rosso nel sinistro.

 

indice

clicca per ingrandire

Maltese.

Nobile famiglia di Castrogiovanni, che possedette i feudi di Ganigazzeni, Gasba ecc.

Arma: di rosso, al leone d’argento, rampante contro una colonna dello stesso.Arma: d’azzurro, al leone d’oro, sormontato da tre stelle d’argento allineate in fascia

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

Mammina.

Il Galluppi vuole che questa famiglia godette nobiltà nei secoli XII, XIII e XIV. Un Andrea possedette il feudo di Sanagia.

indice

 

Manafria o Minafria (vedi).

indice