testa
Regione Siciliana Assessorato Beni Culturali

Parchi, musei, gallerie e aree archeologiche.

I contenuti delle sezioni che seguono, per il nuovo assetto organizzativo, sono in fase di aggiornamento.

Parchi
vuoto
Musei e gallerie interdisciplinari
vuoto
Musei e gallerie
vuoto
Musei archeologici
vuoto
Siti archeologici e monumentali
vuoto
Provincia
                                                                                                                            English version

Museo archeologico regionale di Gela

Indirizzo : Corso Vittorio Emanuele, 1
Provincia : Caltanissetta  Comune : Gela
Tel. : 0933 912626

Orari ingresso : da martedì a domenica dalle ore 9,00 alle ore 18,30 ultimo ingresso alle ore 18,00
Biglietto singolo intero :  4,00 €
Biglietto singolo ridotto:  2,00 €



Luoghi della Cultura dipendenti:
Antiquarium Iconografico e Mura Timoleontee di Capo Soprano di Gela |
Area Archeologica Acropoli (Molino a Vento) di Gela | Area Archeologica Bagni Greci di Gela | Area Archeologica Bosco Littorio (Emporio Greco) di Gela | Castelluccio di Gela

Istituendo Parco Archeologico di Gela

struttura amministrativa
Struttura amministrativa e organigramma
 
map Google Maps

english English version



Il Museo è limitrofo all'area dell'acropoli della città greca.
 
La sede museale, è un edificio realizzato negli anni Cinquanta. Nel 1984, dopo la realizzazione di lavori di ampliamento resi necessari per l'incremento dei materiali da esporre, il Museo venne riaperto con un nuovo allestimento.
Gli ultimi interventi effettuati a partire dal 1995 lo hanno interamente rinnovato nei percorsi espositivi e negli apparati didattici e didascalici.
 
Il museo illustra attraverso reperti ceramici, bronzei e numismatici, la storia di Gela antica e del territorio ad essa connesso, dall'età preistorica all'età medievale.
Gela fu la prima colonia rodio-cretese fondata in Sicilia, secondo Tucidide, nel 689-688 a.C. La città divenne ben presto una delle più importanti dell'isola fino a rivaleggiare con la stessa Siracusa.
Le sue mire espansionistiche per il controllo del territorio la portarono a fondare nel 581 a. C. Akragas (Agrigento), e successivamente ad estendere il proprio dominio fino allo Stretto.
Dopo la metà del V sec. iniziò il suo declino. Nel 405 a.C. fu conquistata e distrutta dai Cartaginesi. Ricostruita nel IV sec. a.C., fu successivamente oggetto di attacchi da parte di Siracusa, fin quando tra il 285 e il 282 a. C. fu distrutta dal tiranno agrigentino Phintias che trasferì i suoi abitanti presso Licata dove nacque una nuova città chiamata Phintiade.
 
Le collezioni. Il nucleo più antico è costituito dalle collezioni Navarra e Nocera. La prima, acquistata negli anni Cinquanta dal museo, comprende un cospicuo numero di vasi corinzi ed attici a figure nere e a figure rosse, provenienti dagli scavi clandestini delle necropoli e raccolti alla fine dell'Ottocento dal barone Giuseppe Navarra.
Tra i vasi attici a figure nere (fine VI, inizi V sec. a.C.) si ritrovano opere attribuite al Pittore di Gela e al Pittore di Eucharides, e molte lekythoi della "classe di Phanillys". Tra i vasi attici a figure rosse (prima metà del V sec. a.C.) sono esposti quelli del Pittore di Edimburgo, del Pittore di Boreas, del Pittore della Phiale di Boston, del Pittore dei Porci, del Pittore di Berlino e del Pittore di Brygos. Si tratta di opere di grandi ceramografi (decoratori di oggetti in terracotta) attici giunte a Gela con navi mercantili. Il relitto di una di queste imbarcazioni è stato ritrovato di fronte alla costa ed ha consentito di ricavare dati fondamentali per lo studio dell'architettura navale antica e dei traffici commerciali che l'antica colonia intratteneva con le altre città della Grecia.
 
