Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Vacca a Valguarnera

 

Vacca.

Di questa famiglia è degno di nota un Francesco, che, nel 1547, era uno degli otto capitani a guerra del Regno e che, nel 1555, fu uno dei sergenti maggiori della milizia in Sicilia.

Arma: ?

indice

 

Vaccarella.

Godette nobiltà in Palermo. Un Enrico fu senatore in detta città negli anni 1430-31, 1435-36; un Tommaso, come marito di Pina de Truglu, possedette il feudo Carcaci, di cui ottenne investitura a 27 novembre 1487; un Giuseppe, barone di Carcaci, fu senatore in Palermo nell’anno 1590.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Vaccaro.

Notiamo: un Pino, da Malta, che, a 20 febbraio 1397, ottenne concessione del feudo Aquilea; un Inigo, da Malta, milite, consigliere regio, che ottenne, a 24 febbraio 1397, il feudo Beniarad o Venerando e fu capitano sostituto in Malta e Gozzo nel 1403; un Giovanni, che fu castellano della torre di Troina nell’anno 1443; un Tommaso, che fu senatore in Messina nell’anno 1451-52; un Giacomo castellano di Troina nell’anno 1479; un Carmelo, che, a 5 maggio 1811, fu aggregato al ceto nobile di Randazzo.

Arma: di rosso, alla vacca passante d’oro.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Vaginelli.

Illustrata da un Pietro, dottore in leggi, che fu giudice della corte pretoriana in Palermo nel 1757-58, del tribunale del Concistoro negli anni 1765-66-67, avvocato fiscale del tribunale del Real Patrimonio nel 1784, maestro razionale giurisperito di detto tribunale nel 1787; acquistò il feudo Cutumino superiore nell’anno 1762 e fu padre di Agostino, dottore in leggi, investito di detto feudo a 18 aprile 1788. Da detto Agostino ne venne Pietro, barone di Cutumino per investitura del 6 giugno 1796, padre di Giovanni e avo di Pietro iscritto nell’elenco ufficiale definitivo delle famiglie nobili e titolate della regione siciliana con i titoli di barone di Cutumino soprano e barone di Pelo e Merca.

Arma: d’oro, a quattro uncinetti di nero, posti tre ed uno.

 

indice

clicca per ingrandire

Vagliasindi.

Di questa famiglia notiamo un Matteo, dottore in leggi, che fu giudice civile di Randazzo nel 1742-43 e capitaniale nel 1744-45; un Michelangelo Vagliasindi e Ventimiglia, figlio di detto Matteo, che, a 5 settembre 1739, ottenne investitura del titolo di barone del Castello di Randazzo e fu giurato in detta città nell’anno 1759-60 e capitano di giustizia nel 1776-77; un Carmelo, figlio primogenito di Michelangelo, che, a 20 giugno 1801, ottenne investitura del titolo di barone del Castello di Randazzo e fu giudice criminale in detta città nel 1798-99. Con decreto ministeriale del 6 febbraio 1900 Maria Vagliasindi (di Giuseppe, Di Francesco), moglie a Luigi Romeo di Consalvo, ottenne riconoscimento del titolo di barone del Castello di Randazzo, titolo di cui venne autorizzato il passaggio in famiglia Romeo con Regie Lettere Patenti del primo dicembre 1901.

Con R. Decreto del 4 marzo, susseguito da RR. LL. PP. del 3 aprile 1900 il signor Paolo Vagliasindi, di Francesco, ottenne concessione del titolo di barone.

Arma: di rosso, al pino nodrito sulla pianura erbosa al naturale, sostenuto da un leoncino coronato d’oro, con un sole dello stesso orizzontale a destra.

indice

 

Vagliego o Valliego (vedi).

 

indice

 

Vajola.

Godette nobiltà in Messina. Un Filippo, a 16 giugno 1803, ottenne investitura della gabella del rotolo dei macelli di Messina.

Arma: d’azzurro, al leone coronato d’oro, tenente con le zampe anteriori una V maiuscola dello stesso, contenente tre vajuole d’argento poste due ed una.

 

indice

clicca per ingrandire

Vajro vedi Parisi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Valcarino.

Si vuole originaria di Valenza; passata in Sicilia nella fine del XIV secolo. Un Giovanni, da Siracusa, che, come marito di Tommasa Mustiola, possedette il feudo Targia, fu capitan d’armi in Siracusa nell’anno 1418-19.

Arma: di rosso, a cinque monti d’oro sormontati da cinque stelle dello stesso.

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Valdasci o Valdaxi.

Godette nobiltà in Messina nei secoli XVI, XVII, XVIII e passò all’ordine di Malta come quarto di altra famiglia nel 1585, in persona di Pietro Campolo Valdasci Stagno Ruffo.

