Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Riso a Rois

clicca per ingrandire

Riso (de).

Il Galluppi la vuole nobile in Messina nel secolo XIII e nota un Nicolò giudice in detta città nel 1255. Noi troviamo un Gaspare, da Lentini, che, con privilegio del 27 maggio 1532, ottenne il titolo di regio cavaliere.

Arma: d’azzurro, alla fascia d’oro, accompagnata nel capo da una stella e nella punta da due gigli, il tutto dello stesso.

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Risolmino o Resolmino (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Rivarola.

Si vuole originaria dalla Liguria, nota sin dai primi anni del secolo XI. Vanta il possesso del castello di Rivarolo nel parmense (castello da cui prese il nome) e la concessione del titolo di nobile del Sacro Romano Impero fatta

nel 1496 dall’imperatore Massimiliano ai fratelli Gregorio e Uberto Rivarola. Venne portata in Sicilia, sulla fine del secolo XVI, dai fratelli Agostino e Pietro Rivarola, nobili genovesi. Pietro acquistò i feudi Canalotto superiore ed inferiore, Carisia, Rafforosso, Castelluzzo superiore ed inferiore, ecc. che trasmise al nipote Angelo Maria, il quale fu senatore in Palermo negli anni 1609-10, 1612-13, governatore della Tavola nel 1614-15, protonotaro del Regno e con privilegio dato a 12 dicembre 1613 esecutoriato a 28 febbraio 1614, ottenne per sè e suoi il titolo di Don; un Gaspare fu primo principe di Roccella in sua famiglia per successione a casa La Grutta e fu governatore del Monte di Pietà in Palermo nel 1748 e 1751; un Francesco Rivarola e Vanni, figlio del precedente, a 11 ottobre 1764 ottenne investitura del titolo di principe di Roccella; un Giuseppe Rivarola e Vanni, fratello del precedente, fu parroco in San Nicolò l’Albergheria nel 1774, e vicario generale dell’arcivescovo di Palermo; un Gaspare Rivarola e Termine, di Francesco, principe di Roccella, a 14 gennao 1822 ottenne attestato di nobiltà dal senato di Palermo.

Arma: d’azzurro al leone d’oro; ed il capo d’oro caricato da un’aquila spiegata coronata di nero.

indice

clicca per ingrandire

Rivera o Ribera.

Si vuole originaria di Spagna e dello stesso stipite dei duchi di Alcalà, di cui quel Ferdinando, duca di Alcalà, che fu vicerè in Sicilia dal 1632 al 1635. Godette nobiltà in Messina, Palermo, Trapani, ecc.. Un Luca fu senatore in Palermo nel 1530-31; un Giovan Battista è annotato nella mastra nobile del Mollica; un Martino fu capitano di giustizia in Trapani nel 1610-11; un dottor Girolamo, con privilegio del 16 maggio 1638, ottenne il titolo di barone di Santa Maria la Cava e, con privilegio del 16 luglio dello stesso anno, quello di barone di Montagnarussa; un Mattia, con privilegio del 16 luglio 1638, ottenne il titolo di barone di San Paolino; un capitano Diego fu castellano in Termini nel 1660.

Arma: partito: nel 1° di rosso, a tre fasce d’oro; nel 2° d’azzurro al leone rosso.

Alias: d’oro, a tre fasce di verde.

indice

clicca per ingrandire

Rizzari.