L'ordinamento è di tipo cronologico e si articola in otto grandi sezioni, nelle quali l'esposizione è associata a materiale didattico e didascalico.
 
Piano terra
Sezione I la storia, la preistoria, l'acropoli (dalla fondazione al V sec. a.C.) e l'acropoli (IV sec a.C.), l'Emporio, la Nave
Sezione II l'Heraion, la città fra il IV e il III sec. a.C.
Sezione III le Fornaci, l'Epigrafia
Sezione VIII le Necropoli greche, la Collezione Navarra, la Collezione Nocera
 
Primo piano
Sezione IV le anfore
Sezione V i Santuari extraurbani.
Sezione VI il territorio dalla Preistoria all'età greca.
Sezione VII il territorio dall'età romana all'età mediovale.
Museo Archeologico di Gela

Sede Museo Archeologico di Gela

Esterno Museo Archeologico di Gela

Periodo

Classi tipologiche

Siti di provenienza

Il museo espone 4.200 reperti

.
Età
del rame
III millennio
Ceramica, reperti in pietra

Molino a Vento, Piano Notaro (Gela); Desusino, Dessueri, Ponte Olivo (Mazzarino)

1 Ceramiche a decorazione incisa nello stile di S. Cono, Piano Notaro
 
2 Ceramiche a decorazione dipinta nello stile di S. Ippolito
1 Ceramiche a decorazione incisa nello stile di S. Cono, Piano Notaro
1

2 Ceramiche a decorazione dipinta nello stile di S. Ippolito
2

 

Età del bronzo antico
2200-1450 a.C.
Ceramica, scultura (statuette in pietra
Acropoli di Molino a Vento, Manfria, Monte Bubbonia (Mazzarino)

3 Vaso cultuale contenente sette corni fittili, Molino a Vento

 

3 Vaso cultuale contenente sette corni fittili, Molino a Vento
3

 

Età
del bronzo
recente
1200-1000 a.C.
Ceramica, metalli (rasoi e fibule bronzee)
Dessueri (Mazzarino)

4 Brocca con becco di versamento a crivello, necropoli di Dessueri

4 Brocca con becco di versamento a crivello, necropoli di Dessueri
4

 

 

 

Protostoria e civiltà indigena
IX-VII sec. a.C.
Ceramica, metalli (oggetti in bronzo, armi, monili, bronzetti figurati)
Necropoli di Piano della Fiera; insediamenti di Consi e Santa Croce; Fontana Calda (Butera)
5 Ariete bronzeo, Fontana Calda
 
6 Scodellone a decorazione geometrica incisa nello stile del Finocchito, necropoli di Piano della Fiera
5 Ariete bronzeo, Fontana Calda
5

 

6 Scodellone a decorazione geometrica incisa nello stile del Finocchito, necropoli di Piano della Fiera
6

 

Età greca
VII-VI
sec. a.C.
Ceramica, scultura in terracotta, metalli (monili ed utensili)
Acropoli di Gela; Monte Bubbonia (Mazzarino)
1 Stamnos figurato di produzione gelese, santuario ctonio di Predio Sola di Gela
 
2 Lucerna fittile a tre vasche decorata da protomi umane alternate a protomi di ariete, santuario ctonio di Predio Sola di Gela
 
3 Antefissa a maschera gorgonica, VI sec. a.C.
 
4 Antefisse fittili dipinte, Heraion di Gela
 
5 Statua in pietra di Kore con ghirlanda tra le mani, acropoli, Gela
 
6 Lekithos attica a fondo bianco con scena di Aiace che insegue Cassandra (collezione Navarra), Pittore di Edimburgo, 500-480 a.C.
 