Arma: spaccato, nel primo d’azzurro a tre sbarre d’oro, addestrato nel capo da una stella dello stesso; nel secondo di rosso, al braccio destro armato al naturale.

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Valdaura.

Di questa famiglia che, secondo il Di Giovanni, possedette i feudi di Maganoce e la Traversa, notiamo un Guglielmo che, nell’anno 1463, era reggente dell’ufficio di maestro portulano del regno; un Luciano che fu senatore in Palermo negli anni 1488-89, 1493-94, 1504-5, 1508-9, e, con privilegio dato a 30 novembre 1497 esecutoriato a 30 aprile 1498, venne nominato luogotenente del maestro portulano di Sicilia; un Francesco, che fu senatore in Palermo nel 1527-28; un Paolo, che tenne la stessa carica in detta città negli anni 1540-41, 1549-50; un Guglielmo, che fu governatore della Tavola nel 1563-64. Per il matrimonio di Giuseppe Valdaura D’Ondes con Francesca Vernengo e Marchese (13 giugno 1860), baronessa di Porto e Pennate, detto titolo spetta oggi al figlio di detti coniugi Girolamo Valdaura Vernengo.

Arma: inquartato: d’argento e d’azzurro al giglio d’oro nel primo e terzo; e a mezzo volo dello stesso spiegato nel secondo e quarto.

indice

clicca per ingrandire

Valdibella.

Pare che sia originaria di Genova; godette nobiltà in Palermo e, secondo il Galluppi, anche in Messina nei secoli XVII e XVIII. Un Girolamo fu senatore in Palermo nel 1621-22; un Francesco Valdibella La Liotta Notarbartolo e La Farina fu senatore in Palermo nel 1704-5, possedette la tonnara del Tono di Sciacca e, con privilegio dato a 5 novembre 1708 esecutoriato a 13 febbraio 1710, ottenne concessione del titolo di marchese di San Giacinto.

Arma: d’oro, al monte di tre cime di verde, movente dalla punta, sostenente due leoni, uno di nero e l’altro di rosso, affrontati e combattenti.

 

 

indice

clicca per ingrandire

Valdina.

Questa nobilissima famiglia, originaria di Spagna, si vuole derivata dai principi goti e dello stesso stipite della famiglia de Whart, che cambiò nel secolo XI l’antico suo nome in quello di Valdina da una terra posseduta nel regno di Aragona. Passò in Napoli e poi in Sicilia, godendo nobiltà in Messina ed in Palermo. Possedette il principato di Valdina, i marchesati della Rocca e di Valdina, le baronie della Rocca, Raccuia, Maurojanni o Maurogiovanni, ecc. nonché l’ufficio di Maestro Notaro del tribunale della Gran Corte del Regno. Un Andrea, che fu il primo a portarla in Sicilia, verso il 1470 fu reggente l’ufficio di maestro notaro della regia gran Corte, pare che abbia avuto il governo della camera reginale nell’anno 1499, la carica di capitan d’armi e vicario generale del Val di Noto e, con privilegio dato a 23 gennaio 1501 esecutoriato a 24 luglio 1507, ottenne la concessione del titolo di regio cavaliere e fu barone di Raccuia, della Rocca e di Maurojanni. Tralasciando i membri di detta famiglia che si distinsero prima del passaggio della stessa in Sicilia, per brevità, notiamo soltanto un Andrea, barone della Rocca, che ottenne la concessione del titolo di Nobile col Don con privilegio dato a 19 aprile 1558 esecutoriato a 22 maggio 1559; un Carlo, cavaliere di Malta nel 1569; un Matteo, dottissimo filosofo e teologo, professore in Padova e Parigi, vescovo di Acerno, che intervenne nel Concilio di Trento; un Mariano, senatore di Palermo nell’anno 1582-83; un Federico che tenne la stessa carica nel 1612-13; un Pietro Valdina e Ventimiglia, barone della Rocca, maestro notaro della regia Gran Corte, che, con privilegio dato in Madrid a 24 maggio esecutoriato in Palermo a 21 luglio 1623, ottenne concessione del titolo di marchese della Rocca, fu maestro di campo delle milizie siciliane, prese parte a molte campagne e si distinse, particolarmente, nella difesa del ponte di Carignano contro l’esercito francese, fu deputato del Regno, pretore di Palermo negli anni 1636-37, 1639-40, ambasciatore del Senato di Palermo a Don Giovanni d’Austria, e, con privilegio dato a 22 dicembre 1642 esecutoriato a 8 giugno 1643, ottenne concessione del titolo di principe di Maurojanni o Valdina; un Carlo Valdina e Ventimiglia, che fu cavaliere di Malta, gran Croce ad honores, balì di Santo Stefano, commendatore di Ciucciano, siniscalco, generale comandante della squadra delle galere e vinse i Turchi a Zante e a Tripoli (1634), fu più volte ambasciatore dell’ordine al vicerè di Sicilia ed al presidente del Regno negli anni 1635, 1636, 1641, signore di S. Lucia e di Rametta, ministro della nobile compagnia della Carità di Palermo nel 1648, 1660, ecc.; un Andrea Valdina e del Bosco, principe di Valdina, marchese della Rocca, cavaliere dell’ordine dell’Alcantara, vicario generale in Taormina (1647) e presidente dell’arciconfraternita della Redenzione dei Cattivi nel 1653, al quale il Baronio dedicò il suo “Palermo Glorioso”; un Vincenzo, che fu governatore del Monte di Pietà nel 1647-48; un Cesare, principe di S. Flavia, come marito di Francesca Intrigliolo Secusio ed Adamo, che fu giudice straticoziale in Messina negli anni 1648-49, 1651-52, 1654-55, 1666-67, giudice del Concistoro nel 1668; un Giovanni, principe di Valdina, marchese della Rocca, maestro notaro del tribunale della regia Gran Corte nel 1663, presidente dell’arciconfraternita della Redenzione dei Cattivi nel 1665, fondatore a Roma della ricchissima prelatura Valdina che serviva per rappresentare la Sicilia presso la Santa Sede; un Carlo Valdina e Vignolo, che, con privilegio dato a 29 dicembre 1666 esecutoriato a 22 luglio 1667, ottenne concessione del titolo di marchese di Valdina. Questa famiglia è oggi estinta e ne porta il nome, per adozione, il nobile dottore Ferdinando Cataliotti-Valdina del Grano, barone di Chiapparia, che discende da Teresa Valdina.

