DECRETO 10 novembre 1998

G.U.R.S. 16 gennaio 1999, n. 3

 

Approvazione del programma di interventi relativo alla seconda e conclusiva fase del Programma operativo plurifondo della Sicilia, Misura 2.4.

 

L'ASSESSORE

 

PER I BENI CULTURALI ED AMBIENTALI

 

E PER LA PUBBLICA ISTRUZIONE

 

Visto lo Statuto della Regione;

Vista la legge n. 1089/39;

Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20;

Visti i regolamenti CEE n. 2052/88, 4253/88, 4254/88, 4255/88, 4256/88 e loro successive modificazioni;

Vista la legge regionale 19 maggio 1988, n. 6;

Vista la decisione C(95) 2194 del 28 settembre 1995 relativa all'approvazione del POP Sicilia 94/99;

Vista la deliberazione n. 519 del 7 dicembre 1995, approvata con D.P. 31 dicembre 1995 e registrato alla Corte dei conti il 13 febbraio 1996, reg. 1, fg. 69, relativa all'approvazione del Programma operativo plurifondo Sicilia 94/99;

Vista, in particolare, la scheda tecnica di Misura 2.4 "Interventi per i beni culturali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana 13 gennaio 1996, n. 3 parte prima;

Vista la delibera di Giunta regionale n. 324/96 ed il successivo D.P. n. 245 del 30 ottobre 1996, registrato alla Corte dei conti il 20 dicembre 1996, reg. 1, fg. 349, relativo alla "prima fase" del POP 94/99 per l'ammontare complessivo di lire 60.145.302.330.

Vista la circolare beni culturali 10 giugno 1997, n. 7 (Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana 13 settembre 1997, n. 50), registrata alla Corte dei conti il 30 luglio 1997, reg. 1, fg. 183, con cui vengono date istruzioni circa la programmazione della II fase del programma;

Visto il decreto n. 5800 del 19 maggio 1988, con cui viene approvato il programma di spesa relativo alla cosidetta fase intermedia del P.O.P. per l'ammontare di lire 46.465.251.340;

Visto il decreto n. 6362 dell'1 luglio 1998, registrato alla Corte dei conti il 30 settembre 1998, reg. 1, fg. 126, relativo al finanziamento del progetto ex S.M. Ritiri in Piana degli Albanesi per l'ammontare di lire 1.500.000.000;

Visto il decreto n. 7559 del 13 ottobre 1998 in corso di registrazione alla Corte dei conti, con cui è stato approvato il programma di spesa relativo alla "Valle dei Templi" di Agrigento per l'ammontare di lire 7.765.545.000;

Rilevato che l'ammontare del budget finanziario previsto in bilancio per la Misura 2.4 è di lire 190.000.000.000 ma che lo stesso, è destinato ad un incremento, in considerazione dei risultati raggiunti e della buona propensione alla spesa della Misura, a seguito di rimodulazioni finanziarie;

Considerata l'esigenza di pervenire quanto più rapidamente possibile al definitivo impegno delle quote di bilancio relative al POP 1994/99, onde rispettare i termini del 31 dicembre 1999, per la stipula di tutti gli atti giuridicamente vincolanti, e del 31 dicembre 2001 per il collaudo delle opere, questa Amministrazione ha elaborato un programma "lungo" a scorrimento che consentirà l'impegno e la spesa di quelle quote di finanziamento comunitario che si dovessero liberare a seguito di rimodulazioni, approvate con deliberazione di Governo e con decisione del comitato di sorveglianza, o di economie effettuate a seguito di ribassi d'asta;

Vista la nota n. 2534 del 15 ottobre 1998 Gr. XV BC con cui questo Assessorato ha trasmesso alla Presidenza della Regione DRE Gruppo CEE il programma di spesa relativo alla fase conclusiva del POP 1994/99 e che fa parte integrante di questo decreto;

Vista la nota n. 2950 del 9 novembre 1998, con cui la Presidenza della Regione comunica che nel corso della riunione della Commissione interassessoriale del 4 novembre 1998 è stato approvato il programma di spesa di cui trattasi;

Accertato, comunque, che in atto la disponibilità di risorse finanziarie della Misura 2.4 "Interventi per beni culturali" ammonta a lire 74.123.901.330 e che tale disponibilità consente il finanziamento immediato dei progetti di cui al citato elenco dal n. 1 al n. 22 compreso per un importo di lire 71.696.124.724 con l'accantonamento della rimanente somma di lire 2.427.776.606 per garantire la copertura finanziaria di eventuali maggiori spese determinate dalla trasformazione dei progetti di massima inseriti in programma esecutivi (art. 4, legge regionale n. 21/85, comma 9);

 

Decreta:

 

Art. 1

 

Per quanto in premessa, è approvato il programma di interventi, di cui all'allegato elenco facente parte integrante del presente decreto, relativo alla seconda e conclusiva fase del Programma operativo plurifondo della Sicilia 1994/99, Misura 2.4.

 

Art. 2

 

Detto programma prevede, tra gli altri, il finanziamento anche di progettazioni di massima che dovranno essere rese esecutive entro 60 giorni dalla data di pubblicazione della graduatoria del programma nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana (cfr. circolare II fase).

 

Art. 3

 

In considerazione del carattere programmatico dell'elenco di opere di cui al precedente articolo 1, tendente alla tutela e valorizzazione di beni culturali di rilevante importanza ed in coerenza con l'esigenza di velocizzare la spesa, l'Amministrazione dei beni culturali ed ambientali si riserva di stralciare dal programma quelle opere che, per motivi in atto non prevedibili, dovessero subire ritardi nelle procedure di avvio con possibile pregiudizio del buon fine della spesa.

