Regione Siciliana
Assessorato dei Beni culturali e ambientali e della Pubblica istruzione

Assessore: On.le Fabio Granata

Ufficio stampa
a cura di Domenico Claudio Zarcone
tel. 091 6961692

COMUNICATI STAMPA 2003


IN SICILIA UNA LEGGE SUL CINEMA - FABIO GRANATA:"LA NOSTRA REGIONE COME HOLLYWOOD"


FINANZIARIA:NASCE LA SOPRINTENDENZA DEL MARE
FABIO GRANATA:"UNO STRUMENTO OPERATIVO PER TUTTE LE PROBLEMATICHE ARCHEOLOGICHE ED AMBIENTALI LEGATE ALL'ELEMENTO MARE"


CUFFARO E GRANATA CONSEGNANO I PRIMI BUONI SCUOLA A CONCLUSIONE DELL'ITER BUROCRATICO


CONTINUA SENZA SOSTE IL SUCCESSO DELLA MOSTRA CURATA DA SGARBI PIU' DI 50.000 VISITATORI ALL'ALBERGO DELLE POVERE GRANATA: "STRAORDINARIA IDEA COGLIERE L'IDENTITA' ATTRAVERSO L'ARTE


PREMIALITA' EUROPEA:SICILIA ALL'AVANGUARDIA
Per Fabio Granata i beni culturali rappresentano il fiore all'occhiello dell'economia siciliana


A PALERMO IL VERTICE EUROMEDITERRANEO UNITI DAL MEDITERRANEO: IL CONTRIBUTO DELLE REGIONI ALLE POLITICHE DI INTEGRAZIONE ECONOMICA E CULTURALE. GRANATA:"LA CULTURA E' IL SEGNO DELLO SVILUPPO" - CUFFARO:"IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE PASSA DAL CONSOLIDAMENTO DEI RAPPORTI"


BB.CC.:CIRCA 10.000 VISITATORI ALLE MOSTRE DI SGARBI E DELLE TESTE DI PANTELLERIA.
FABIO GRANATA :"LA GENTE HA VOGLIA DI IDENTITA' CULTURALE"


ANTONELLO DA MESSINA: FABIO GRANATA VOLA A LONDRA PER LA CONSEGNA DEL PREZIOSO DIPINTO ACQUISTATO ALL'ASTA DALLA REGIONE SICILIANA.
L'ESPONENTE DI A.N. NEL REGNO UNITO PARTECIPERA' ANCHE ALL'IMPORTANTE BORSA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CHE APRIRA' OGGI I BATTENTI


"POR 2000/2006:AVVIATO IL PROGETTO SCUOLA-MARE NELLE ISOLE MINORI" GIOVEDI' 16 OTTOBRE (ORE 10,30) AL VILLINO FLORIO, L'ASSESSORE GRANATA INFORMERA' GLI ORGANI DI STAMPA SULL'IMPORTANTE ACCORDO COL MIUR PER LE ISOLE MINORI.


ATTI VANDALICI ALL'ANTIQUARIUM DI SABUCINA (CL) GRANATA:"CONFIDIAMO NEGLI INQUIRENTI, MA NOI FAREMO LA NOSTRA PARTE"


FERIMENTO DEL CUSTODE DELLA VILLA DEL CASALE GRANATA: "SITUAZIONE NON PIU' TOLLERABILE"


BENI CULTURALI: L'ASSESSORE GRANATA ANNUNCIA CHE I MUSEI RESTERANNO APERTI AD AGOSTO


CONFERENZA STAMPA - MERCOLEDI' 16 luglio, ORE 11,00 - VILLINO FLORIO PRESENTAZIONE MOSTRA "R.GUTTUSO:DAL FRONTE NUOVO ALL'AUTOBIOGRAFIA (1946-1966)"


GRANATA VOLA A ROMA E AFFRONTA LA DISPERSIONE SCOLASTICA COI VERTICI DEL MINISTERO


TORNANO AL PUBBLICO I MOSAICI DEL TELLARO L'ASSESSORE GRANATA:"UN LUNGO RESTAURO, MA NE VALEVA LA PENA"


Noto (SR) 9 luglio , alle 21,15 , Piazza del Municipio, dinanzi alle scalinate del Duomo e di Palazzo Ducezio Teatro Greco di Segesta (TP) 10 luglio alle 19,30, nell'ambito del calendario degli spettacoli di Segesta 2003


I CASTELLI SICILIANI IN DUE VIDEO PER LA RAI. VERRANNO DISTRIBUITI NELLE SCUOLE E NEGLI ISTITUTI DI CULTURA ALL’ESTERO

SCOPERTO UN VASO ATENIESE DEL IV SEC. A.C. CHE RIPROPONE IL SATIRO DI MAZARA
GRANATA:“IL SATIRO NON FINISCE DI STUPIRCI E CHISSA’ QUALI ALTRE SOPRESE CI RISERVERA’”


SALVALARTE - GRANATA:" NO ALLA RETORICA, SI' ALLA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO CULTURALE"


DA SIDONE A HUELVA: RAPPORTI TRA I POPOLI DEL MEDITERRANEO DAL XVI AL VI SEC. a.C. MUSEO DI ARTE CICLADICA DI ATENE, 3 GIUGNO - 31 0TTOBRE 2003


CONFERENZA STAMPA A ROMA SULL'IMPORTANTE PROMOZIONE CULTURALE FRA SICILIA E SARDEGNA.
“DA TIZIANO A DE CHIRICO”: LA RICERCA DELL'IDENTITA'. UNA MOSTRA IDEATA DA SGARBI A CAGLIARI E PALERMO


FABIO GRANATA :"CONTINUA IL RILANCIO DELL'INDA"
PRESTO APERTO ANCHE IL MUSEO DEL DRAMMA ANTICO"


V SETTIMANA DELLA CULTURA. INAUGURATO A PALERMO IL CASTELLO A MARE


PARTITA DALLE TERME DI CEFALA’ DIANA LA V SETTIMANA DELLA CULTURA
LUNEDI’ 5 MAGGIO INAUGURAZIONE A PALERMO DEL CASTELLO A MARE


"LA MATERIA E I SEGNI DELLA STORIA"- UN CONVEGNO A PIAZZA ARMERINA PER DISCUTERE DI RESTAURI E DI PACE
CUFFARO E GRANATA RILANCIANO L'IDENTITA' MEDITERRANEA PER PERCORSI DI GIUSTIZIA E DI TOLLERANZA


CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI A PIAZZA ARMERINA - 9/13 APRILE
"LA MATERIA E I SEGNI DELLA STORIA"


FABIO GRANATA :L'ARMONIA DEI CENTRI STORICI E' AL PRIMO PUNTO DEL NOSTRO ORDINE DEL GIORNONORME SUI SOTTOTETTI APPLICATE CON IL MASSIMO RIGORE DALL'ASSESSORATO DEI BB.CC. E AMBIENTALI


"LA SICILIA COME MODELLO DI PROPOSTA CULTURALE"SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA :OGGI L'INAUGURAZIONE CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA VITTORIO SGARBI-FABIO GRANATA DAL TEMA "I RESTAURI IN SICILIA" - L'ASSESSORE ED IL CRITICO D'ARTE RILANCIANO LA POLITICA CULTURALE ISOLANA.


UNO STAND TARGATO BENI CULTURALI AL SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA (3/6 APRILE)
ALLE 17,00 DI DOMANI GRANATA E SGARBI TERRANNO UNA CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA DAL TEMA "I RESTAURI IN SICILIA" - PER L'ASSESSORE DI A.N ."SICILIA SECONDA A NESSUNO"


DOPO LA PROCLAMAZIONE DELL'UNESCO DELL'ANNO DELL'ACQUA LA SETTIMANA NAZIONALE DELLA CULTURA IN SICILIA AVRA' PER TEMA IL PREZIOSO ELEMENTO NATURALE.
FABIO GRANATA ALLERTA LE SOPRINTENDENZE, LE BIBLIOTECHE ED I MUSEI, AFFINCHE' SCELGANO QUESTO LEIT MOTIV PER LE LORO MANIFESTAZIONI


GRANATA ANNUNCIA LA PRESENTAZIONE DI UN TESTO UNICO SUI BENI CULTURALI: "LA SICILIA DIVENTERA' UN ESEMPIO PER L'ITALIA"


SALONE DEL LIBRO DI PARIGI. GRANATA "ESPORTA" IL VAL DI NOTO AL DI LA' DELLE ALPI


TEATRI DI SICILIA - Internazionalizzazione della produzione lirico-sinfonica del Teatro Massimo Bellini di Catania
Mostra di "Maschere teatrali" del museo archeologico Bernabò Brea di Lipari in occasione delle celebrazioni per S. Pietroburgo.
Fini e Granata in Russia per presentare i loro progetti.


