testa
Regione Siciliana Assessorato Beni Culturali

Parchi, musei, gallerie e aree archeologiche

Parchi
vuoto
Musei e gallerie interdisciplinari
vuoto
Musei e gallerie
vuoto
Musei archeologici
vuoto
Siti archeologici e monumentali
vuoto
Provincia
                                                                                                                            English version

Ipogeo Romano

Indirizzo : Via G. Sanfilippo
Provincia : Catania  Comune : Catania
Tel. : 095/7150508 polomuseale.ct@regione.sicilia.it - poloregionalect.urp@regione.sicilia.it

Orari ingresso : L'Ipogeo romano Ŕ visitabile su prenotazione
Biglietto singolo intero : Gratuito
Biglietto singolo ridotto: Gratuito


Dipendente da
open Museo regionale interdisciplinare di Catania


Ubicato nella ex Selva del convento di Santa Maria di Gesù, il monumento, impropriamente noto come “ipogeo quadrato” (per distinguerlo da un altro a pianta circolare che si trova nelle vicinanze), è in realtà una monumentale tomba di età romana imperiale (I-II sec. d.C.), tra le poche sopravvissute delle vaste necropoli di Catina che occupavano l’area a nord dell’attuale centro storico di Catania.

La tomba, che nel tardo Medioevo fu utilizzata come calcara dai monaci del convento, venne riscoperta dagli eruditi del XVII secolo. Raffigurata in un acquerello di J. Houel (XVIII sec.) e il alcune incisioni di S. Ittar (XIX sec.), essa sarà interamente scavata e portata in luce da F. Ferrara nei primi anni dell’800. Negli anni ’70 del secolo scorso la tomba è stata restaurata e resa visitabile all’interno di un’area attrezzata a verde.

incisione

L’ipogeo romano in una incisione di S. Ittar (inizi XIX sec.)

foto epoca

L’ipogeo romano in una foto d’epoca

Quanto resta dell’edificio si compone di una grande struttura a pianta rettangolare (circa 13 x 9 m), che mantiene uno spiccato di circa tre metri. La metà orientale dell’edificio è costituita da un massiccio corpo di fabbrica, mentre quella opposta è occupata da una camera quadrata parzialmente ipogeica, originariamente voltata, accessibile attraverso una scala dal lato corto occidentale. Al centro della parete di fondo si apre un loculo rettangolare; altre quattro nicchie, di dimensioni minori, si dispongono simmetricamente sulle altre pareti: una per ciascuno al centro dei lati nord e sud e due sulla parete d’ingresso, ai lati della scala. La muratura dell’edificio, del tutto analoga a quella dei maggiori monumenti di Catina, è composta da un potente riempimento in opus coementicium (calce, sabbia vulcanica e scaglie di pietra lavica) rivestito in opus mixtum, formato da parti in opus vittatum (uso di mattoni nei cantonali e su tre filari che corrono lungo tutta la base del monumento) e parti in opus incertum (blocchetti di pietra lavica irregolarmente squadrati e lisciati in faccia-vista).
Tutti gli studiosi concordano nell’ipotizzare che l’edificio avesse in origine un secondo piano, probabilmente inaccessibile, secondo un modello architettonico, di origine ellenistica, diffuso nel mondo romano dalla seconda metà del I sec. d.C. Sull’aspetto originario del secondo piano, che non ha lasciato altre tracce che non siano le possenti murature che lo sostenevano, si possono fare solo congetture.


> Elenco dei musei, gallerie e siti archeologici
1
> Schede informative
1
> News, comunicazioni, circolari e decreti
1
> I grandi eventi
1
> I dati sulla fruizione dei Beni culturali in Sicilia
1
> I beni inamovibili della Regione Siciliana
1
> Virtual Tour, mappe con percorsi e schede
googlemusei