Arma: d’azzurro, al guerriero armato d’argento, impugnante con la destra uno scettro dello stesso e la sinistra appoggiata all’elsa della spada.

indice

 

Valenza.

Di questa famiglia, che godette nobiltà in Messina, notiamo un capitan Giovanni, castellano del castello di Gonzaga nell’anno 1666; un Filippo Valenza e Carraffa senatore in Messina nell’anno 1682-83; un Francesco che tenne la stessa carica in detta città negli anni 1684-85, 1701-2, 1705-6; un Francesco Valenza e Carraffa (lo stesso del precedente?) che fu capitano di giustizia in Castroreale nel 1706-707.

Arma: ?

indice

 

Valerio o Valero.

Illustrata da un Angelo, che fu giudice pretoriano in Palermo negli anni 1697-98, 1707-8 e del tribunale del Concistoro nell’anno 1709-10.

Arma: ?

 

indice

 

Valguarnera.

Vanta discendere dai conti di Ampurias in Catalogna, i quali pretendevano discendere dai re Goti. Si vuole che abbia fatto due passaggi in Sicilia; il primo sotto re Pietro d’Aragona; il secondo sotto i Martini. Godette nobiltà in Palermo e in Messina; possedette i principati di Belmontino, Gangi, Gravina, Niscemi, Valguarnera; il ducato di Arenella; i marchesati di Regiovanni, Santa Lucia; la contea d’Asaro; le baronie di Bonifato o Marcatobianco e Iamcaruso, Buzzetta; Caropipi, Fiume di Mendola Giardinello, Godrano, Pozzo, Rapi e Piano del Comune, San Giovanni di Galermo, Tonnara di San Giorgio, Vicaretto, ecc. ecc. Un Simone fu pretore di Palermo nel 1333-34; un Vitale fu armiere di re Martino, barone d’Asaro, capitano di giustizia in Nicosia nell’anno 1409; un Giovanni fu capitano di giustizia in Palermo negli anni 1414-15-16; un altro Giovanni, barone d’Asaro, fu strategoto di Messina nel 1474, presidente del Regno nel 1485, capitan generale della cavalleria di re Ferdinando il Cattolico nell’anno 1486; un Giaimo fu vescovo di Malta nell’anno 1495; un Giovanni, barone di Siculiana, fu capitano di giustizia in Palermo nell’anno 1511-12; un Antonio, barone del Godrano, tenne la stessa carica in detta città nel 1535-36; un Giovanni, barone d’Asaro fu strategoto di Messina nel 1542-43, e, con privilegio dato in Magonza a 11 agosto esecutoriato in Palermo a 12 settembre 1543, ottenne concessione del titolo di conte d’Asaro; un Simone, barone di Godrano, fu capitano di giustizia in Palermo nell’anno 1546-47; un Fabrizio barone del Godrano, fu pretore di Palermo negli anni 1583-84, 1589-90; un Annibale, barone del Godrano, fu senatore in detta città negli anni 1593-94, 1598-99 e capitano di giustizia negli anni 1595-96 e 1607-8; un Francesco Valguarnera e Del Carretto, con privilegio dato a 14 ottobre 1626 esecutoriato a 26 gennaio 1627, ottenne concessione del titolo di principe di Valguarnera e fu pretore di Palermo nel 1630-31; un Francesco fu capitano di giustizia in Castrogiovanni nel 1645-46; un Vitale, dei principi di Valguarnera, con privilegio dato a 4 settembre 1645 esecutoriato a 18 maggio 1646, ottenne concessione del titolo di duca dell’Arenella, acquistò nel 1661 il titolo di principe di Niscemi, fu capitano di giustizia in Palermo nel 1665 e pretore nel 1669; un Giuseppe Valguarnera e Lanza, principe di Valguarnera, fu vicario generale in San Filippo d’Argirò