La Regione Siciliana parteciperà ai festeggiamenti per il trecentesimo anniversario della fondazione di San Pietroburgo


BENI CULTURALI: IN SICILIA UN MUSEO DELL’EBRAISMO


  COMUNICATI STAMPA 2002

 

IN SICILIA UNA LEGGE SUL CINEMA - FABIO GRANATA:"LA NOSTRA REGIONE COME HOLLYWOOD"

"Adesso la legge sul cinema. La Sicilia è un set naturale e straordinario e coordinando servizi e strutture possiamo diventare una nuova Hollywood"
Con queste parole l'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata, rivolgendo un plauso ad Aurelio Grimaldi, organizzatore del festival "Polis" di Milazzo, ha preannunciato "entro i primi mesi del 2004" la nascita della "Film Commission", la quale, "insieme alla Scuola di cinema già finanziata con i fondi di Agenda 2000 ai Cantieri Culturali della Zisa di Palermo, può rappresentare un polo di interesse mondiale per il cinema"
Osserva l'esponente di A.N.:"Sempre più produzioni guardano con interesse alla nostra regione, da Vendicari ad Agrigento:su questo possiamo costruire itinerari in grado di garantire un formidabile contributo al ripensamento dello sviluppo in Sicilia, attraverso una intelligente promozione del paesaggio, del territorio, dell'ambiente. La Sicilia può così diventare una Hollywood più grande e con qualche migliaio di anni di storia in più"
Siracusa, 21 dicembre 2003

 

FINANZIARIA:NASCE LA SOPRINTENDENZA DEL MARE
FABIO GRANATA:"UNO STRUMENTO OPERATIVO PER TUTTE LE PROBLEMATICHE ARCHEOLOGICHE ED AMBIENTALI LEGATE ALL'ELEMENTO MARE"

L'Assessore dei BB.CC. Fabio Granata definisce "straordinaria" la Soprintendenza del mare, approvata nell'ultima seduta dell'Ars:"Finalmente la Sicilia "non volta le spalle al mare" - sostiene l'assessore di A.N. - ma con questa straordinaria risorsa costruisce uno strumento unico e innovativo fortemente voluto dal Presidente Cuffaro. Uno strumento che coordinerà sapientemente la ricerca archeologica subacquea, la difesa paesaggistica, l'individuazione di percorsi e itinerari tematici, la difesa delle tradizioni e dei mestieri legati al mare. Pertanto ringrazio ancora il Presidente Cuffaro per l'appoggio intelligente e per la sua determinata volontà politica"Con il provvedimento legislativo passato in Aula, l'organismo nel quale confluiranno le potenzialità dello Scrass (il Centro di attività subacquee dell'assessorato di via delle Croci), "diventerà interlocutore unico e sovrano di ogni politica legata alla risorsa mare, comprese le relazioni con i paesi del Mediterraneo"
20 dicembre 2003

 

CUFFARO E GRANATA CONSEGNANO I PRIMI BUONI SCUOLA A CONCLUSIONE DELL'ITER BUROCRATICO

Lunedì 15 dicembre (ore 17,00) presso Palazzo d'Orleans, il presidente della Regione Totò Cuffaro e l'assessore alla P.I. Fabio Granata, consegneranno simbolicamente alle prime famiglie inserite in graduatoria, i buoni scuola, a compimento di un iter legislativo e burocratico che rispetta i programmi di governo in materia di pubblica istruzione:"Definito l'iter dell'assegnazione dei buoni scuola - commenta Fabio Granata - ancora una volta il governo Cuffaro ha dimostrato rispetto per il programma, per il quale il nostro presidente ha ottenuto il consenso della stragrande maggioranza dei siciliani. Siamo molto soddisfatti, abbiamo consumato un'esperienza che ci consentirà il prossimo anno di essere più celeri, ma adesso affronteremo in brevissimo tempo la distribuzione completa del contributo una tantum alle scuole pubbliche statali per le famiglie meno abbienti".
L'esponente di A.N. comunica inoltre che "da gennaio la nostra massima attenzione sarà rivolta all'edilizia scolastica"



CONTINUA SENZA SOSTE IL SUCCESSO DELLA MOSTRA CURATA DA SGARBI PIU' DI 50.000 VISITATORI ALL'ALBERGO DELLE POVERE GRANATA: "STRAORDINARIA IDEA COGLIERE L'IDENTITA' ATTRAVERSO L'ARTE

"Sono più di 50.000 i visitatori che fin qui hanno visitato la mostra "La ricerca dell'identità.Da Antonello a De Chirico", all'Albergo delle povere di Palermo:"Un'esposizione - commenta l'assessore Fabio Granata - che oltre a farci conoscere e valutare artisti di primissimo piano, dal Rinascimento alla Modernità, induce anche ad una seria di valutazione critica di un
inestimabile patrimonio culturale. Straordinaria poi l'idea, di cogliere l'identità attraverso le pose e le attitudini di numerosi maestri, ormai estinti e tuttavia vivi e vitali"
Anche l'altra mostra al Museo Archeologico regionale "Salinas", Augustea Capita, insieme al circuito serpottiano negli oratori, sta ottenendo consensi di pubblico e di critica, rendendo lode alle promozioni culturali dell'assessorato di via delle Croci ed all'Ufficio speciale per la valorizzazione turistico-culturale, guidato dal drammaturgo Aurelio Pes.



PREMIALITA' EUROPEA:SICILIA ALL'AVANGUARDIA
Per Fabio Granata i beni culturali rappresentano il fiore all'occhiello dell'economia siciliana

"L'importante annuncio del viceministro per l'Economia Gianfranco Miccichè sui fondi assegnati alla Sicilia come "quota di premialità", giustifica la nuova politica dei beni culturali che è riuscita, grazie all'efficienza dei suoi funzionari (Pino Grado su tutti), a risultare il settore di spicco nella gestione moderna e avanzata dei fondi europei, contribuendo a ricostruire, attraverso il recupero dei monumenti, un percorso di ricucitura dell'identità culturale, fondamentale per la Sicilia e dai risvolti economici ormai non più contestabili", ha dichiarato l'assessore dei BB.CC. Fabio Granata, il quale ha così continuato:"Abbiamo attivato cantieri per quasi 700 milioni di euro, dando lavoro a maestranze e professioni e contribuendo a rifare più Sicilia, la Sicilia. E' un grande risultato"



A PALERMO IL VERTICE EUROMEDITERRANEO UNITI DAL MEDITERRANEO: IL CONTRIBUTO DELLE REGIONI ALLE POLITICHE DI INTEGRAZIONE ECONOMICA E CULTURALE. GRANATA:"LA CULTURA E' IL SEGNO DELLO SVILUPPO" - CUFFARO:"IL PROCESSO DI INTEGRAZIONE PASSA DAL CONSOLIDAMENTO DEI RAPPORTI"

"Fra gli obiettivi della Presidenza italiana dell'Ue figurano la politica euromediterranea e l'accelerazione del processo di integrazione avviato con la "Dichiarazione di Barcellona" del 1995" Con queste parole il presidente della Regione Totė Cuffaro ha presentato la conferenza interistituzionale per il rilancio della dimensione mediterranea, che si svolgerą a Palermo il 27 e 28 novembre prossimi.Per l'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata, il meeting, ultima tappa di un percorso che si concluderą a Napoli il 2 e 3 dicembre (vertice dei ministri degli esteri euromediterranei) "Ź un ulteriore momento per ribadire il ruolo della cultura nelle dinamiche di sviluppo sostenibile, ma non secondariamente per avviare un tracciato di collaborazione finalizzato ai temi della difesa delle identitą, di partenariato permanente fra i soggetti dell'area del "Mare Nostrum" e gli Stati membri dell'Ue, di dialogo fra culture e di cooperazione socio-economica in una Sicilia che si propone come interprete di riforme politiche ed economiche attraverso una dialettica che deve accelerare sui grandi temi dell'integrazione euromediterranea" Il governatore Cuffaro ha inteso chiarire ancora una volta il ruolo della nostra regione nei rapporti di collaborazione transnazionale:"La realizzazione del processo di integrazione non puė prescindere dal potenziamento e consolidamento di questi rapporti e per altro verso occorre dare slancio al dialogo politico nell'intera area per un confronto su grandi temi quali il traffico di clandestini e il rispetto dei diritti umani e delle libertą fondamentali. Voglio aggiungere tra le altre cose, che la Sicilia Ź candidata a diventare sede della Banca Euromediterranea"



BB.CC.:CIRCA 10.000 VISITATORI ALLE MOSTRE DI SGARBI E DELLE TESTE DI PANTELLERIA.
FABIO GRANATA :"LA GENTE HA VOGLIA DI IDENTITA' CULTURALE"

