DECRETO 29 dicembre 1999

G.U.R.S. 19 maggio 2000, n. 24

ASSESSORATO

 

DEL TERRITORIO E DELL'AMBIENTE

 

 

Costituzione del comitato per la redazione della Carta della natura.

 

L'ASSESSORE

 

PER IL TERRITORIO E L'AMBIENTE

 

Visto lo Statuto della Regione;

Vista la legge 18 maggio 1989, n. 183;

Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349;

Vista la legge 6 dicembre 1991, n. 394, recante: "Legge quadro sulle aree protette";

Visto l'art. 3, comma 1, della citata legge 6 dicembre 1991, n. 394, che prevede l'istituzione del comitato per le aree naturali protette;

Visto l'art. 3, comma 3, della citata legge 6 dicembre 1991, n. 394, che prevede la predisposizione della Carta della natura in attuazione degli indirizzi del comitato per le aree naturali protette;

Vista la deliberazione del 2 dicembre 1996 del comitato per le aree naturali protette di approvazione del programma operativo per la Carta della natura che si inquadra all'interno di strumenti comunitari e nazionali finalizzati alla conservazione e monitoraggio della biodiversitÓ;

Visto il D.P.R. 5 aprile 1993, n. 106, che ha istituito, nell'ambito del Segretariato generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Dipartimento per i servizi tecnici nazionali (D.S.T.N.);

Considerato che l'art. 3, comma 3░, della legge n. 394/91 prevede che la Carta della natura sia predisposta dal D.S.T.N.;

Considerato che nel programma di ricerca che il D.S.T.N. intende realizzare nel contesto del progetto "Carta della natura" Ŕ stata stipulata dallo stesso D.S.T.N. in data 12 dicembre 1996 una convenzione con il Dipartimento di scienze ambientali dell'UniversitÓ di Parma;

Considerato che anche la Regione Siciliana ritiene estremamente importante la redazione in tempi brevi della Carta della natura ai fini della pianificazione e programmazione territoriale ed ambientale, quale strumento territoriale di riferimento per gli altri strumenti di pianificazione e programmazione operanti nel territorio della Regione;

Vista la legge regionale n. 98 del 6 maggio 1981, come modificata dalla legge regionale n. 14/88, con la quale sono state poste le basi per la conservazione del patrimonio naturale al fine di concorrere, nel rispetto dell'interesse nazionale e delle convenzioni e degli accordi internazionali alla salvaguardia, gestione, conservazione e difesa del passaggio e dell'ambiente naturale per cui, in atto, sono stati istituiti 3 parchi regionali e 44 riserve in attuazione del piano regionale dei parchi e delle riserve;

Viste le note n. 21511 del 16 ottobre 1997, n. 26832 del 14 dicembre 1999 e n. 16242 del 26 luglio 1999 del D.S.T.N., con le quali si manifesta la volontÓ di pervenire alla stipula di apposito accordo di programma con la Regione Siciliana per la redazione della Carta della natura;

Vista la nota n. 1377 del 12 giugno 1997 di questo Assessorato;

Considerato che la Carta della natura Ŕ stata giÓ inserita tra le prioritÓ del P.O.R. di cui ai fondi strutturali comunitari (obiettivo specifico della rete ecologica) e di cui al P.S.M. 2000-2006;

Considerato che il D.S.T.N. per la realizzazione degli obiettivi sopra citati prevede una stretta collaborazione con l'Amministrazione regionale;

Visto il verbale della riunione tenutasi il 15 dicembre 1999 presso i locali dell'Assessorato del territorio e dell'ambiente;

Riconosciuta l'opportunitÓ di procedere alla costituzione di un comitato misto al fine di avviare con il D.S.T.N. la necessaria interlocuzione propedeutica alla definizione e stipula dell'accordo di programma per la redazione della Carta della natura;

 

Decreta:

 

Art. 1

 

Per le finalitÓ di cui in premessa Ŕ costituito, presso l'Assessorato del territorio e dell'ambiente, il Comitato per la redazione della Carta della natura presieduto dall'Assessore per il territorio o suo delegato cosý composto:

- Direttore regionale al territorio e ambiente (ing. I. Sciortino);

- Direttore regionale urbanistica (dr. A. Scimemi);

- prof. Francesco Maria Raimondo (botanica e fitogeografia) UniversitÓ di Palermo;

- prof. Gioachino Ferro (fitosociologia ed ecologia vegetale) UniversitÓ di Catania;

- prof. Orazio Rossi (ecologia quantitativa) UniversitÓ di Parma;

- prof. Angelo Messina (zoologia ambientale) UniversitÓ di Catania;

- prof. Concetto Amore (geologia ambientale) UniversitÓ di Catania;

- dr. Maurizio Carta (urbanistica) UniversitÓ di Palermo;

- prof. Letterio Guglielmo (biologia Marina) UniversitÓ di Messina;

- dr. Giovanni Zurlini (sistemistica informatica) C.N.R. Roma;

- prof. Raimondo Catalano (rappresentante del C.I.R.I.T.A.) UniversitÓ di Palermo;

- prof. Salvatore Lo Nigro (rappresentante del Cutgana) UniversitÓ di Catania;

- dr.ssa Marisa Amodei (rappresentante del D.S.T.N.);

- prof. Antonino Mannino (esperto) UniversitÓ di Palermo;

- dr. Francesco Gendusa e dr. Giandomenico Maniscalco (Direzione territorio);

- arch. M. Donatella Borsellino e arch. Fabrizio Cimino (Direzione urbanistica).

 

Art. 2

 

Il prof. Francesco Maria Raimondo, preside della facoltÓ di scienze matematiche, fisiche e naturali - UniversitÓ di Palermo, viene sin d'ora designato responsabile scientifico del progetto.

 

Art. 3

 

Ai componenti del suddetto comitato per l'espletamento delle relative funzioni non compete alcun compenso.

 

Art. 4

 

Il presente decreto non soggetto a registrazione della Corte dei conti sarÓ trasmesso per il visto della Ragioneria dell'Assessorato del territorio e dell'ambiente e successivamente alla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana per la pubblicazione.

Palermo, 29 dicembre 1999.

LO GIUDICE

 

 

Vistato dalla Ragioneria centrale dell'Assessorato del territorio e dell'ambiente il 31 dicembre 1999, al n. 287.