Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Stizza a Susinno

 

Stizza.

Nobile famiglia Catanese. Un Antonino fu  senatore di Catania negli anni 1522-23, 1530-31, 1533-34, 1536-37; un Girolamo, con privilegio dato a 19 febbraio esecutoriato a 5 giugno 1574, ottenne concessione del titolo di regio cavaliere e fu senatore in Catania nell’anno 1581-82, capitano di giustizia negli anni 1584-85, 1594-95 e patrizio  nell’anno 1598-99.

indice

clicca per ingrandire

Stracuzzi.

Nel 1764 troviamo che un Michele, dottore in leggi, venne proposto tra i nobili da iscriversi nella mastra nobile della città di Milazzo.

Arma: di verde, alla torre d’argento, accostata da due levrieri d’argento e d’azzurro contra rampanti alla base.

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Stratigò.

Si vuole che sia originaria dalla Grecia. Con regie lettere patenti del 1902 venne riconosciuto il titolo di barone di Galassi in persona di Giuseppa Stratigò, figlia di Nicolò e di Assiotea Cozzo.

Arma: partito: di Stratigò, che è d’oro all’aquila al naturale, e di Cozzo, che è troncato d’oro e di rosso, il secondo a tre monti del primo.

 

 

 

 

 

indice

 

Strazzeri.

Godette nobiltà in Caltagirone. Un Giovanni Tommaso acquistò la baronia di Cutumino sottano, della quale ottenne investitura a 20 marzo 1699 e la baronia di Bessima, della quale fu investito a 26 settembre 1715; un Giovanni Tommaso (lo stesso del precedente?) acquistò la baronia di Grottacalda, della quale ottenne investitura a 4 febbraio 1736; un Antonino, barone di Cutumino, fu senatore di Caltagirone negli anni 1752-53, 1757-58, acquistò la baronia di Santo Stefano, della quale ottenne investitura a 16 gennaio 1755 e il titolo di principe di Sant’Elia, di cui fu investito a 1 novembre 1769.

indice

 

Strazzuso, Strazzuzo o Struzzuzo.

Godette nobiltà in Vizzini e in Mineo. Un Mario nel 1731 concorreva agli uffici nobili di Vizzini; un Giovan Battista fu sindaco dei nobili in Messina nel 1783-84.

 

indice

clicca per ingrandire

Strozzi.

Illustre famiglia Fiorentina, che vanta discendere dalla famiglia romana Anicia. La portò in Palermo un Orazio, nobile fiorentino, gentiluomo di camera di re Filippo III, cavaliere dell’ordine dell’Alcantara, che fu senatore di Palermo negli anni 1623-24 e 1632-33, capitano di giustizia nel 1633-34, pretore nel 1637-38, deputato e vicario generale del Regno, veditore delle genti di guerra, conservatore e maestro razionale del Real Patrimonio, castellano del castello del Salvatore di Messina nel 1636, strategoto di essa città nel 1640, e, con privilegio dato a 21 agosto esecutoriato a 18 settembre 1637, ottenne concessione del titolo di marchese di Flores; un Giuseppe Strozzi e Termini, marchese Flores, che, per la moglie Aloisia Arrighetti, possedette i feudi Gurgo, Celso, Manchi e Metà di Scala, costituenti la baronia di Sant’Anna, sulla quale, con privilegio dato a 4 febbraio esecutoriato a 15 maggio 1643, ottenne concessione del titolo di principe, fu cavaliere dell’ordine di San Giacomo, capitano di giustizia di Palermo nell’anno 1674-75, pretore della stessa città negli anni 1683-84, 1686-87, ecc.

Arma: d’oro, alla fascia di rosso, caricata da tre mezzelune crescenti d’argento.

indice

 

Struzzuso vedi Strazzuso.

 

indice

 

Sturzo.

Notiamo di questa famiglia un Giuseppe Salvatore, che acquistò metà del feudo Altobrando, del quale ottenne investitura a 10 luglio 1807.

 

indice

clicca per ingrandire

Suriano o Soriano.

Un Giovanni, priore della chiesa di Sant’Andrea di Piazza nell’anno 1396, fu castellano in detta città; un Pasquale, catalano, acquistò da Raimondo Manganelli di Piazza il feudo Rachalmisuri o Ramorsura del quale ottenne conferma a 20 marzo 1400; un Giuseppe, barone di Ramorsura, acquistò anche il feudo Colletorto, alias Mendola, nella fine del secolo XVI.

Arma: d’oro, a tre sbarre cucite d’argento.

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Susinno.

Godette nobiltà in Palermo, trovando, tra gli altri, un Guglielmo con la carica di senatore nell’anno 1564-65, di ministro della nobile compagnia della Carità nel 1567; un Vincenzo governatore del Monte di Pietà nel 1660; un Gaspare Andrea, che, a 25 ottobre 1757, ottenne dal Protonotaro del Regno parere favorevole per essere notato  nel ruolo dei nobili cavalieri privati.

Arma: d’oro, a due alberi di pino al naturale.

 

 

 

indice