Sono quasi 10.000 i visitatori che fra sabato e domenica hanno potuto ammirare le due mostre allestite dall'assessorato regionale dei BB.CC. "L'identità ritrovata:da Antonello a De Chirico" all'Albergo delle Povere e " Augustea Capita" (le tre teste raffiguranti Cesare, Agrippina e Tito rinvenute a Pantelleria), al Museo Archeologico Salinas.
"La gente ha voglia di identità culturale" sostiene l'assessore Fabio Granata, per il quale il successo delle due esposizioni e di tutta la manifestazione organizzata per i 25 anni di autonomia esclusiva dei beni culturali in Sicilia, è dovuto ad "una politica che non si limita più solo a tutelare e custodire il patrimonio archeologico monumentale, bensì a renderlo fruibile, promuovendolo inoltre attraverso un marketing di qualità, per consegnarlo ai naturali destinatari. Quelle stesse persone che hanno fatto lunghissime code per ammirare le nostre memorie, segno della nostra identità culturale"
Infatti in questa nuova politica c'è il recupero e la riappropriazione dell'identità culturale isolana (paradigmatico è l'acquisto all'asta da Christie's di una tavoletta di Antonello da Messina):"In controtendenza a quanto accade nello scenario nazionale - aggiunge l'esponente di A.N. - dove si parla di dismissioni del patrimonio culturale, noi tendiamo a riappropriarci dei tesori che ci appartengono"


ANTONELLO DA MESSINA: FABIO GRANATA VOLA A LONDRA PER LA CONSEGNA DEL PREZIOSO DIPINTO ACQUISTATO ALL'ASTA DALLA REGIONE SICILIANA.
L'ESPONENTE DI A.N. NEL REGNO UNITO PARTECIPERA' ANCHE ALL'IMPORTANTE BORSA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CHE APRIRA' OGGI I BATTENTI

L'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata si è recato a Londra, laddove gli verrà consegnato personalmente dalla Casa d'aste Christy's, il dipinto di Antonello da Messina ("La Madonna col bambino e un frate orante") acquistato quest'estate dalla Regione Siciliana.
Il delegato alla Cultura del governo Cuffaro nei mesi scorsi aveva bruciato sul tempo la concorrenza di prestigiose istituzioni museali e di privati nell'acquisto della preziosa tavoletta attribuita ad Antonello da Messina, battuta da Christy's per la somma di 257.188, 75 sterline, ovvero quasi
362.000 euro:"Ho voluto ricevere personalmente il quadro poiché tale acquisizione al patrimonio artistico della Sicilia assume simbolicamente una valenza straordinaria, a conferma di un'azione di governo attenta non soltanto alla valorizzazione e alla custodia, ma anche all'acquisizione di opere d'arte che arricchiscono il nostro patrimonio culturale", ha dichiarato Granata.Il dipinto "esordirà" a Messina, presso il Museo Regionale, nel corso dell'inaugurazione che avverrà il 17 novembre alle ore 11,00.
Per l'occasione l'esponente di Alleanza Nazionale parteciperà al World Travel Market di Londra, fiera internazionale del turismo che per le"innovative soluzioni tecnologiche, le strutture operative d'avanguardia e l'aspetto estetico" è considerata fra le prime al mondo.

10 novembre 2003



"POR 2000/2006:AVVIATO IL PROGETTO SCUOLA-MARE NELLE ISOLE MINORI"
GIOVEDI' 16 OTTOBRE (ORE 10,30) AL VILLINO FLORIO, L'ASSESSORE GRANATA
INFORMERA' GLI ORGANI DI STAMPA SULL'IMPORTANTE ACCORDO COL MIUR PER LE
ISOLE MINORI.

Il por Sicilia 2000/2006 mette in evidenza la centralità del mare quale risorsa e quale elemento centrale cui legare le dinamiche di equilibrio territoriale e di sviluppo.
Pertanto il dipartimento P.I. ha avviato una serie di iniziative contenute nel programma operativo legate al binomio scuola-mare, in virtù, tra l'altro, dell'accordo siglato col Miur il 25 marzo scorso, relativo ad una serie di iniziative comuni per le scuole delle Isole minori, quali:lacreazione di una rete tra le quattordici isole per avviare la formazione a distanza e i finanziamenti di progetti legati alla cultura marina,
inalizzati a promuovere iniziative formative efferenti i mestieri che hanno il mare come protagonista.
Da ciò, le scuole delle Isole minori hanno finalizzato un accordo di rete per potenziare l'offerta formativa e rendere le istituzioni scolastiche autentiche agenzie di istruzione e cultura, in stretto raccordo col
territorio. L'accordo in questione verrà firmato giorno 16 ottobre al Villino Florio, alla presenza dell'assessore alla P.I. Fabio Granata e dei sindaci delle
Isole minori.


ATTI VANDALICI ALL'ANTIQUARIUM DI SABUCINA (CL)
GRANATA:"CONFIDIAMO NEGLI INQUIRENTI, MA NOI FAREMO LA NOSTRA PARTE"

L'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata ha stigmatizzato l'atto vandalico perpetrato nei confronti dell'Antiquarium di Sabucina:"Confidiamo nelle indagini degli organi inquirenti - ha commentato - ma anche noi faremo la nostra parte, poiché non è concepibile che in una fase di rilancio dei beni culturali siciliani, con il restauro e la riapertura alla fruizione di numerosi siti, con l'utilizzo intelligente delle risorse di Agenda 2000, con il marketing territoriale di qualità sul quale stiamo allineando i nostri interventi e con gli innumerevoli progetti di riqualificazione territoriale e culturale che stiamo portando avanti, qualcuno pensi di arrestare la dinamica di modernizzazione, valorizzazione e promozione del nostro patrimonio archeologico, monumentale e museale.
L'atto è comunque oggettivamente gravissimo - ha concluso l'esponente di A.N. - perché colpisce un patrimonio che è di tutti"

14 ottobre 2003



FERIMENTO DEL CUSTODE DELLA VILLA DEL CASALE GRANATA: "SITUAZIONE NON PIU' TOLLERABILE"

A seguito del ferimento del custode della Villa del Casale di Piazza Armerina, l'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata ha commentato che "nell'assoluto rispetto degli accertamenti degli organi inquirenti, bisogna purtroppo registrare un episodio che continua a gettare ombre su Villa del casale"

Per l'assessore di Alleanza Nazionale "non Ź piĚ tollerabile che un sito del quale dobbiamo essere orgogliosi nel mondo e che dovrebbe rappresentare la risposta millenaria della nostra identitą culturale, continui invece ad essere il buco nero del nostro sistema, suscitando l'interesse delle cronache giudiziarie con danni di immagine enormi "Granata rende noto che "la prossima settimana l'unitą di crisi coordinata dal generale Conforti farą il punto degli impegni assunti da tutti nella precedente riunione e le eventuali indagini sugli stessi saranno personalmente comunicate all'opinione pubblica e alla stampa, perché sia chiaro e trasparente a tutti chi rema contro e chi a favore della normalizzazione e del rilancio della Villa Romana del Casale

2 ottobre 2003



BENI CULTURALI: L'ASSESSORE GRANATA ANNUNCIA CHE I MUSEI RESTERANNO APERTI AD AGOSTO. (e rilancia l'identità siciliana con una serie di iniziative culturali)
L'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata, rende noto che "anche quest'anno i siti archeologici, i musei ed i complessi monumentali resteranno aperti ad agosto, per consolidare una inversione di tendenza che fa della valorizzazione dei beni culturali un punto fermo della promozione del turismo in Sicilia, con espressioni d'eccellenza ad Agrigento, laddove il Museo Archeologico e la Valle dei Templi - unici siti in Italia - per tutta l'estate resteranno aperti fino alle 22,00"
Granata sottolinea "lo straordinario flusso di turisti nei due eventi che hanno caratterizzato l'estate culturale siciliana:il Satiro di Mazara del Vallo ed i Mosaici del Tellaro, a Noto" e inoltre comunica che il 30 agosto alla presenza del ministro Gasparri, del sottosegretario D'Alì, dell'Assessore Cascio e dei dirigenti dell'Assessorato e della Soprintendenza di Trapani, nel corso della cerimonia di consegna dei lavori di restauro della Tonnara Florio (definita progetto "principe" di Agenda 2000 e modello di trasparenza amministrativa, con un ribasso del 35%) si stilerà "il resoconto della stagione, che è solo il preludio di un progetto che vedrà gradualmente aprire in tutte le aree archeologiche e museali i servizi aggiuntivi e restituire inoltre alla pubblica fruizione gli innumerevoli siti restaurati con Agenda 2000"
L'esponente di A.N. e l'assessore al Turismo Cascio, sempre il 30 agosto, illustreranno una serie di iniziative atte a riportare "la memoria della famiglia Florio al centro della programmazione dell'Identità culturale siciliana"
Concludendo Granata illustra anche il valore di due mostre particolarmente significative che si svolgeranno a Palermo, "Da Tiziano a De Chirico" (a partire dal 24 ottobre) e "Nobiles Officinae" (dal prossimo mese di gennaio), le quali "apriranno la fase del consolidamento della Sicilia come nuova e antica capitale culturale del Mediterraneo"

13.08.03



CONFERENZA STAMPA - MERCOLEDI' 16 luglio, ORE 11,00 - VILLINO FLORIO PRESENTAZIONE MOSTRA "R.GUTTUSO:DAL FRONTE NUOVO ALL'AUTOBIOGRAFIA (1946-1966)"
Nel corso della conferenza stampa di mercoledì 16 luglio, sarà illustrata la mostra in oggetto alla presenza dell'Assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata, del sindaco di Bagheria, Pino Fricano e del prof. Fabio Carapezza Guttuso, curatore dell'esposizione insieme alla prof.ssa Dora Favatella Lo Cascio.
La mostra è inserita nella programmazione del Por Sicilia 2003/2006 della rubrica Beni Culturali ed è composta da più di trecento opere dell'artista bagherese:"E' un momento di altissima espressione artistica - commenta Fabio Granata - che si aggiunge al Satiro, ai Mosaici del Tellaro, ad Ortigia Festival, alle rappresentazioni classiche dell'Inda, alle "lezioni" di Sgarbi sul Caravaggio, per rilanciare l'idea della Sicilia come soggetto di transiti culturali dalle straordinarie valenze artistiche, grazie anche ad interpreti della sicilianità nelle sue massime espressioni, come Renato Guttuso".

