Dott. A. Mango di Casalgerardo

NOBILIARIO DI SICILIA

da Zacco a Zavaglio

clicca per ingrandire

Zacco.

Si vuole originaria di Padova, passata in Venezia e quindi in Sicilia ai tempi di re Alfonso. Notiamo un Stefano che tenne la carica di giurato in Caltagirone negli anni 1510-11, 1517-18, 1520-21; un Antonio che tenne la stessa carica in detta città negli anni 1539-40, 1546-47; un dottor Vincenzo che tenne la carica di proconservatore in Modica nell’anno 1689.

Arma: inquartato: nel primo e quarto scaccheggiato d’oro e d’azzurro di sei file nel secondo e terzo fasciato di rosso e d’oro di sei pezzi.

 

 

 

indice

clicca per ingrandire

Zafarana.

Di questa famiglia, che godette nobiltà in Messina, notiamo un Domenico, che, per la moglie Giovanna Rosso, ottenne investitura a 14 dicembre 1453 di onze 20 annue sul feudo Foresta; un Guiscardo, dottore in leggi, che fu giudice straticoziale di Messina negli anni 1531-32, 1535-36 e maestro giurato del regno.

Arma: d’azzurro, alla mezza luna montante d’argento, sormontata da una stella d’oro.

Alias: d’oro, al zafferano di verde, accostato da due rose di rosso.

Motto: TU SPES RELICTIS UNICA REBUS.

 

 

indice

 

Zaffuto.

Un Gandolfo, da Sciacca, possedette i feudi Perrana e Giardinelli nei quali gli succedette Giovanni, che ne ottenne investitura a 6 febbraio 1416; un Giovan Federico (di Pietro, di Giovanni), ne fu investito a 17 novembre 1473.

Arma: ?

indice

 

Zagarriga vedi Sacarriga.

 

indice

 

Zamparrone.

Un Giuseppe, con privilegio dato a 29 dicembre 1638, ottenne concessione del titolo di barone di Rosa Marina.

Arma: ?

indice

 

Zanclisceptio o Zanglisetti (vedi).

 

indice

 

Zangara.

Di questa famiglia notiamo un Giovanni che fu proconservatore in Cefalù nell’anno 1655; un altro Giovanni che, a 6 luglio 1788, ottenne concessione del titolo di barone di Cremona.

Arma: ?

indice

 

Zanglisetti.

Un Angelo, dottore in leggi, con privilegio dato a 13 aprile 1548, ottenne concessione del titolo di barone della Luce, egli stesso ebbe l’incarico di scrivere le vite e le gesta dei re di Sicilia, come prefazione ad una raccolta dei capitoli del regno.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Zappalà.

Godette nobiltà in Catania. Con decreto ministeriale del 10 giugno 1898 il signor Carlo Zappalà Asmundo (di Carlo, di Giuseppe), col figlio Raffaele e col fratello Giuseppe, ottenne riconoscimento del titolo di nobile, titolo che, con decreto ministeriale del 20 settembre 1911, venne riconosciuto al signor Giuseppe Zappalà (di Raffaele, di Giuseppe) padre di Maria, Caterina, Raffaele insieme col titolo di barone della Tonnara di Fiume di Noto e Caponero e, con decreto ministeriale del 30 maggio 1902, al signor Giuseppe Zappalà, di Carlo, di Giovan Battista. Con decreto reale del 15 giugno 1905, susseguito da Regie Lettere Patenti del 14 gennaio 1906 venne concesso tanto a Carlo Zappalà Asmundo quanto a Giuseppe Zappalà Asmundo il titolo trasmessibile di barone.

Arma: d’argento, all’aquila coronata di nero col volo abbassato.

indice

clicca per ingrandire

Zappata.

Si vuole originaria di Spagna; godette nobiltà in Messina, in Palermo e in Noto. Un Francesco fu maestro delle poste del regno di Sicilia nell’anno 1555; un Diego fu senatore in Messina nel 1593-94, corriere maggiore del regno nel 1594 e fu iscritto nella mastra nobile del Mollica; un Diego Zappata e Cardines fu stratigò in Messina nel 1628-29; un Vincenzo fu senatore in detta città nel 1645-46; una Vittoria Zappata de Tassis Lentini e San Basile fu proprietaria dell’ufficio di corriere maggiore del regno e morì nel 1670; un Antonio, a 8 gennaio 1781, ottenne attestato di nobiltà dal senato di Palermo; un marchese Diego Zappata de Cardines fu senatore in Noto nel 1798-99; un Rosario è notato nel ruolo del donativo del 1806 come marchese di San Florido; un marchese Rodrigo Zappata e Gargallo tenne la carica di patrizio in Noto nell’anno 1812-13.