Antica famiglia, che godette nobiltà in Catania, Caltagirone, ecc. Un Filippo, sotto Federico III, fu abbate di Santa Maria di Licodia e San Nicolò da Arena; un Pietro fu senatore di Catania negli anni 1413-14, 1415-16, 1419-20, ecc. e capitano di giustizia nel 1417-18; un Luigi tenne quest’ultima carica nel 1415-16 e quella di patrizio nel 1429-30; un Guglielmo fu patrizio in Catania nel 1426-27; un Goffredo, milite, dottore in leggi, maestro razionale e giudice della gran corte dei conti, possedette il feudo Bibino del quale ottenne conferma a 14 febbraio 1446, le terre della Chiesa e di Volta della Monaca, delle quali ottenne conferma a 10 settembre 1449; un Pietro fu capitano di giustizia in Caltagirone nel 1465-66; un Giovanni fu capitano di giustizia in Catania negli anni 1492-93, 1496-97; un Pietro, da Catania per la moglie Giovannella de Quadro, possedette i feudi Frascino e Briemi nel 1495; un Vito fu giudice capitaniale in Catania nel 1501; un Giovanni Benedetto fu giurato in Caltagirone negli anni 1527-28, 1534-35; un Giacomo tenne la stessa carica in detta città negli anni 1561-62, 1569-70; un Pietro fu giudice del tribunale della Gran Corte del Regno negli anni 1571-72-73; 1579-80-81; un Vito fu patrizio in Caltagirone nel 1610-11; un Alessandro fu patrizio in Catania negli anni 1617-18, 1621-22; un Luigi fu senatore in Caltagirone negli anni 1640-41, 1645-46 e patrizio nel 1649-50; un Francesco, con privilegio del 22 maggio 1640, ottenne il titolo di barone di San Paolo, fu capitano di giustizia in Catania negli anni 1640-41, 1649-50 e 1657-58, come marito di Antonia de Gregorio, fu primo duca di Tremestieri in sua famiglia e possedette l’ufficio di luogotenente e maestro notaro del Protonotaro del Regno; un Giovanni fu giudice della Gran Corte negli anni 1654-55, 1656-57, 1664-65, 1670-71 e 1676-77, avvocato fiscale del tribunale del Real Patrimonio, rettore della Redenzione dei Cattivi nel 1679; un Giovan Benedetto fu senatore in Caltagirone nel 1660-61, patrizio nel 1665-66, capitano di giustizia nel 1681-82, 1688-89; un Pietro, cavaliere dell’ordine di Alcantara, fu senatore in Catania nel 1667-68 e forse egli stesso dovette essere marito di Apollonia La Valle e barone di Schisò; un Giuseppe, duca di Tremestieri, è annotato nella mastra nobile di Catania del 16 gennaio 1696 tra i feudatari regi cavalieri; un Giuseppe fu senatore in Caltagirone nell’anno 1699-700, capitano di giustizia negli anni 1712-13, 1726-27-28; un Francesco Rizzari e Notarbartolo fu senatore in Catania nell’anno 1702 e nello stesso anno un Giovanni Rizzari e La Valle tenne, in detta città, la carica di acatapano nobile; un Luigi fu giurato in Caltagirone nel 1745-46; un Ignazio fu senatore in Catania nell’anno 1752-53; un Francesco, duca di Tremestieri, occupò la stessa carica in detta città negli anni 1780, 1791, 1794; un Salvatore fu senatore in Caltagirone nel 1798-99. Nell’elenco ufficiale definitivo delle famiglie nobili e titolate della regione siciliana troviamo notato, con i titoli di nobile e nobile dei duchi di Tremestieri, il signor Giovanni Rizzari Bonaiuto, di Ignazio, di Giovanni.

Arma: d’azzurro, al palo d’oro.

indice

clicca per ingrandire

Rizzo o Riccio (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Rizzone.

Un Antonino Rizono, regio segretario, comprò nel 1497 i feudi Taburna, Salina e Serradifalco, che ebbe confermati a 29 dicembre 1497. Non sappiamo se sia disceso da detto Antonino quel Michele Rizzone, presidente del Consiglio Provinciale di Siracusa, commendatore dei SS. Maurizio e Lazzaro e della Corona d’Italia, sindaco di Modica, senatore del Regno, ecc. ecc.

Arma: semi troncato: partito nel 1°: a) d’argento a tre ricci di castagno al naturale; b) di rosso a un riccio come sopra; nel 2° d’argento a un pino di verde sinistrato da un leone al naturale.

 

 

indice

 

Rizzotti.

Illustrata da un Giuseppe, che tenne, tra le altre cariche, quella di giudice della Gran Corte Civile nell’anno 1808-9.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Robba, Rubba o Rubà (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Rocca (La).