11.07.03



GRANATA VOLA A ROMA E AFFRONTA LA DISPERSIONE SCOLASTICA COI VERTICI DEL MINISTERO
L'assessore regionale della P.I. Fabio Granata si è recato a Roma per affrontare col sottosegretario Valentina Aprea alcuni problemi afferenti la scuola siciliana, con particolare riferimento a quello sulla dispersione scolastica. Con l'esponente di A.N. sono volati nella Capitale il presidente della Commissione Cultura, Antinoro, il dirigente generale, Lo Franco, il direttore dell'ufficio scolastico, Di Stefano e la consulente Monterosso. Si è discusso inoltre del trasferimento delle risorse finanziarie nel raccordo Stato-Regione, del problema degli insegnanti di sostegno, dell'impegno della Regione Siciliana a rispettare il protocollo d'intesa dell'aprile scorso riguardante i fondi Pon e Por scuola e la necessità di un riesame del numero di unità di personale docente da assegnare, per il monitoraggio del fenomeno della dispersione scolastica. A conclusione del tavolo di lavoro il sottosegretario Aprea ha palesato la propria disponibilità all'esame complessivo delle problematiche rappresentate dalla delegazione siciliana:"E' stato un momento di conoscenza importante - ha chiosato Granata - e tutti quanti speriamo nel buon fine delle questioni affrontate, le quali rappresentano alcune priorità dell'azione politica del governo della Regione e dell'assessorato alla Pubblica Istruzione".

11.07.03



TORNANO AL PUBBLICO I MOSAICI DEL TELLARO L'ASSESSORE GRANATA:"UN LUNGO RESTAURO, MA NE VALEVA LA PENA"
Saranno riconsegnati alla pubblica fruizione i mosaici dell'antica Eloro, meglio conosciuti come quelli del Tellaro, che prendono il loro nome dall'omonimo fiume della provincia aretusea. Domenica 13 luglio infatti l'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata, terrà un' attesa conferenza stampa e qualche ora dopo presenterà ufficialmente i prestigiosi mosaici presso la chiesa sconsacrata di S.Domenico a Noto, nella quale resteranno fino a settembre prima di essere riposizionati nella villa che essi adornavano nel III -IV sec. d.C.
"Tornano al pubblico i mosaici del Tellaro dopo un lungo restauro - spiega Granata - ma soprattutto emerge la nuova politica culturale dell'assessorato dei BB.CC. che dei restauri e della pubblica fruizione del patrimonio artistico siciliano, ha fatto il proprio elemento propulsore. L'esposizione dei mosaici aggiunge un altro tassello al progetto ambizioso del distretto culturale del Sud-Est, arricchendo ulteriormente un'offerta culturale già straordinariamente varia tra gli otto Comuni riconosciuti dall'Unesco patrimonio dell'umanità"

7.07.03



Noto (SR) 9 luglio , alle 21,15 , Piazza del Municipio, dinanzi alle scalinate del Duomo e di Palazzo Ducezio Teatro Greco di Segesta (TP) 10 luglio alle 19,30, nell'ambito del calendario degli spettacoli di Segesta 2003.
Le intonazioni dei Tenores di Bitti e il cuntu del maestro puparo Mimmo Cuticchio accompagneranno le musiche originali del quintetto "Atlantico" di Enzo Favata, per la prima volta in Sicilia. Padroni di casa gli Ut Comma, il settetto di matrice classica che ha conquistato un ruolo di primo piano nel panorama della musica etnica. Un incontro innanzitutto di artisti, delle loro esperienze musicali e culturali, degli echi di tradizioni arcaiche tuttavia ancora vivissime, che è stato tradotto in uno spettacolo di grande suggestione, presentato in prima nazionale, grazie alla sensibilità dell'Assessore Fabio Granata e al supporto costante dell'Assessorato ai Beni Culturali della Regione Sicilia e l'Ufficio Speciale per la valorizzazione del Patrimonio Culturale, a Noto e Segesta prima di prendere il largo verso altre mete in quel mare e fra quelle le due sponde che danno il nome all'evento.
La conferenza stampa di presentazione dello spettacolo è fissata per il 7 luglio alle 11,00 presso il Villino Florio, sede di rappresentanza dell'Assessorato Regionale ai Beni Culturali, alla presenza di tutti gli artisti e del direttore dell'ufficio speciale, dott. Aurelio Pes

4.07.2003



I CASTELLI SICILIANI IN DUE VIDEO PER LA RAI
VERRANNO DISTRIBUITI NELLE SCUOLE E NEGLI ISTITUTI DI CULTURA ALL’ESTERO

Palermo, 26 giugno 2003

Dopo il barocco del Val di Noto, le scoperte di preziosi reperti nei fondali marini che hanno permesso il ritrovamento del Satiro di Mazara del Vallo, rilanciando l’archeologia subacquea, la Regione Siciliana punta sul medioevo e sui castelli – testimonianze di un periodo tutt’altro che “oscurantista” - per promuovere il proprio patrimonio culturale.
Sicchè ha pensato ad un viaggio immaginario fra lotte feudali, istanze politiche e architetture fortificate – attraverso i castelli restaurati - in due video co-prodotti con la Rai dal chiaro intento didattico, da distribuire nelle scuole, nelle università e agli istituti di cultura all’estero, come spiega Fabio Granata, assessore regionale dei BB.CC.:”In Sicilia si stanno sviluppando nuove idee legate alla diversificazione turistica del patrimonio regionale, con un’attenzione maggiore all’archeologia e all’archeologia subacquea, ma il progetto sui castelli e su un periodo storico ricco di fermenti culturali e di cervelli acutissimi, è degno della massima considerazione, tenuto conto che il fine didattico, oltre a quello promozionale, è l’anima del video realizzato dalla Rai, l’agenzia culturale più importante del paese”
Un filmato di 45 minuti a cura del regista Vittorio Brusca ed un “promo” di 5 minuti, firmato dal giornalista Davide Camarrone (che andrà in onda sabato su Bell’Italia, Rai 3) racconteranno le “avventure” dei castelli Maniace (SR), di Caccamo, Carini, Castelbuono e Mussomeli (PA) per ribadire il ruolo primario della terra che proprio nel medioevo fu il centro dell’Impero degli Hohenstaufen, alla cui Corte vissero artisti e condottieri, dei quali i castelli e le fortificazioni sono l’aspetto speculare.
Coniugare passato e futuro, attraverso il presente è un’operazione complessa che abbraccia il mondo della tradizione [culturale], laddove riecheggia la cifra semantica del termine, “trasmettere, consegnare” (dal latino tradere), tant’è che Granata e la Rai si sono serviti di due attori, Paolo La Bruna e Claudio Russo per impersonare i due viaggiatori a spasso nel tempo, con l’ausilio dei quali sollecitare suggestioni, memorie, fatti, nomi, eventi. Ogni cosa nel contesto di paesaggi splendidi che fanno da cornice alle fortificazioni, varianti mediterranee degli austeri edifici avvolti nel crepuscolo e nelle nebbie, nella narrazione di Eco “Il nome della Rosa”, espressa poi in immagini di celluloide dal regista Annaud.
Nella conferenza stampa di presentazione svoltasi a Palermo, presenti i vertici regionali della Rai, il direttore della struttura Filippo Cosentino ha detto che la co-produzione con l’assessorato dei BB.CC. continuerà con un altro video in lavorazione dedicato all’archeologia subacquea, cui daranno il proprio contributo Francesco Alliata e l’ex campione di immersione in apnea, Enzo Maiorca, “nell’attesa di aprire al pubblico la nostra enorme cineteca”


SCOPERTO UN VASO ATENIESE DEL IV SEC. A.C. CHE RIPROPONE IL SATIRO DI MAZARA
GRANATA:“IL SATIRO NON FINISCE DI STUPIRCI E CHISSA’ QUALI ALTRE SOPRESE CI RISERVERA’”