7 Statuette fittili del tipo cosiddetto dell'Athena Lindia, acropoli, Gela
1 Stamnos figurato di produzione gelese, santuario ctonio di Predio Sola di Gela
1

 

2 Lucerna fittile a tre vasche decorata da protomi umane alternate a protomi di ariete, santuario ctonio di Predio Sola di Gela
2
3 Antefissa a maschera gorgonica, VI sec. a.C.
3 apri

4 Antefisse fittili dipinte, Heraion di Gela
4
5 Statua in pietra di Kore con ghirlanda tra le mani, acropoli, Gela
5

6 Lekithos attica a fondo bianco con scena di Aiace che insegue Cassandra (collezione Navarra), Pittore di Edimburgo, 500-480 a.C.
6
7 Statuette fittili del tipo cosiddetto dell'Athena Lindia, acropoli, Gela
7

Età classica
VI-V
sec. a.C.
Ceramica, scultura (statuette in pietra e terracotta), elementi architettonici in pietra e marmo, metalli (oggetti in bronzo e oro), monete

Acropoli, Bitalemi e fondali (Gela)

1 Askos attico a figure rosse, relitto della nave di Gela, 490-480 a.C.
 
2 Pelike attica a figure rosse con scena di Teseo che uccide il Minotauro (collezione Navarra, Pittore dei Porci),
470-460 a.C.
 
3 Tetradramma di argento con figura di toro Androposopo,
Gela, 480 a.C.
 
4 Testa fittile di cavallo da un gruppo acroteriale, acropoli
 
5 Testa fittile femminile con kalathos, acropoli, Gela
 
6 Statuetta fittile, santuario ctonio della località Bitalemi, Gela
1 Askos attico a figure rosse, relitto della nave di Gela, 490-480 a.C.
1

2 Pelike attica a figure rosse con scena di Teseo che uccide il Minotauro (collezione Navarra, Pittore dei Porci),
2
3 Tetradramma di argento con figura di toro Androposopo,
3

4 Testa fittile di cavallo da un gruppo acroteriale, acropoli
4
5 Testa fittile femminile con kalathos, acropoli, Gela
5

6 Statuetta fittile, santuario ctonio della localit Bitalemi, Gela
6
Età ellenistica
IV-III. a.C.
Ceramica, scultura (statuette in terracotta), elementi architettonici in pietra
Capo Soprano, acropoli di Molino a Vento, Manfria (Gela)
1 Statuetta fittile di Artemide con cane e fiaccola, acropoli di Molino a Vento, Gela
 
2 Antefissa fittile con volto di Artemis Bendis, Capo Soprano, Gela
 
3 Skyphos a figure rosse con scena di farsa teatrale, acropoli di Molino a Vento, Pittore di Asteass, ultimo quarto del IV sec. a. C.
1 Statuetta fittile di Artemide con cane e fiaccola, acropoli di Molino a Vento, Gela
1

2 Antefissa fittile con volto di Artemis Bendis, Capo Soprano, Gela
2
3 Skyphos a figure rosse con scena di farsa teatrale, acropoli di Molino a Vento, Pittore di Asteass, ultimo quarto del IV sec. a. C.
3

Età romana
II sec. a.C.
VI sec. d.C.

Ceramica, monete, monili

Piano Camera, Manfria, Priolo, Sabuci, Bitalemi (Gela); necropoli di Sofiana (Mazzarino)

1 Orecchini aurei del tipo semilunato con raffigurazione di volatili, necropoli di Sophia-na, Mazzarino, VI sec. d. C.
1 Orecchini aurei del tipo semilunato con raffigurazione di volatili, necropoli di Sophia-na, Mazzarino, VI sec. d. C.
1

 

 

Età Medioevale
Ceramica,
monete, vetri

Gela, Manfria (Gela)

1 Piatto in protomaiolica, dal pozzo di S. Giacomo a Gela, XIII sec. d. C.
1 Piatto in protomaiolica, dal pozzo di S. Giacomo a Gela, XIII sec. d. C.
1

 

 

> Elenco dei musei, gallerie e siti archeologici
  apre una pagina di interrogazione con indirizzi, orari d'ingresso, costo dei biglietti
1
> Schede informative
1
> News, comunicazioni, circolari e decreti
1
> I grandi eventi
1
> I dati sulla fruizione dei Beni culturali in Sicilia
1
> I beni inamovibili della Regione Siciliana
1
> Virtual Tour, mappe con percorsi e schede
googlemusei