Le tappe del progetto regionale

Il progetto prende avvio dalla Creazione della Banca Dati Regionale del Patrimonio Culturale ed Ambientale a cura del personale di catalogazione; l'approfondimento a scala locale viene effettuato attraverso un modello di indagine che è testato dal C.R.P.R. attraverso l'esperienza condotta nell'ambito territoriale di Taormina Giardini Naxos e Castelmola e nell'ambito territoriale di Poggioreale Vecchia, dove vengono effettuate campagne di Monitoraggio dei degradi e dei dissesti del Patrimonio Culturale ed Ambientale applicando il modulo schedografico predisposto a livello nazionale dall'I.C.R.; integrate da attività di indagine dei diversi laboratori scientifici e di restauro del Centro e dai  Laboratori di Ingegneria Ambientale e di Analisi Strutturali, Atmosferiche e Geodiagnostiche attivati in occasione del progetto. Una scala più approfondita d'indagine, dove verificare la correttezza delle metodologie d'indagine, è adottata nei Progetti pilota di monitoraggio ambientale e metodiche di intervento conservativo che interessano nel territorio di Taormina il Teatro greco romano, la Biblioteca S. Agostino e il Palazzo Corvaja; e ancora la Chiesa S. Antonio a Poggioreale vecchia e la Galleria Regionale di Palazzo Abatellis a Palermo.

MODELLO REGIONALE A SCALA LOCALE
PROGETTI SPERIMENTALI A SCALA LOCALE

 

INDICE DIRECTORY

 

 

 

 

 

 

        

 

 

 

 

Centro Regionale Progettazione e Restauro di Palermo