nell’anno 1647 e pretore di Palermo nell’anno 1651; un Francesco Valguarnera e Arrighetti, principe di Valguarnera, che come marito di Antonia Graffeo fu principe di Gangi, ecc. nel 1652, tenne la carica di capitano di giustizia in Palermo nel 1679-80, fu cavaliere dell’ordine di San Giacomo della Spada, gentiluomo di camera di re Carlo II, vicario generale del Val Demone, pretore di Palermo nell’anno 1686; un Giovanni, barone del Pozzo, fu senatore in Palermo negli anni 1669-70, 1673-74; un Ponzio, dei principi di Valguarnera, tenne la stessa carica in detta città negli anni 1686-87, 1699-700, e, con privilegio dato a 28 settembre esecutoriato a 4 dicembre 1700, ottenne concessione del titolo di marchese di Santa Lucia; un Giuseppe, conte d’Asaro, fu capitano di giustizia in Palermo nel 1687-88 e pretore nel 1669-700; un Giuseppe, principe di Niscemi, tenne quest’ultima carica in detta città nel 1696-97, fu maestro razionale del tribunale del Real Patrimonio e deputato del regno nel 1714; un Francesco Saverio, principe di Valguarnera, fu capitano di giustizia in Palermo nel 1711-12, vicerè in Sardegna, ambasciatore in Madrid, generalissimo della cavalleria, gran ciambellano di re Carlo Emmanuele III di Savoia, cavaliere dell’ordine supremo della Santissima Annunziata; un Pietro Valguarnera e Gravina, principe di Valguarnera, fu deputato del regno nel 1758, tenente delle guardie del corpo del re di Sardegna, colonnello, generale di battaglia, gentiluomo di camera di detto re, gran croce dell’ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro nel 1778; un Emmanuele Valguarnera e Valguarnera, marchese di Santa Lucia, fu governatore del Monte di Pietà di Palermo nell’anno 1759-60; un Salvatore Valguarnera e La Grua, principe di Niscemi, fu senatore in Palermo nel 1778 e, come marito di Melchiorra Emmanuela Cottone Tarallo e Rao, ottenne, a 22 febbraio 1762, infeudazione del territorio di Giardinello; un Giuseppe Emmanuele Valguarnera e Valguarnera, principe di Valguarnera, principe di Gangi, ecc. fu senatore in Palermo nel 1782-83, capitano di giustizia negli anni 1788-89-90, rettore dell’ospedale di San Bartolomeo nel 1796, pretore nel 1797, gentiluomo di camera e cavaliere dell’ordine del San Gennaro; un Corrado, principe di Niscemi, nel 1812 venne nominato maestro razionale di cappa e spada del tribunale del Real Patrimonio; un Giuseppe Valguarnera e Ruffo, principe di Niscemi, fu maggiordomo di settimana dei re Ferdinando II e Francesco II di Borbone e sedette fra i pari al parlamento del 1848 per la paria di Castelnuovo; un Corrado Valguarnera e Tomasi, figlio del precedente, principe di Niscemi, ecc. fu gran croce dell’ordine della corona d’Italia, senatore del regno, ecc., marito di Maria Favara e padre di Caterina moglie a Pietro Moncada, principe di Paternò, ecc.; di Giuseppe, deputato al parlamento Nazionale, riconosciuto con decreto ministeriale del 27 maggio 1903 nei titoli di principe di Niscemi e di duca dell’Arenella e con decreto ministeriale del 16 novembre 1909 nel titolo di principe di Castelnuovo; di Carolina moglie a Giulio Santostefano, marchese della Cerda e di Elisabetta in Parodi.

Arma: d’argento, a due fasce di rosso.

indice