CIRCOLARE 13 giugno 2001 n 10

G.U.R.S. 22 giugno 2001, n. 31

ASSESSORATO

 

DEI BENI CULTURALI ED AMBIENTALI

 

E DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

 

Modalità di accesso ai contributi approvati sul cap. 372539 per l'anno 2001.

 

Ai Provveditori agli studi della Sicilia

Alle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado

Ai Conservatori di musica

Agli Istituti musicali pareggiati

Agli Istituti regionali d'arte

Alle Accademie di belle arti

 

Con legge regionale n. 5 del 30 aprile 2001 è stato approvato il bilancio di previsione della Regione Siciliana per l'anno finanziario 2001 ed il bilancio pluriennale per il triennio 2001/2003.

Sul cap. 372539 (ex 38708) "interventi per la promozione di iniziative di cooperazione educativa, scientifica e culturale, per l'attuazione di scambi, di ricerche, di viaggi didattici, di studi e di gemellaggi di scuole anche in collaborazione con istituti specializzati, dell'UNESCO e di altre organizzazioni culturali, nazionali ed internazionali", sono stati stanziati, per l'anno finanziario in corso, L. 1.000.000.000, pari ad Euro 516.456.

Nel quadro delle politiche istituzionali di questo Assessorato, particolare importanza - nei rapporti con l'esterno - rivestono gli interventi per la promozione di iniziative di cooperazione educativa, scientifica e culturale, nonché l'attuazione di scambi, di ricerche, di viaggi didattici, di studi e gemellaggi tra le scuole.

E' intenzione, pertanto, di questo Assessorato, per l'anno in corso, nell'ambito dei poteri di programmazione, di discrezionalità e di controllo, ripartire la somma stanziata sul cap. 372539, secondo le seguenti linee di indirizzo, fermo restando che alcune iniziative potranno essere direttamente promosse da questa Amministrazione:

A) scambi o gemellaggi realizzati da istituzioni scolastiche operanti in aree ad alto tasso di dispersione ed a rilevante presenza di fenomeni di micro criminalità: somma stanziata L. 150.000.000;

B) iniziative di cooperazione educativa, scientifica e culturale, volte a:

1) educazione alla salute;

2) l'Italia come Stato membro dell'Unione europea e passaggio al sistema della moneta unica europea;

3) corsi di formazione per "studenti guida" di parchi archeologici, naturalistici, ambientali, musei etc.;

4) il nuovo codice della strada: somma stanziata L. 150.000.000;

C) progetti mirati:

1) al recupero ed alla promozione delle conoscenze delle tradizioni artigianali locali, nonché di vecchie arti e mestieri,

2) al recupero ed alla promozione di abitudini, usi e costumi locali anche attraverso la raccolta di antichi canti, filastrocche, proverbi, vecchie tradizioni culinarie, etc.;

3) all'approfondimento della lingua, delle tradizioni e della cultura della civiltà siciliana: somma stanziata L. 150.000.000;

D) progetti di ricerca applicata da realizzarsi al l'interno di processi produttivi presenti nel mercato, ovvero in attività economiche direttamente gestite dalle istituzioni scolastiche medesime (la scuola si propone come ente economico commerciale verso l'esterno): somma stanziata L. 180.000.000;

E) iniziative in favore dei conservatori e degli istituti musicali pareggiati volte a stimolare l'interesse dei giovani per la dimensione pratico esecutiva della musica, sin dalla prima età; iniziative volte alla diffusione delle attività svolte dagli istituti regionali d'arte: somma stanziata L. 70.000.000.

La restante somma di L. 300.000.000 sarà destinata ad iniziative intraprese direttamente da questo Assessorato.

 

Modalità di accesso ai contributi

Le istituzioni scolastiche dovranno far pervenire entro le ore 12,00 del giorno 17 luglio 2001 al seguente indirizzo: Assessorato regionale beni culturali, ambientali e pubblica istruzione; gruppo 5°, C.E.D. - Organizzazione delle Conoscenze, via Notarbartolo n. 17, Palermo; apposita richiesta corredata da relativa progettazione volta a dimostrare in maniera chiara ed esaustiva le motivazioni della richiesta stessa.

