Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Vento a Vesco

clicca per ingrandire

Vento.

Si vuole originaria di Genova, portata, ai tempi di re Federico II, in Sicilia dove godette nobiltà in Monte San Giuliano e in Trapani. Un Francesco fu senatore in detta città negli anni 1420-21, 1423-24, 1426-27, 1429-30; un Tommaso vi tenne la stessa carica negli anni 1421-22, 1424-25, 1428-29 e quella di capitano di giustizia negli anni 1434-35, 1438-39; un Giovanni, come figlio di Francesco, ottenne a 8 ottobre 1490 investitura del diritto di mezzo grano sul caricatore di Sciacca; un Vito Antonio fu senatore di Trapani nel 1566-67; un Simone, che, per la moglie Giovannella Reda, fu barone della salina di Reda in Trapani, tenne la carica di senatore in detta città negli anni 1584-85, 1589-90; un Giacomo, barone di Reda, fu capitano di giustizia in Trapani negli anni 1612-13, 1619-20; un Mariano, barone di Reda, tenne la carica di senatore in detta città nell’anno 1619-20.

Arma: scaccato d’argento e di rosso di sedici pezzi.

indice

clicca per ingrandire

Ventura.

Di questa famiglia notiamo un Scipione Ventura e Castelluti, che, con privilegio dato a 11 giugno 1657, ottenne concessione del titolo di barone di Pozzoribaldo; un Michelangelo, che, con privilegio dato a 24 settembre 1701, ottenne concessione del titolo di barone di Canzaria; un Vito Ventura e Zacco che fu proconservatore di Comiso nell’anno 1731; un Felice Ventura e Melfi che tenne la stessa carica in Chiaramonte nel 1734; un Giuseppe Ventura e Arezzo che, come marito di Barbara Spitaleri, possedette i feudi di Inturrella e Dagala dei quali ottenne investitura a 13 settembre 1746 e fu proconservatore in Chiaramonte nel 1758; un Matteo che acquistò da casa Caldarera il feudo Raulica di cui ottenne investitura a 5 maggio 1799; un Michelangelo Ventura e Cultrera che, a 26 giugno 1803, ottenne investitura di Inturella e Dagala; un Vito Carlo che, a 27 febbraio 1810, ottenne infeudazione del territorio del Lago.

Arma: d’azzurro, alla figura della fortuna al naturale, la ruota d’oro, uscente dalla punta dello scudo.

indice

clicca per ingrandire

Venuso.

Godette nobiltà in Messina. Un Carlo fu senatore in detta città nel 1730-31 e credenziere della statera della Secrezia e Dogana di Messina.

Arma: d’azzurro, a tre fasce d’oro, quella del capo e l’altra della punta scorciate.

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Venuti.

Il Galluppi dice che questa famiglia godette nobiltà in Messina dal secolo XII al XVII.

Arma: troncato: nel primo di rosso al leone leopardito d’argento; nel secondo d’argento a due pali di rosso.

 

 

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Vera (de).

Godette nobiltà in Messina nel secolo XVI, trovando, tra gli altri, un Alfonso con la carica di giudice della corte straticoziale di detta città nell’anno 1573-74.

Arma: d’argento, a tre pali ondati d’azzurro.

Alias: d’argento, a tre fasce di nero contro innestate, con la bordura di rosso, caricata di otto crocette decussate d’oro.

 

 

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Verardi.

Di questa famiglia, che godette nobiltà in Messina, notiamo un Antonino che, a 15 agosto 1788, ottenne esecutoria della concessione del titolo di marchese, titolo che, a 14 ottobre 1789, ottenne di poter trasmettere al figlio secondogenito nel caso che il primogenito non avesse figli; un Stefano, figlio del secondogenito del precedente, investito del titolo di marchese a 30 luglio 1793, iscritto nella mastra nobile di Messina del 1798-1807; un altro Antonino, figlio di Stefano, che, a 16 marzo 1812, ottenne investitura del titolo di marchese.

Arma: d’azzurro, al braccio sinistro di carnagione, tenente un cuore di rosso, fiammeggiante dello stesso, ed un leone rivolto d’oro, sostenuto da un piano di verde e rampante contro il fianco sinistro dello scudo.

indice

 

Verderame.

Un Matteo, con privilegio dato a 9 giugno 1770, ottenne concessione della tonnara di Tre Fontane in Mazzara, della quale, a 6 gennaio 1771, ottenne investitura Stefano Verderame, dottore in leggi, figlio di detto Matteo.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Verdura.