Un vaso attico del IV sec. a.C. ripropone in maniera impressionante l’immagine del Satiro di Mazara del Vallo. La scoperta è stata fatta dal prof. Filippo Giudice, direttore della Scuola di specializzazione in archeologia e dell’archivio ceramografico dell’Università di Catania: la foto raffigurante il vaso, una kylix per la precisione (ovvero una tazza), consente di riaffermare per il Satiro, oltrechè l’appartenenza ad un tiaso dionisiaco, la cronologia del IV secolo, già avallata dal prof. Paolo Moreno:”Non solo abbiamo una certezza sostanzialmente documentale dall’enorme rilevanza, ma abbiamo una conferma della sua cronologia” ha commentato l’assessore dei BB.CC. Fabio Granata, per il quale adesso “si apre un’appassionante ricerca che condurremo con mezzi innovativi e attraverso i collegamenti con gli istituti di cultura pubblici e privati del mondo (anche utilizzando il sito internet dei BB.CC. www.regione.sicilia.it/beniculturali) al fine di individuare la localizzazione del prezioso reperto. Poi faremo di tutto per collocarlo nell’esposizione di Mazara del Vallo accanto al Satiro”
“Insomma un altro motivo di interesse per un ritrovamento archeologico che sempre più conferma i nostri sforzi nel campo dell’archeologia subacquea, che può diventare per la Sicilia il valore aggiunto del suo straordinario patrimonio culturale”

Palermo, 20 giugno 2003



SALVALARTE - GRANATA:" NO ALLA RETORICA, SI' ALLA RISCOPERTA DEL PATRIMONIO CULTURALE"

Intervenendo alla conferenza stampa della manifestazione "Salvalarte Sicilia 2003", organizzata dalla Regione Siciliana in collaborazione con Legambiente, l'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata ha così commentato:"La sinergia ha fornito un nuovo metodo per la conoscenza del patrimonio culturale siciliano;un metodo che non si limita a verificare ciò che è meritevole di attenzione, ma che indica percorsi da seguire per la tutela e la salvaguardia, al di là della retorica rituale e in direzione della riscoperta autentica come l'anno scorso, ad esempio, con Palazzo Trigona a Piazza Armerina, con i Forti Spagnoli di Augusta e col Castello di Maredolce a Palermo"Granata si è detto favorevole ad aprire un tavolo di consultazione sulla proposta avanzata da Gianfranco Zanna, relativa ad un "circuito delle zolfare o percorso minerario", ribadendo l'efficacia delle "forze lobbistiche positive" che fin qui hanno "sottolineato questioni che poi vengono affrontate con un percorso di grande efficacia"



DA SIDONE A HUELVA: RAPPORTI TRA I POPOLI DEL MEDITERRANEO DAL XVI AL VI SEC. a.C. MUSEO DI ARTE CICLADICA DI ATENE, 3 GIUGNO - 31 0TTOBRE 2003

Greci, Fenici, Etruschi, Iberi e via discorrendo attraverso le loro civiltà del periodo arcaico di massimo splendore - dai secoli XVI al VI a.C. - "racconteranno" i rapporti fra i popoli del Mediterraneo in una mostra allestita presso il Museo di arte cicladica di Atene, nella quale saranno esposti manufatti di importazione fra una civiltà e l'altra, le imitazioni degli stessi, gli oggetti che stilisticamente e cronologicamente includono elementi di più di una civiltà, per circa 400 reperti in oro, argento, bronzo, ferro, argilla, avorio, vetro, pietra etc.
Alla manifestazione hanno aderito con i propri oggetti da esporre i Musei Archeologici e le Soprintendenze della Sicilia, sotto l'egida dell'assessore Fabio Granata, il quale parteciperà all'inaugurazione del 3 giugno, mentre la mostra durerà un semestre nel quale la Grecia avrà la Presidenza dell'UE ed ospiterà i Capi di Governo dei paesi membri:"Da tempo siamo impegnati nella riscoperta dell'identità mediterranea - spiega Fabio Granata - un'identità che come illustra la mostra è tenuta insieme da un comune filo rosso. Essa si può ripercorrere attraverso l'arte e gli accadimenti storici, i transiti culturali in senso lato e il diritto, la filosofia, le traduzioni, la scienza e la politica intesa come attività fondamentale dello Stato, secondo gli insegnamenti di Platone in Grecia e a Siracusa".

Palermo, 30 maggio 2003



CONFERENZA STAMPA A ROMA SULL'IMPORTANTE PROMOZIONE CULTURALE FRA SICILIA E SARDEGNA.
“DA TIZIANO A DE CHIRICO”: LA RICERCA DELL'IDENTITA'.
UNA MOSTRA IDEATA DA SGARBI A CAGLIARI E PALERMO

Si svolgerà domani 20 maggio 2003, presso le Terrazze Civita, a piazza Venezia (Roma), alle ore 11,30, l'attesa conferenza stampa di presentazione della mostra "Da Tiziano a De Chirico", cui prenderanno parte, l'ideatore Vittorio Sgarbi, l'assessore regionale dei BB.CC. per la Sicilia, Fabio Granata , il sindaco di Cagliari, Floris e l'assessore alla cultura del Comune di Cagliari, Giorgio Pellegrini.
L'esposizione intende indagare "l'identità della pittura italiana e l'evocazione della sua anima" a partire dai primi ritratti psicologici in cui l'individuo si affaccia al mondo fino al Novecento, secolo che sancisce il primato di Freud e nel quale "la proiezione di incubi e sogni, ansie ed inquietudini mostrano la condizione dell'uomo":in summa, dal Doppio Ritratto del Giorgine a Morandi e De Chirico, passando per Tiziano, Parmigianino o i meno noti Ar, Nathan e Buratti. Le tele verranno esposte al pubblico il 21 giugno a Cagliari, presso Castel S. Michele, per restarvi fino al 21 settembre, poi sarà la volta dell'Albergo delle Povere di Palermo, fra le cui mura storiche gli stessi dipinti saranno appannaggio di visitatori e studiosi a partire dal mese di ottobre 2003:"Le quasi cento opere selezionate da Sgarbi - spiega Granata, co-promotore dell'evento - rappresentano il primo tentativo di mettere in luce l'analisi dell'Io nella pittura italiana e quanto ciò va vissuto primieramente come ricerca dell'identità nazionale attraverso gli aspetti spirituali insiti nell'arte pittorica dei grandi maestri italiani". L'organizzazione è a cura dell'associazione Tekne di Roma, introdurrà i lavori il coordinatore generale della mostra Gilberto Algranti. Gli organi di stampa sono invitati a partecipare.

Palermo, 19 maggio 2003



FABIO GRANATA :"CONTINUA IL RILANCIO DELL'INDA"
PRESTO APERTO ANCHE IL MUSEO DEL DRAMMA ANTICO"

Con una scelta azzeccata legata anche all'attualità, apre a partire dal 16 maggio con "I Persiani", la straordinaria stagione di spettacoli classici al Teatro Greco di Siracusa, a testimonianza del rilancio di una tradizione legata al teatro classico, che dal 1914 fa del capoluogo aretuseo la Capitale indiscussa della tragedia". Così ha dichiarato l'assessore dei BB.CC. Fabio Granata, il quale ha poi continuato:"Presto, grazie all'assessorato dei Beni Culturali ed al Comune di Siracusa verrà reso fruibile al pubblico il Museo dell'Inda, arricchendo così un'offerta culturale già di primissimo ordine e nel frattempo tutte le decine di migliaia di spettatori potranno gustarsi la straordinaria mostra su Cambelletti, inventore delle più grandi scenografie dell'Inda, organizzata col Comune di Ragusa presso il Castello di Donnafugata"

Palermo, 7 maggio 2003



V SETTIMANA DELLA CULTURA.
INAUGURATO A PALERMO IL CASTELLO A MARE

Oggi è stato finalmente restituito alla città il Castello a Mare di Palermo, dopo anni di scavi e di bonifica dell’area.
Soddisfatta la soprintendente, Adele Mormino: “Questa apertura ha per noi non solo un valore culturale ma anche sociale e civile e arriva a conclusione di tre anni e mezzo di battaglie per lo sgombero della zona dalle costruzioni abusive. Colgo l’occasione per ringraziare il prefetto che ci ha dato una grossa mano”.
L’architetto Francesca Spatafora, direttore dei lavori insieme all’architetto Mattero Scognamiglio, ha spiegato ai numerosi presenti, quali importanti strutture sono state portate alla luce: “Si tratta del medievale bastione San Pietro e del rinascimentale bastione San Giorgio con il suo muro in bugnato, oltre alla porta Aragonese che era per metà insabbiata. Sono previsti ulteriori interventi per il recupero del bastione San Pasquale, il cui progetto è inserito in Agenda 2000, e per il completamento dell’intera area”.
Domani a Palazzo Riso (ore 17.30) si inaugureranno le mostre “Della Navigazione”, “I dipinti restaurati della Presidenza della Regione”, “Le fontanelle del centro storico”, “Il lavatoio di Roccapalumba” e “Terme e Fontane nelle case romane di piazza della Vittoria”.
Tutti i siti archeologici restano aperti dalle 9.30 alle 19.00 (ultima visita ore 18.30).