Il progetto dovrà dettagliare in maniera analitica e inequivocabile le singole voci di spesa ed il loro relativo importo.

Per ogni singola iniziativa, indipendentemente dall'importo del progetto, il contributo non potrà essere superiore a L. 10.000.000.

Dovrà essere allegata:

1) dichiarazione del legale rappresentante dell'istituto attestante sia l'invariabilità del progetto che, in caso di positivo accoglimento dell'istanza, la realizzazione dello stesso conformemente alle previsioni progettuali, indipendentemente dall'entità del contributo concesso;

2) dichiarazione attestante l'assenza di contribuzioni derivanti dal citato capitolo di spesa nel precedente triennio a favore dell'istituzione scolastica per la quale si richiede il contributo;

3) dichiarazione attestante l'inizio di realizzazione del progetto entro il 30 settembre 2001;

4) dichiarazione attestante l'assunzione di atti giuridicamente vincolanti per la realizzazione del progetto, entro il 15 di ottobre 2001, da inviare dopo l'avvenuta comunicazione di ammissione al contributo;

La mancata ricezione da parte di questo Assessorato della documentazione di cui al precedente punto 4), entro il 25 ottobre 2001, comporterà l'automatico decadimento del beneficio del contributo concesso, a favore di altri enti che avranno fatto pervenire istanza entro il termine perentorio del 17 luglio 2001 e che in una prima fase non siano stati ammessi al contributo; per questi ultimi, il termine per l'assolvimento di cui al punto 4) viene differito al 10 dicembre 2001.

Nella considerazione che secondo prassi consolidata l'erogazione del contributo avviene in due soluzioni, cioè con un'anticipazione del 50% della somma assegnata, all'approvazione del progetto, e comunque entro e non oltre il 30 ottobre 2001 (ovvero dopo la ricezione in Assessorato della documentazione di cui al punto 4) ed un saldo entro il 30 giugno del 2002, è necessario trasmettere ai fini del saldo:

1) documentazione delle spese sostenute con il contributo regionale, in duplice copia;

2) dichiarazione del rappresentante legale attestante che la documentazione giustificativa della spesa non utilizzata a giustificazione del contributo è conservata presso la sede legale dell'istituto;

3) dichiarazione del rappresentante legale attestante che per le spese giustificative del contributo regionale e per la parte da questo coperta non è stata richiesta o ottenuta altra sovvenzione o contribuzione da altri soggetti pubblici e privati;

4) dichiarazione del rappresentante legale attestante l'eventuale beneficio di contributo da parte di altri enti pubblici e privati dalla quale si evinca l'entità e la provenienza degli stessi.

Le suddette dichiarazioni devono essere rese conformemente alle vigenti norme in materia di autocertificazione.

Eventuali pubblicazioni redatte nell'ambito di progetti finanziati da questo Assessorato, dovranno essere inviate in copia al medesimo in numero non inferiore al 2% della tiratura.

Inoltre, le pubblicazioni a mezzo stampa o realizzazione video, dovranno riportare nel frontespizio la chiara indicazione che le stesse sono state realizzate con il contributo dell'Assessorato dei beni culturali ed ambientali e della pubblica istruzione, Dipartimento pubblica istruzione.

Si fa anche presente la necessità di contattare prima della produzione di dette pubblicazioni, il gruppo 5° organizzazione delle conoscenze, C.E.D., via Notarbartolo n. 17, Palermo, Tel. 091/6966581/2 ai fini di una omogenea linea di indirizzo tra i soggetti beneficiari.

Si ricorda, infine, di apporre il logo della Regione e la dicitura: "... realizzato con il contributo dell'Assessorato regionale dei beni culturali ed ambientali e della pubblica istruzione" e che per quanto precedentemente detto non saranno concessi contributi a quelle istituzioni scolastiche che hanno già beneficiato di contributi sul cap. 372539 (ex 38708) negli anni 1998, 1999, 2000.

L'Assessore: GRANATA

________

 

vedi anche:

 

Circ. 18/2001 ASS. BB.CC. - Modalità di presentazione  istanze per la concessione di borse di studio a studenti partecipanti a master universitario di economia politica e mediterranea