Arma: d’oro, a tre stivaletti scaccati d’argento e di nero, posti due ed uno.

Alias: d’oro, a cinque stivaletti scaccati d’argento e di nero posti in decusse.

indice

clicca per ingrandire

Zappino.

Si vuole originaria dalla Basilicata, portata in Sicilia ai tempi di re Alfonso da un Giovanni Antonio, che, si dice, fu castellano di Cosenza e quindi capitano d’armi del Val di Mazzara in Sicilia. Un Antonino fu senatore in Palermo nel 1636-37; un Francesco che, come marito di Lucia Termini, fu barone di Oliveri, fu senatore in Palermo negli anni 1693-94, 1708-9, 1710-11, 1712-13, ecc.; un Giovanni Zappino e Termini, barone di Oliveri, tenne la stessa carica negli anni 1715-16, 1721-22-23, 1728-29-30, 1731-32, 1733-34-35, ecc.; un Francesco fu governatore della Tavola in Palermo negli anni 1762, 1775-76, del Monte di Pietà nel 1783-84, vice portulano nel 1786; un Giovanni Zappino e Ingalbes, a 22 novembre 1802, ottenne investitura della baronia dei Mezzigrani sopra le tonnare di Solanto, Sant’Elia, San Nicola, Arenella; un colonnello Ferdinando Zappino e d’Esten, a 23 maggio 1818, ottenne attestato di nobiltà dal senato di Palermo; un Asdrubale fu aggiunto senatore della città di Palermo nel 1828.

Arma: di rosso, al leone coronato, rampante ad un albero sradicato, sormontato da una stella, il tutto d’oro.

indice

 

Zappulla.

Di questa famiglia, che godette nobiltà in Catania, notiamo un Pietro senatore in detta città nell’anno 1441-42; un Giovanni che tenne la stessa carica negli anni 1486-87, 1490-91; un altro Pietro che la tenne negli anni 1518-19, 1522-23, 1524-25; un Francesco che la tenne nell’anno 1519-20.

Arma: ?

indice

 

Zarbari.

Di questa famiglia notiano un Guglielmo che acquistò, nella prima metà del secolo XVI, da Giovanni Falcone (o Fontana) il feudo Saccolino e da Consalvo Salonia il feudo Prato, nei quali gli succedette il figlio Giovan Matteo.

Arma: ?

indice

clicca per ingrandire

Zati.

Alcuni autori vogliono che questa famiglia sia dello stesso stipite degli Alberti da Catenaja, altri che tragga origine dalla Turingia e che abbia avuto a capostipite Zato, capitano al servizio dell’imperatore Ottone I, passato in Toscana l’anno 940. Senza entrare nel merito di tali diverse origini diciamo che la famiglia Zati fu molto ricca e potente in Firenze, e tenne in detta città le cariche di priore e di gonfaloniere e che passò in Sicilia nel principio del secolo XVII, portatavi da un Simone, il quale acquistò il marchesato di Santa Maria di Rifesi. Un Giulio Zati e Guicciardini, marchese di Santa Maria di Rifesi, fu gentiluomo di camera del Granduca di Toscana nell’anno 1680, cavaliere dell’ordine di San Giacomo della Spada, acquistò la baronia di Campogrande e, come marito di Angela Denti, fu primo duca di Villarosa in sua famiglia; un Placido Zati e Bonanno, figlio del precedente, che fu ultimo marchese di Santa Maria di Rifesi, ecc. in sua famiglia, tenne la carica di governatore del Monte di Pietà in Palermo nell’anno 1738.

Arma: troncato d’oro e di nero a due catene poste in decusse, dell’uno all’altro.

indice

clicca per ingrandire

Zavaglio.

Il Galluppi la vuole originaria di Spagna e nobile in Messina nel secolo XVI. Noi troviamo un Diego de Zavallos, che, con privilegio dato a 11 luglio 1509 esecutoriato a 8 novembre 1510, ottenne concessione di un tenimento di terre nell’isola di Malta nella contrada Milecha Delzoncol.

Arma: d’argento, a tre pali di verde.

 

 

 

 

 

indice