Palermo, 5 maggio 2003



PARTITA DALLE TERME DI CEFALA’ DIANA LA V SETTIMANA DELLA CULTURA
LUNEDI’ 5 MAGGIO INAUGURAZIONE A PALERMO DEL CASTELLO A MARE

Con l’inaugurazione dei Bagni di Cefalà Diana è partita la “V Settimana della Cultura”, organizzata dall’Assessorato Regionale ai Beni Culturali e Ambientali che, a partire da oggi, propone una serie di eventi in tutta la Sicilia. “Facciamo acqua da tutte le parti”, è lo slogan di una manifestazione che ha come tema centrale l’acqua.
Presenti oggi all’inaugurazione la sovrintendente di Palermo, Adele Mormino, il direttore dei lavori, Lina Bellanca, il direttore dell’assessorato ai Beni culturali e ambientali, Giuseppe Grado, e i sindaci di Cefalà Diana e Villafrati, Giuseppe Costanza e Giuseppe Schimmenti.
La Mormino: “E’ finalmente accaduto quello che speravamo accadesse e questa apertura è la dimostrazione di un lavoro corale, a cui hanno partecipato numerose professionalità della Soprintendenza”.
Un lavoro impeccabile che ha ridato vita alle Terme erroneamente definite arabe: in realtà risalgono al successivo periodo normanno. Si tratta di una struttura rettangolare contenente delle vasche contigue alimentate da una conduttura esterna che immette acqua calda.
“Una “Settimana della “Cultura” che sottolinea con forza la rinascita del sistema dei beni culturali in Sicilia attraverso il richiamo a un elemento che ci appartiene, quello acquatico”, ha dichiarato l’assessore Fabio Granata.. “Il grande interesse di turisti e cittadini testimonia la centralità che ormai la Sicilia sta consolidando nel grande mercato del turismo culturale con un progetto di reindirizzo del modello di sviluppo in chiave “sostenibile” e con il ripudio definitivo di nuove “deregulation” e nuove cementificazioni. Facciamo acqua da tutte le parti ma in modo positivo”.
Per Grado “La “Settimana della Cultura” non poteva che prendere il via da questo sito, l’emblema della Sicilia rispetto al tema dell’acqua. La riserva assume un valore ambientale, le Terme, invece, rivestono una notevole importanza archeologica. E’ fondamentale che centri come Cefalà Diana entrassero a far parte dei circuiti turistici più battuti”.
Lina Bellanca, direttore dei lavori ha condotto un’accurata visita guidata alle Terme, illustrando il progetto di restauro che ha ridato stabilità alla struttura del muro a tre archi, oltre ad alimentare le vasche con acque provenienti dal pozzo Chiarastella, per ricreare condizioni microclimatiche adatte alla conservazione del monumento.
La “Settimana” prosegue domani domani con la visita all’Antiquarium di Himera (oer 10.30) dove, nella saletta dedicata all’archeologia, saranno esposte nuove anfore, mentre a Ciminna, (ore 16.00) è prevista una visita guidata ai lavori di restauro conservativo dei Gruppi statuari della Settimana Santa della Chiesa Madre, realizzati da maestranze locali nel XVII secolo e portati in processione durante i riti pasquali.
Lunedì 5 maggio riapre al pubblico il Castello a mare di Palermo (ore 10.30): una visita guidata racconterà le fasi del “lifting” che negli ultimi anni ha rimesso in luce alcune strutture, tra cui il “rivellino”, due ponti e le strutture del Bastione di San Giorgio.
Tutti i siti coinvolti nella “Settimana della Cultura” sono visitabili ogni giorno gratuitamente.

Palermo, 3 maggio 2003



"LA MATERIA E I SEGNI DELLA STORIA"- UN CONVEGNO A PIAZZA ARMERINA PER DISCUTERE DI RESTAURI E DI PACE
CUFFARO E GRANATA RILANCIANO L'IDENTITA' MEDITERRANEA PER PERCORSI DI GIUSTIZIA E DI TOLLERANZA

"Sarà un convegno basato sulla cultura, che vedrà presente il mondo accademico internazionale, ma non secondariamente un evento di carattere politico-sociale". Con queste parole l'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata ha presentato il convegno internazionale di studi "La materia e i segni della storia"che si svolgerà a Piazza Armerina da oggi fino al 13 aprile. Un evento tecnico e culturale che tratterà i contributi analitici alla Carta del rischio, la manutenzione programmata per la conservazione ed il recupero di apparati musivi antichi nell'area del Mediterraneo, ma non solo.Infatti la manifestazione "ha assunto caratteristiche di straordinarietà nel corso di questa fase drammatica che vede tensioni fra Occidente ed Islam.
E' un fatto straordinario - ha spiegato l'esponente di A.N. - perché un paese ricco di storia come l'Iraq sta subendo dei bombardamenti che arrecano danni irreparabili al proprio patrimonio culturale, che ricordano un po' quelli che subì Palermo durante il secondo conflitto mondiale. Anche in quell'occasione i danni furono incommensurabili:si tratta purtroppo di corsi e ricorsi storici di assoluta drammaticità".
Una "quattro giorni" nella quale si affronteranno i problemi dei restauri, i contributi della ricerca scientifica e i "protocolli metodologici per la conservazione delle aree musive", con alcune simulazioni di restauro a cura dell'Opificio delle pietre dure di Firenze, della Scuola di Restauro di Ravenna e dell'Istituto Statale di Monreale ("è importante la presenza dei nostri ragazzi nelle simulazioni, a dimostrazione dell'alto livello di professionalità raggiunto" ha chiosato Granata).Comunque per l'assessore siciliano anche "discutendo di restauri e recuperi si potrà parlare di un processo di pace, che vede le professionalità italiane del settore restauro quali depositarie di conoscenza culturale da diffondere ed è per questo che il convegno si svolge a Piazza Armerina, in un sito nel quale malgrado la ripresa dell'intero sistema dei beni culturali isolani, qualcosa ancora si dovrà fare. Bisogna accelerare i tempi di ripresa della Villa del Casale e rilanciare i suoi mosaici insieme a quelli del Tellaro, restaurati dalla Soprintendenza di Siracusa e a fine maggio in esposizione a Noto"
Granata ha poi spiegato le particolari motivazioni che animano il convegno, al di là del dato scientifico:"Mettere attorno a un tavolo a discutere di identità culturale e di segni della storia in questi giorni, il Nunzio apostolico in Italia Mons. Paolo Romeo, il presidente della Pontificia commissione beni culturali Mons.Francesco Marchiano e tanti prestigiosi accademici provenienti da Israele, Siria ed Iran, conferisce alla manifestazione di Piazza Armerina carattere di unicità.Il tema ripeto, è tragicamente attuale poiché il conflitto in corso, al quale si sta pagando un prezzo di vite umane inaccettabile, sta già arrecando danni irreparabili allo straordinario patrimonio culturale dell'Iraq e solo attraverso la cultura e l'identità mediterranea si potranno costruire percorsi di giustizia e di pace"Il governatore Cuffaro ha insistito sul concetto di eccezionalità dell'evento, sostenendo che quello che si vuole lanciare "è il messaggio di una regione che si vuole riappropriare della propria storia per costruire un progetto futuro, tant'è che è stato già presentato un ddl per accorpare all'assessorato dei BB.CC quello dell'Identità della Sicilia"
"Il convegno è importante - secondo il presidente della Regione - perché in un momento difficile riesce a mettere insieme personaggi importanti per ragionare insieme di cultura, storia e pace, laddove questi tre concetti diventano una cosa sola. Ai momenti tecnici di alta valenza si è voluto dare un significato politico e sociale per far tornare la Sicilia nel Mare Nostrum capace di creare solidarietà e percorsi di pace veritieri e duraturi"Concludendo Cuffaro ha poi creato la similitudine fra i mosaici di Piazza Armerina ed "il mosaico della pace, che va costruito da ciascuno di noi con l'inserimento di un proprio tassello"



CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI A PIAZZA ARMERINA - 9/13 APRILE
"LA MATERIA E I SEGNI DELLA STORIA"

