testa
www.regione.sicilia.it / beniculturali / i Beni inamovibili della Regione Siciliana
i Beni inamovibili della Regione Siciliana
Decreto assessoriale 1771 del 27 giugno 2013: Divieto di uscita dal territorio della Regione Siciliana dei Beni che costituiscono il fondo principale di Musei, Gallerie, Biblioteche e Collezioni in attuazione delle Delibere della Giunta Regionale n. 94 del 4/5 marzo 2013 e n. 155 del 22 aprile 2013; in particolare è vietata l’uscita, anche se temporanea, dei beni descritti in questa pagina.
Click sull'immagine per info
vaso achille e pentesilea efebo patroclo arula fittile caravaggio adorazione dei pastori resurrezione di lazzaro polittico annunziata eleonora alhambra trionfo della morte
metope phiale ariete annunciazione kourotrophos venere landolina lampada bavera polittico trapani auriga di mozia satiro danzante  

Lampada pensile

Fra' Matteo Bavera

1633
Rame dorato, smalto e corallo,
h cm 150
Iscrizione sul labbro superiore della coppa SERAPHICUS ORDO MIN.CONV. IN ECCLESIA DEI SEMPER COLLUXIT
Sul primo pomello terminale: FRA M. BAVERA
Sul secondo pomello: A.D. 1633
Provenienza: Trapani, Chiesa di San Francesco
Trapani, Museo Pepoli

>scheda



Vero unicum per ricchezza e dimensioni, la straordinaria lampada proviene dalla Chiesa di San Francesco a Trapani, ove si era ritirato come fratello laico il suo autore, Matteo Bavera, che, come attesta l’ iscrizione, la realizzò nel 1633. Citata dalle fonti antiche, a riprova della sua fama, l’opera costituisce indubbiamente uno dei massimi capolavori dell’arte trapanese del corallo; la sua importanza è accresciuta dall’iscrizione che ne attesta autore e data di esecuzione, rendendola così un punto cardine per lo studio e la datazione dei manufatti realizzati in questo prezioso materiale marino.
La fitta decorazione ad ovoli, virgole e baccelli è applicata dal retro della lamina di metallo traforata secondo l’antica tecnica del “retroincastro”; gli effetti cromatici sono accentuati dagli smalti bianchi, soprattutto sulle catene.

Testi a cura di Alessandra Merra (beni archeologici) e Valeria Sola (beni storico-artistici)
Servizio Museografico U.O. XXXI