La si vuole originaria di Pisa, godette nobiltà in Messina dal secolo XIII al XVIII; possedette il principato di Alcontres, la ducea di San Lorenzo, il marchesato di Roccalumera, le baronie Caule de Lorba o di Lerba, Caule di Legna, Piani di lu Puti, Colla soprana e sottana, Finocchiara, Fondaco del Re o di Bitonto. San Giuseppe, Lalia, Lando, Maeggio, Militello, Placabajana, Raccuia, Racarciofali, Scarpello, Serradi-falco, i diritti della corte capitaniale di Piazza, ecc. ecc. Un Guglielmo fu, nell’ordine di Malta priore del Gran Priorato di Messina nel 1294; un Ampollonio possedeva sotto re Federico II alcune terre in Scicli; un Guccio fu vice secreto di Noto nel 1398; un Giovanni fu senatore di Catania negli anni 1414-15, 1420-21, 1443-44, 1448-49, 1454-55; un Carlo fu senatore di Messina nel 1469-70; un Giacomo, scriba regio, fu procuratore fisci et patrimoni nel 1485; un notar Pietro fu giudice capitaniale della città di Salemi nel 1504; un Antonino fu senatore di Messina negli anni 1502-503, 1516-17; un Girolamo tenne la stessa carica in detta città negli anni 1514-15, 1524-25, 1530-31; un Antonio fu giurato di Salemi negli anni 1533-34, 1536-37; un  Bernardino fu senatore in Messina negli anni 1535-36, 1547-48 e, con privilegio dell’8 giugno 1540, ottenne i titoli di nobile col Don e di regio cavaliere e fu deputato del Regno nel 1547; un Giovan Filippo fu senatore di Messina nell’anno 1535-36 e deputato del Regno negli anni 1547,1549, 1566; un Cristofaro tenne la stessa carica negli anni 1545-46, 1547, 1552-53; un Giacomo fu senatore di Messina negli anni 1566-67, 1570-71, 1574-75, 1577-78, 1581-82, 1584-85, 1587-88 ed è iscritto nella mastra nobile del Mollica (lista XVIII, anno 1604); un Carlo fu senatore di Messina negli anni 1590-91, 1595-96, 1612-13; un Mario, un fra Filippo ed un Andrea fu Francesco sono iscritti nella mastra nobile del Mollica; un Alberto fu giurato di Salemi negli anni 1610-11, 1631-32, capitano di giustizia negli anni 1632-33, 1343-44 e proconservatore in detta città nel 1655; un Pietro, con privilegio dato in Madrid a 25 marzo 1627 esecutoriato in Messina a 15 ottobre detto anno, ottenne la concessione del titolo di marchese di Roccalumera e, con privilegio del 20 marzo 1642 esecutoriato a 1 dicembre 1644, ottenne la concessione del titolo di principe di Alcontres; un Francesco fu senatore di Messina nel 1645-46; un Angelo fu giudice pretoriano di Palermo nel 1671-72 e del tribunale della Gran Corte del Regno negli anni 1676-77, 1680-81; un Pietro fu senatore di Messina negli anni 1700-701, 1716-17; un Nicolò fu giurato di Salemi nel 1705-6; un Antonio fu senatore di Messina negli anni 1711-12, 1737-38; un Girolamo fu preconservatore della città di Salemi nel 1734; un Guglielmo Francesco La Rocca e Di Stefano, come figlio di Ignazia Di Stefano e Abela, ottenne a 16 settembre 1789 investitura del titolo di duca di San Lorenzo e fu proconservatore in Scicli dal 1803.

Arma: d’argento, al monte di tre cime di rosso, movente dalla punta, cimato dalla croce del Calvario dello stesso.

Indice

clicca per ingrandire

Roccaberti.

Il Mugnos la vuole originaria dalla Catalogna e nobile in Sicilia sotto gli Svevi, affermando, tra l’altro, che un Dalmao ottenne nel 1220, concessione del castello della Zisa in Palermo. Noi non abbiamo trovato alcun documento che ci ponga in grado di accettare o di respingere le notizie date dal Mugnos.

Arma: d’oro a tre pali di rosso, accostati da dodici rocchi di scacchiero di nero, posti 3, 3, 3, 3.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Roda o Rota (de) (vedi).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

 

Rodriquez.

Un Giovanni del fu Francesco, da Lipari, con privilegio del 21 luglio 1784, ottenne il titolo di barone del Ponte.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Rois o Ruis.

Pare che sia originaria della Spagna; godette nobiltà in Palermo. Un Alfonso fu senatore in Palermo nell’anno 1530-31 e acquistò i feudi Amorosa e Bisana.

Arma: d’oro, al leone di rosso rampante ad un albero, sradicato di verde; e la bordura di rosso caricata da dieci decussi d’oro.

 

 

 

 

 

 

indice