I contributi analitici alla Carta del rischio, la manutenzione programmata per la conservazione ed il recupero di apparati musivi antichi nell'area
del Mediterraneo, saranno al centro del Convegno internazionale di studi "La materia e i segni della storia" che si svolgerà a Piazza Armerina da 9 al 13 aprile.
Domani 8 aprile,ore 11,30, presso la Sala Giunta di Palazzo d'Orleans, l'assessore dei BB.CC. Fabio Granata ed il Presidente della Regione
Siciliana, Salvatore Cuffaro presenteranno agli organi di informazione il prestigioso convegno, peraltro già annunciato la scorsa settimana a Roma
alla Sala Stampa Esteri. Fabio Granata ha dichiarato:"Mettere attorno a un tavolo a discutere di identità culturale e di segni della storia in questi
giorni, il Nunzio apostolico in Italia Mons. Paolo Romeo, il presidente della Pontificia commissione beni culturali Mons.Francesco Marchiano e
tanti prestigiosi accademici provenienti da Israele, Siria ed Iran, conferisce alla manifestazione di Piazza Armerina carattere di
eccezionalità.Il tema poi, è tragicamente attuale poiché il conflitto in corso, al quale si sta pagando un prezzo di vite umane inaccettabile, sta
già arrecando danni irreparabili allo straordinario patrimonio culturale dell'Iraq: altro che bombe intelligenti! Solo attraverso la cultura e
l'identità mediterranea si costruiscono percorsi di giustizia e di pace

Palermo,7 aprile 2003



FABIO GRANATA :L'ARMONIA DEI CENTRI STORICI E' AL PRIMO PUNTO DEL NOSTRO ORDINE DEL GIORNONORME SUI SOTTOTETTI APPLICATE CON IL MASSIMO RIGORE DALL'ASSESSORATO DEI BB.CC. E AMBIENTALI

Dopo l'approvazione della norma inserita in finanziaria regionale sui sottotetti e le verande, l'assessore dei BB.CC. Fabio Granata ha commentato:"E' una norma intelligente ma che richiede un'applicazione molto delicata nei centri storici e nei luoghi di interesse architettonico e monumentale, per questo le soprintendenze riceveranno indicazioni circostanziate e rigorose al fine di evitare interventi non coerenti con i nostri centri storici"
"Infatti - ha concluso il delegato della giunta Cuffaro - un prospetto architettonico ed una sapiente armonia costruita nei secoli rappresentano un bene pubblico che oltrepassa la proprietà ed il diritto del privato a modificare tale "equilibrio" ed è per tale motivo che dico a tutti di stare sereni, poiché l'equilibrio e l'armonia dei centri storici siciliani sono al primo punto dell'ordine del giorno del nostro governo"

Palermo,7 aprile 2003



"LA SICILIA COME MODELLO DI PROPOSTA CULTURALE"SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA :OGGI L'INAUGURAZIONE CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA VITTORIO SGARBI-FABIO GRANATA DAL TEMA "I RESTAURI IN SICILIA" - L'ASSESSORE ED IL CRITICO D'ARTE RILANCIANO LA POLITICA CULTURALE ISOLANA.

Aprirà i battenti oggi il Salone del Restauro di Ferrara, per chiuderli domenica 6.
L'assessorato dei BB.CC. della Regione sarà presente con un proprio stand espositivo e rilancerà in quella sede la proposta culturale fin qui portata avanti da Fabio Granata nel settore dei restauri e nella promozione del distretto del Sud-Est.Di rilievo inoltre, l'attesa conferenza stampa odierna del critico d'arte Vittorio Sgarbi e dello stesso assessore Granata, indetta presso la Sala convegni del Salone di Ferrara sul tema:"I restauri in Sicilia":"La nuova centralità della Sicilia nel panorama dei beni culturali - ha anticipato Granata - nasce attraverso la politica produttiva, il metodo e l'importante piano esecutivo sui restauri, elementi questi, ormai riconosciuti a tutti i livelli"Per l'esponente di A.N. e per lo stesso Sgarbi, "finalmente la Sicilia si pone come modello e non come cattivo esempio"

Palermo,3 aprile 2003



UNO STAND TARGATO BENI CULTURALI AL SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA (3/6 APRILE)
ALLE 17,00 DI DOMANI GRANATA E SGARBI TERRANNO UNA CONFERENZA STAMPA CONGIUNTA DAL TEMA "I RESTAURI IN SICILIA" - PER L'ASSESSORE DI A.N ."SICILIA SECONDA A NESSUNO"

L'assessorato dei BB.CC. della Regione sarà presente al Salone del Restauro di Ferrara dal 3 al 6 aprile con un proprio stand all'interno del quale saranno esposti i temi ed i motivi di massima divulgazione del momento:Agenda 2000 con i suoi 650.000 euro di investimenti con immagini e video provincia per provincia; lo spazio dedicato al Sud-Est (anche qui con proiezioni video) ed una affabulante "Stanza del Satiro" nella quale verrà proiettato il documentario di Salvo Cuccia a cura del Centro del Catalogo, sul prezioso reperto archeologico attribuito a Prassitele, dall'altro ieri in mostra alla Camera dei Deputati a Roma: "La Sicilia è sulla buona strada per ridiventare quello che è sempre stata, un faro di cultura e per far ciò, attraverso la modernizzazione organizzativa del sistema dei beni culturali e proseguendo sulla strada dei restauri, dell'archeologia subacquea, della promozione, delle rappresentazioni nei luoghi classici di spettacolo, del progetto Sud-Est ed alimentando l'eco giornalistica e mediatica che ha già varcato i confini nazionali, potremo creare un modello di sviluppo sostenibile reale e virtuoso", ha chiosato l'assessore Granata, "anima" delle promozioni culturali della Sicilia al di qua e al di là di Scilla e Cariddi.
Di rilievo, la conferenza stampa congiunta fra il critico Vittorio Sgarbi e lo stesso Granata (ore 17,00 di domani) presso la Sala convegni del Salone di Ferrara. Il tema: "I restauri in Sicilia"



DOPO LA PROCLAMAZIONE DELL'UNESCO DELL'ANNO DELL'ACQUA LA SETTIMANA NAZIONALE DELLA CULTURA IN SICILIA AVRA' PER TEMA IL PREZIOSO ELEMENTO NATURALE.
FABIO GRANATA ALLERTA LE SOPRINTENDENZE, LE BIBLIOTECHE ED I MUSEI, AFFINCHE' SCELGANO QUESTO LEIT MOTIV PER LE LORO MANIFESTAZIONI

L'assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato il 2003 "Anno Internazionale dell'acqua", a voler significare l'importanza per il pianeta del prezioso elemento naturale. Costituente fondamentale degli organismi (oltre il 60% del corpo umano) e sostanza indispensabile alla vita sulla Terra, prima del suo riconoscimento nel 1700 quale composto chimico da Lavoisier, fu considerata dagli antichi prima che in senso filosofico, mitologicamente e non è casuale che la mitologia pre-ellenica e mesopotamica pensasse ad un mondo adagiato sugli "abissi". Sull'acqua. In seguito iprimi filosofi greci ascrissero all'"elemento" - probabilmente mutuandoli dall'osservazione empirica - connotati metafisici, tant'è che Talete vide nell'acqua l'archè o principio primo della natura ed Empedocle ne fece una delle quattro radici (rhizómata) eterne insieme ad aria, terra e fuoco, che compongono e formano le cose del mondo. Dal 5 all'11 maggio il Ministero per le Attività Culturali ha rinnovato l'appuntamento con la "Settimana della Cultura" e l'assessore regionale dei beni culturali per la Sicilia, Fabio Granata, in adesione al progetto nazionale, ha pensato bene di inviare una nota ai soprintendenti, ai direttori di biblioteche e musei del dipartimento da lui amministrato, con la quale si chiede esplicitamente ai funzionari di organizzare manifestazioni ed eventuali esposizioni sul tema dell'"acqua" nelle sue varie forme:miti, feste e riti, archeologia subacquea, materiali quali coralli, pitture sul tema, fontane, giardini, fonti etc. L'evento servirà non secondariamente per comunicare i "lavori in corso" del Programma operativo regionale Sicilia 2000-2006 in tema di restauri e di rilancio del patrimonio culturale siciliano:"Abbiamo voluto dare una chiave di lettura originale e specifica alla "Settimana" per far sì che l'acqua sia vissuta dai siciliani come traccia di straordinaria memoria storica e come grande opportunità legata al patrimonio archeologico subacqueo.Quanto ciò in sintonia alla volontà dell'Unesco di attribuire a questo prezioso elemento una valenza culturale", sostiene Granata. L'assessore di A.N. tiene a spiegare che "per la prima volta non si accoppierà in Sicilia ed in Italia, all'idea dell'acqua quella di problemi idrici", ma addirittura si promuoverà proprio l'archeologia subacquea a partire da una "prestigiosa operazione culturale" che - per restare in tema di ritrovamenti marini - presenterà giorno 31 marzo alla Camera dei Deputati il Satiro, "reperto di straordinaria rilevanza che verrà subito dopo ricollocato nel cuore della Sicilia". A Mazara del Vallo per la cronaca. L'acqua vissuta come risorsa è operazione di grande contenuto ecologico-ambientale (da qui i dettati dell'Unesco), ma promuoverla come vettore di civiltà - si pensi anche ai transiti culturali attraverso il mare - e di promozione, è un'intestazione saggia e di grande spessore politico.

