Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Tortoreti a Travali

clicca per ingrandire

Tortoreti o Turtureti.

Di questa famiglia notiamo un Tommaso, fisico e maestro razionale, che ottenne dalla regina Eleonora, a 9 febbraio 1337, concessione del feudo Moio; un Galvagno che, con privilegio dato a 29 gennaio 1399, ottenne concessione del monte o poggio di Mompilieri; un Simone che fu senatore in Messina negli anni 1418-19, 1420-21, 1422-23 e possedette Bitonto e metà di Piragò e, come marito di Angela de Grana Ordei di Salvatore, ebbe il diritto del ponte di Girgenti; un Nicolò che fu giudice straticoziale in Messina negli anni 1454-55, 1457-58 e fu investito di Bitonto a 10 settembre 1453; un Francesco, investito di Bitonto a 5 giugno 1513, e che finì decapitato quale traditore; un Enrico giudice della Gran Corte del Regno negli anni 1630-31, 1636-37; un Giovan Battista che fu secreto di Palermo, e morì nel 1660.

Arma: d’oro, alla tortora posata al naturale.

indice

clicca per ingrandire

Tortorici di Vignagrande.

Non ha niente, secondo noi, di comune con la precedente. Un dottor Pietro fu proconservatore di Pietraperzia nel 1802 e tale carica tenne un Michele, che, nel 1792, era stato alfiere di fanteria della milizia urbana di Pietraperzia e, a 21 marzo 1803 ottenne infeudazione del territorio di Vignagrande di cui ebbe  investitura a 22 settembre 1807. Con decreto ministeriale del 22 luglio 1871 il signor Pompeo Tortorici (di Giuseppe, di Michele), commendatore della corona d’Italia, già deputato provinciale in Caltanissetta, ecc. ottenne il riconoscimento del titolo di barone di Vignagrande e con regie lettere patenti del 27 giugno 1897 venne autorizzato ad assumere il titolo di barone di Rincione, per successione alla famiglia Giarrizzo. Con decreto ministeriale del 6 giugno 1911, i detti titoli vennero riconosciuti al signor Michele Tortorici, figlio di detto Michele.

Arma: d’azzurro, a due tortore affrontate, appollaiate sulla sommità di una noce, il tutto al naturale; il noce nodrito sulla campagna troncata; al primo scaccato di due file d’argento e di rosso; al secondo d’argento alla fascia di rosso.

indice

 

Tortorici di Villanova e di Raffadali.

Anche questa famiglia non ha secondo noi alcuna relazione con la Tortoreti. Un Gaspare fu proconservatore di Bisacquino nel 1680; un Antonino fu giurato di detto comune nell’anno 1798-99; un Francesco, nato a Castelvetrano a 12 novembre 1841, ottenne con decreto ministeriale del 4 marzo 1900 di usare, maritali nomine, il titolo di barone  di Villanova spettante alla moglie Rosa Scudero; un Giovanni, nato a Bisacquino a 1 gennaio 1856, venne autorizzato con decreto ministeriale del 12 gennaio 1900 ad assumere, maritali nomine, i titoli di principe di Raffadali, duca di San Nicolò, marchese di Montaperto, barone di Calamonaci, signore dello stato e terra di Raffadali, signore della terra di Sant’Elisabetta, spettanti alla moglie Antonia Montaperto.

Arma: d’azzurro, al pino d’Italia, nodrito sopra un ristretto di terreno e sostenuto a sinistra da un leone con una tortora volante in sbarra e in basso verso l’albero; il tutto al naturale, sormontato nel punto del capo da un sole d’oro.

indice

 

Toscano.

Un Bartolomeo, milite, aiutante del cavallerizzo del re, nell’anno 1498 fu capitano di giustizia in Caltagirone; un Nicolò fu patrizio di Monte San Giuliano nell’anno 1500.

Arma: ?

 

indice

clicca per ingrandire

Trabucco.

Di questa famiglia notiamo un Giuseppe giudice della Gran Corte del Regno negli anni 1604-5, 1608-9, 1620-21-22; un Salvatore che acquistò il feudo Torretta di Marineo, di cui ottenne investitura a 23 giugno 1773 e trasmise al figlio Giuseppe, che ne fu investito a 26 ottobre 1787.

Arma: d’azzurro, al monte di tre cime nella cui sommità sta un bastone scorciato posto in banda sostenente un leone passante e coronato, accompagnato nel capo da tre stelle, il tutto d’oro.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Traina.

Si vuole che sia stata nota in Sicilia fin dal tempo dei Normanni.