Godette nobiltà in Messina. Un Pietro, a 21 giugno 1514 e a 7 aprile 1516, ottenne investitura del feudo Salto di Barchino; un Girolamo nel 1572 era custode della regia dogana di Messina; un Giuseppe è annotato nella mastra nobile del Mollica (lista IV, anno 1590); un Flaminio fu senatore in Messina nell’anno 1674-75 e tale carica tennero in detta città un Antonio negli anni 1692-93, 1698-99, 1700-1701, 1710-11, 1715-16; un Andrea nel 1711-12; un Agostino nel 1723-24; un Flaminio Verdura e Porcari fu capitano di giustizia in Santa Lucia nell’anno 1781-82, e forse egli stesso dovette essere quel Flaminio che fu capitano di giustizia di Pozzo di Gotto nel 1783-84 e in Castroreale nel 1786-87; un Flaminio del fu Agostino (lo stesso del precedente?) insieme al figlio Antonino Maria è notato nella mastra nobile di Messina del 1798-1807.

Arma: d’argento, al cipresso di verde nodrito sopra un terreno dello stesso con due leoni coronati di nero lampassati di rosso, affrontati al tronco.

indice

 

Verga.

Godette nobiltà in Vizzini e la troviamo decorata del titolo di barone, non sappiamo con qual diritto. Un Gregorio nel 1731 concorreva agli uffici nobili di Vizzini; un Giovanni fu capitano di giustizia in detta città nel 1787-88; un barone Gaetano tenne la stessa carica in detta città nell’anno 1804-5.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Vergara.

Si vuole originaria della Spagna, passata in Napoli, dove godette nobiltà sin dal secolo XIV e dove fu decorata del titolo di duca di Craco a 30 dicembre 1724 e di quello di marchese di Comignano per successione a casa Minutillo-Caffarello; titoli riconosciuti, con decreto ministeriale del 25 maggio 1875, in persona di Fortunato Vergara Caffarello (di Disma, di Francesco), che fu direttore generale del Banco di Sicilia di Palermo, ecc.

Arma: troncato: al primo di rosso, al castello di tre torri d’argento; al secondo partito: a destra d’azzurro, al leone d’oro, a sinistra cimato di rosso e d’oro, colla fascia d’oro caricata da un’aquila bicipite di nero coronata nelle due teste dello stesso; essa fascia attraversante sulla partizione.

 

indice

clicca per ingrandire

Vernagallo.

Si vuole che sia originaria di Pisa, passata in Sicilia nella fine del secolo XIV. Un Lippo aveva nel 1409 l’ufficio della recezione, conservazione ed assegnazione delle vettovaglie depositate nei magazzini dei caricatori di Castellammare del Golfo ed Alcamo; un Ludovico fu capitano di giustizia in Palermo nel 1540-41 e pretore della stessa città nel 1545-46; un Alvaro fu senatore in Palermo negli anni 1548-49, 1558-59 e governatore del Monte di Pietà nell’anno 1541-42; un altro Alvaro fu senatore in Palermo negli anni 1601-2, 1611-12 e capitano di giustizia nel 1614-15; un Ludovico fu senatore in detta città nel 1683-84 e, come figlio di Antonina Di Blasi, primo barone di Diesi e Sparacia in sua famiglia; un Matteo, barone di Diesi e Sparacia, fu governatore del Monte di Pietà di Palermo nel 1756, della Tavola nel 1757 e senatore nel 1766; un Francesco di Paola, figlio del precedente, a 19 agosto 1769, ottenne investitura del titolo di barone di Diesi e Sparacia.

Arma: di rosso, al leone d’argento.

indice

clicca per ingrandire

Vernazzi.

Di questa famiglia, che è passata all’ordine di Malta come quarto di altra famiglia, notiamo un Alberto giurato in Salemi nel 1636-37, ecc. e capitano di giustizia in detta città nel 1644-45.

Arma: di rosso, al monte di nove cime d’oro.

 

 

 

 

 

indice

 

Vernengo.

Godette nobiltà in Palermo. Un Francesco, con privilegio dato a primo febbraio 1792, ottenne concessione del titolo di barone di Porto e Pennate; un Benedetto, barone di Porto e Pennate, fu senatore in Palermo negli anni 1830, 1835; una Francesca Vernengo e Marchese (di Benedetto, di Francesco), nata in Palermo il 13 novembre 1838, moglie a Giuseppe Valdaura D’Ondes, è iscritta nell’elenco ufficiale definitivo delle famiglie nobili e titolate della regione siciliana con il titolo di barone di Porto e Pennate.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Vesco.

Di questa famiglia notiamo un Giacomo, regio cavaliere, giurato in Salemi nell’anno 1435-36; un Enrico che tenne la stessa carica in detta città nell’anno 1444; un Giovanni che la tenne nell’anno 1463-64; un Gaspare che fu capitano di giustizia nell’anno 1695-96.

Arma: d’azzurro, alla fascia d’oro accompagnata in capo da un crescente d’argento e in punta da un capriolo del secondo.

 

 

 

 

indice