Palermo,18 marzo 2003



GRANATA ANNUNCIA LA PRESENTAZIONE DI UN TESTO UNICO SUI BENI CULTURALI: "LA SICILIA DIVENTERA' UN ESEMPIO PER L'ITALIA"
"La straordinaria stagione che può aprirsi per i beni culturali in Sicilia, grazie ai 650 milioni di euro efficacemente impegnati con Agenda 2000 e grazie al processo di modernizzazione organizzativa delle aree archeologiche e museali - che si inaugurerà in primavera - deve trovare un supporto legislativo in un nuovo Testo Unico che elimini lentezza burocratica e ritardi gestionali e che favorisca inoltre un percorso fondamentale non solo per l'economia, ma soprattutto per la cultura della nostra regione".
Lo ha dichiarato l'assessore dei BB.CC. Fabio Granata, per il quale "il metodo di organizzazione della custodia, i luoghi classici di spettacolo, la responsabilizzazione delle fruizioni, l'organizzazione delle strutture dei musei e la nuova capacità di sintesi tra ricerca culturale e managerialità saranno alla base di un prossimo T.U. sui beni culturali, già concordato con i deputati e con la presidenza della V Commissione legislativa all'Ars e che rappresenterà la posizione legislativa della Regione Siciliana" "Quelli che si ostinano a vedere il bicchiere mezzo vuoto - ha incalzato l'esponente della giunta Cuffaro - sembrano non occuparsi dei siti riconsegnati a centinaia alla fruizione attraverso l'azione del dipartimento dei BB.CC. e attraverso le professionalità dello stesso, ad iniziare dai Soprintendenti che chiamo comunque a rilanciare il proprio impegno, per renderlo adeguato a questa nuova fase, ma che comunque ringrazio per il coraggio e l'abnegazione dimostrati nella difesa del patrimonio culturale siciliano, anche in tempi meno felici di questi" A conclusione Granata ha ricordato come recentemente al Congresso nazionale degli assessorati alla Cultura delle regioni d'Italia, "la Sicilia su otto premi ne abbia vinto due, cosa impensabile fino a qualche tempo fa, ma questo non ci basta:dobbiamo essere all'altezza della competenza esclusiva che può e deve farci diventare almeno nel settore, un esempio per il resto d'Italia"

SALONE DEL LIBRO DI PARIGI. GRANATA "ESPORTA" IL VAL DI NOTO AL DI LA' DELLE ALPI
Palermo,Sarà uno stand targato "Beni Culturali" a rappresentare la Sicilia al "Salone del libro" di Parigi, che si svolgerà dal 21 al 26 marzo nella capitale transalpina.
E saranno il "distretto del Sud-Est" ed il Val di Noto, in particolare, ad essere "esportati" da Fabio Granata sulle rive della Senna: infatti all'interno del percorso promozionale il leit motiv del Sud-Est verrà proposto, oltre che con una conferenza stampa, con una mostra fotografica sul distretto e sul tardo-barocco siciliano, ormai riconosciuto "patrimonio
dell'umanità" insieme ad otto Comuni isolani.
Lo stand "parlerà" pertanto - come dice Granata - "la lingua di Camilleri e delle memorie legate all'attività letteraria dello scrittore, nelle quali sono espressi proprio il Sud-Est siciliano ed il Val di Noto". Un Camilleri legato a doppia mandata con la fiction televisiva tratta dai suoi racconti, assai celebre in Francia ed all'immagine televisiva di un ottimo
Montalbano/Zingaretti.
Tra l'altro il progetto di Granata, nasce da una sinergia con gli "Editori del Sole", che anche quest'anno saranno presenti a Parigi con le loro produzioni librarie: "E' un progetto complessivo di grande spessore - aggiunge l'esponente di A.N. - che punta sulla riscoperta dell'identità siciliana, del suo territorio, della sua storia, del suo bagaglio di
"conoscenze", da presentare all'opinione pubblica internazionale come il "prodotto-Sicilia". Un "prodotto" culturale e turistico secondo a nessuno"

Palermo. 3 marzo 2003


TEATRI DI SICILIA - Internazionalizzazione della produzione lirico-sinfonica del Teatro Massimo Bellini di Catania
Mostra di "Maschere teatrali" del museo archeologico Bernabò Brea di Lipari in occasione delle celebrazioni per S. Pietroburgo.
Fini e Granata in Russia per presentare i loro progetti.
Il 2003 è un anno importante per la Russia, infatti 300 anni fa Pietro il Grande faceva edificare una città ricca d'arte e palazzi magnifici sulle rive del fiume Neva - in parte progettati da architetti italiani - che prese il suo nome: San Pietroburgo.
Nel trecentesimo anno della fondazione della città nei secoli cara agli zar, il governo italiano ed il governo della Regione Siciliana hanno così allestito una serie di iniziative con le quali aderiscono di fatto alla Celebrazioni per San Pietroburgo ed in tale contesto giorno 4 marzo il vicepresidente del Consiglio Gianfranco Fini e l'assessore regionale dei BB.CC. Fabio Granata si recheranno in Russia per presentare il proprio programma agli organi istituzionali e dell'informazione nella patria del Presidente Putin.
Il progetto di Granata - nei fatti già iniziato nel 2001 col gemellaggio fra il Mussorgskji ed il Bellini di Catania - prevede la realizzazione a San Pietroburgo di cinque spettacoli lirici che saranno proposti dai cantanti, dal coro e dagli orchestrali del Teatro Massimo V. Bellini di Catania, soggetto del gemellaggio citato.
Andranno pertanto in scena tre rappresentazioni della Bohème di Giacomo Puccini e due della Norma di Vincenzo Bellini.
La Bohème verrà proposta in un nuovo allestimento di Arianna Kollner , con i costumi realizzati da Tiziana Ettari e la regia di Marco Pucci Catena., Dirigerà l'orchestra il M° Donato Renzetti.
La Norma verrà presentata nell'allestimento di Michele Canzonieri, costumi di Rossella Leone e regia di Renzo Fiaccheri.
Questo allestimento è già stato rappresentato con grande successo a Catania, Siviglia, Tel Aviv e Salisburgo e nel 2000 ha vinto il premio Abbiati per le scenografie.
Protagonista sarà una delle più grandi cantanti odierne, Dmitra Theodossiou ed a dirigere sarà il M° Giuliano Carella , noto il tutto il mondo per le sue interpretazioni del repertorio protoromantico italiano.Il progetto prevede inoltre la realizzazione di una mostra di "Maschere teatrali" realizzata dal Teatro Massimo V. Bellini all'interno del Teatro dell'opera e del balletto M. Mussorgskij di San Pietroburgo, di una mostra dal titolo "Dialoghi con le ceramiche" (selezione di ceramiche in prevalenza siciliane) e di una "Esposizione di pupi e manoscritti cavallereschi siciliani", dopo che nel maggio 2001 l'Unesco ha proclamato l'opera dei pupi, "capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell'umanità".

lLuogo: Teatro dell'Opera e del Balletto M. Mussorgskij.
Data: settembre/ottobre 2003
Fondi di finanziamento: agenda 2002 misura 6.06


La Regione Siciliana parteciperà ai festeggiamenti per il trecentesimo anniversario della fondazione di San Pietroburgo, grazie ad un gemellaggio voluto dall’Assessore dei BB.CC. Fabio Granata tra il Teatro “Bellini” di Catania ed il “Mussorgskij” sulle rive del fiume Neva. Sarà quindi la “Norma” del teatro etneo ad essere rappresentata presso il “Mussorgskij”,quale contributo italiano importantissimo ai festeggiamenti per l’ anniversario della città degli Zar, i cui edifici più prestigiosi sono in buona parte opera di architetti italiani.
Oltre alla rappresentazione dell’opera belliniana l’assessorato dei BB.CC. promuoverà la kermesse sulle rive del Baltico con uno spettacolo dell’opera dei pupi del Museo delle marionette di Palermo (cui prenderà parte il famoso puparo Mimmo Cuticchio), una suggestiva mostra di antiche ceramiche del Museo di Caltagirone ed una esposizione delle famose maschere teatrali del Museo Bernabo Brea di Lipari.

Palermo. 19 febbraio 2003


BENI CULTURALI: IN SICILIA UN MUSEO DELL’EBRAISMO
L’assessore regionale ai BB.CC. Fabio Granata (A.N.), intervenendo ad una conferenza sulla Shoah presso l’Istituto Tommaso Gargallo di Siracusa, ha lanciato la proposta di un museo dell’ebraismo nella nostra regione:”La cultura ed il mondo ebraico – ha dichiarato – hanno lasciato in Sicilia tracce profonde e rilevanti; per questo un Museo dell’Ebraismo potrebbe raccontarne la storia, il valore e le influenze che gli ebrei ebbero sulla formazione dell’identità culturale e politica della Sicilia e dei Siciliani”
Granata ha poi aggiunto:”Ne parlerò con i rappresentanti ufficiali della Comunità Ebraica e sono certo che non sarà difficile trovare gli spazi ed i contenuti coerenti per un grande progetto museale”

Palermo. 27 gennaio 2003