Notiamo un Giacomo senatore in Palermo negli anni 1307-8, 1326-27; un Francesco vescovo di Girgenti, che acquistò, nel principio del secolo XVII dalla regia corte, mille tratte annue con gli uffici di maestro notaro civile di Licata, ecc.; un Fabrizio, che acquistò da casa Pilo i feudi Falconeri, Torretta, Rafforosso nel 1636, ecc.

Arma: d’oro, a due braccia di rosso uscenti dai fianchi dello scudo, trattenenti un piede al naturale svenato.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Tramontana.

Di questa famiglia notiamo un Cesare e un Francesco che sono notati nella mastra nobile del Mollica; un Salvatore che, come marito di Giovanna Tancredi, fu barone del Mezzograno nella fine del secolo XVII; un Giulio che fu giurato di Castronovo nell’anno 1798-99; un Salvatore, barone del Mezzograno per investitura del 21 giugno 1796, capitano di giustizia in Castronovo nell’anno 1800-801 e un dottor Giuseppe che fu proconservatore in Naro nel 1804.

Arma: d’azzurro, alla fascia diminuita d’oro, accompagnata da tre monti dello stesso, ciascuno di tre cime, moventi dalla punta e una stella d’argento nel capo.

 

 

 

indice

 

Tranchida o Tranquida.

Un Nicolò Tranquida possedette metà del feudo Piragò, che, per la sua morte senza figli, fu, da re Martino, concessa nell’anno 1440 a Bertrando de Montedron.

Arma: ?

 

indice

clicca per ingrandire

Tranfo.

Si vuole originaria di Tropea, decorata dei titoli di principe di Cosoleto e duca di Precacuore e nobile in Messina, al dir del Galluppi, nei secoli XVII e XVIII.

Arma: d’oro, all’olivo di verde, nodrito sovra un monte a tre cime dello stesso, movente dalla punta.

Divisa: SICUT OLIVA IN DOMO DOMINI.

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Trano.

Godette nobiltà in Messina nei secoli XII e XIII. Un Giovanni, giurisperito, fu senatore di Messina negli anni 1252, 1272.

Arma: d’azzurro, al leone d’oro rampante contro la torre dello stesso, movente dalla punta, sormontata da tre stelle d’argento, ordinate nel capo.

 

 

 

 

 

 

indice

 

Trapanese.

 Un Giovanni Trapanese e Cannada possedette l’ufficio di portulanotto di Girgenti o diritto di mezzo grano, di cui ottenne investitura a 11 febbraio 1788.

Arma: ?

 

indice

clicca per ingrandire

Trapani.

Secondo il Mugnos godette nobiltà in Mazzara. Noi abbiamo trovato un dottor Giovanni Simone con la carica di proconservatore in Petralia Sottana nel 1680.

Arma: d’azzurro, al castello d’argento accompagnato da un porco marino.

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Trara.

Il Galluppi dice che questa famiglia, che vuole originaria di Scala, possedette la baronia di Comitrici e fu nobile in Messina nel secolo XIII.

Arma: partito: d’oro e d’azzurro a due grifi contrarampanti e affrontati dell’uno all’altro.

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Travali.

Di questa famiglia, la cui nobiltà fu ritenuta provata il 10 dicembre 1834 dalla commissione dei titoli in Napoli, notiamo un Giuseppe che, con biglietto reale del 14 maggio 1813, venne nominato capitan d’ordine della camera dei comuni; un Benedetto, figlio del precedente, che fu segretario particolare di Ruggero Settimo nel 1848 e incaricato del protocollo del consiglio dei Ministri, che nel 1860 ricoprì l’alta carica di capo gabinetto del consiglio dei Ministri del governo dittatoriale e prodittatoriale e nel 1862 quella di direttore generale del Tesoro per le province Siciliane e fu padre di Giuseppe, dottore in leggi, primo archivista di Stato, membro e segretario della commissione araldica siciliana, socio attivo della regia accademia di scienze, lettere e belle arti di Palermo, cavaliere dell’ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro e ufficiale della corona d’Italia e d’Accademia in Francia; un Salvatore, canonico decano della Real Cappella Palatina di Palermo e cavaliere degli ordini dei SS. Maurizio e Lazzaro e della corona d’Italia (morì nel 1912); un Benedetto, ispettore generale al Ministero del Tesoro a riposo, commendatore degli ordini dei SS. Maurizio e Lazzaro e della corona d’Italia.

Arma: d’azzurro, all’albero al naturale, sinistrato da un leone rivoltato d’oro.

indice