Le somme relative a detti progetti rientreranno nel budget disponibile del POP ed andranno a finanziarie i progetti immediatamente successivi.

Il presente decreto sarà trasmesso alla Corte dei conti per quanto di competenza ai sensi dell'art. 3 della legge n. 20/94.

Palermo, 10 novembre 1998.

CROCE

 

Registrato alla Corte dei conti, Sezione controllo per la Regione Siciliana, addì 27 novembre 1998

Reg. n. 1, Assessorato dei beni culturali ed ambientali e della pubblica istruzione, fg. n. 210

 

Allegati

 

Il Programma operativo plurifondo 1994/99 ha previsto per la Misura 2.4 interventi per i beni culturali, un budget di 100 MECU che, fissato al cambio di lire 1.950, ammonta a 190 mld di lire. L'Amministrazione ha provveduto, con successivi bandi, a programmare in tre fasi la spesa di detto budget e ha, nella prima fase ed in quella cosidetta "intermedia", approvato progetti per lire 5.876.098.670; in questa terza ed ultima fase, dunque, si approvano progetti per lire 74.123.901.330.

Si prevede, comunque, che il budget di misura possa venire incrementato a seguito:

a) delle rimodulazioni (comitato di sorveglianza luglio 1997 e deliberazione Giunta di governo n. 384 del 26 ottobre 1998) effettuate sul Programma complessivo, rimodulazioni che prendono atto dell'alto grado di attivazione della spesa della Misura in oggetto;

b) delle somme risultanti dai ribassi d'asta e riutilizzabili all'interno dei capitoli di pertinenza;

c) dell'adeguamento dell'ECU.

Il Programma a scorrimento consente di procedere immediatamente al finanziamento delle opere man mano che a dette operazioni di rimodulazione dovessero seguire variazioni in positivo degli stanziamenti sui capitoli di bilancio.

Il programma prevede il finanziamento di progetti esecutivi o di massima. Questi ultimi dovranno essere resi esecutivi entro 60 giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana della graduatoria, onde evitare l'esclusione dal programma.

I progetti relativi ad Erice ex Carcere, Prizzi/Montagna dei Cavalli, Modica cave d'Ispica sono stati inseriti in programma nelle more della definitiva declaratoria circa il vincolo cui soggiacciono ed il progetto di Burgio Cappuccini nelle more del parere del CRBCA.

Eventuali pareri negativi comporteranno immediato stralcio dal programma.

Analogamente ed in considerazione dei tempi ristretti ormai rimanenti per l'attuazione dei progetti e delle scadenze improrogabili fissate dal Regolamento comunitario (31 dicembre 1999 per la stipula degli atti giuridicamente vincolanti e 31 dicembre 2001 per il completamento dei progetti e loro collaudazione), ed al fine di assicurare la migliore spesa dei fondi a disposizione l'Amministrazione procederà allo stralcio dal programma di tutti quei progetti il cui finanziamento dovesse comportare il rischio di non rispettare i succitati termini di completamento sia in considerazione del livello di progettazione sia della durata dei lavori prevista.

Ogni decisione in merito sarà comunicata all'ente interessato e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana.

Entro 30 giorni dalla pubblicazione del presente programma verrà pubblicato l'elenco degli esclusi e delle motivazioni che ne hanno determinato l'esclusione.

 

1 Agrigento       Aragona         Palazzo Principe Naselli  L.  3.548.365.000

2 Caltanissetta   Sutera          Chiesa S. Paolino            2.350.000.000

3 Catania         Catania         Castello Ursino              6.930.000.000

4 Enna            Piazza Armerina Palazzo vescovile            5.260.000.000

5 Messina         Santo Stefano

                  Camastra        Arena Glauco                 5.100.000.000

6 Messina         Taormina        Isolabella                   3.050.000.000

7 Palermo         Palermo         Castello Maredolce           4.179.000.000

8 Palermo         Caltavuturo     Chiesa Casale                1.946.983.724

9 Palermo         Montejato       Area Monte Jato              3.075.000.000

10 Ragusa         Acate           Castello

                                  Acate-Biscari                4.821.776.000

 Siracusa       Siracusa        Megara-Hyblea                3.045.000.000

12 Trapani        Calatafimi      Segesta                      2.000.000.000

13 Trapani        Erice           Ex Carcere                   4.000.000.000

14 Trapani        Trapani         Museo Pepoli                 1.800.000.000

15 Messina        Alcara Li Fusi  Monastero S. Andrea          2.997.000.000

16 Messina        Lipari          Chiesa Addolorata            2.732.000.000

17 Palermo        Palermo         Chiesa S. Eulalia            5.000.000.000

18 Palermo        Partinico       Palazzo RAM                  4.873.000.000

19 Trapani        Castelvetrano   S. fr. Paola                 1.650.000.000

20 Messina        Mistretta       Chiesa madre S. Lucia        1.738.000.000

21 Messina        Taormina        Teatro antico                  600.000.000

22 Messina        Tindari         Basilica romana              1.000.000.000

23 Agrigento      Burgio          Convento Cappuccini          5.750.000.000

24 Trapani        Marsala         Chiesa Purgatorio            4.484.000.000

25 Palermo        Palermo         Chiesa Gancia 1° lotto       2.950.000.000

26 Catania        Trecastagni     Ex convento francescani      2.800.017.000

27 Agrigento      Cianciana       Chiesa Carmelo               1.131.000.000

28 Messina        Forza d'Agrò    Convento Agostiniano         4.570.000.000

29 Palermo        Ganci           Chiesa Madre                 1.190.152.000

30 Caltanissetta  Mazzarino       Area Dessueri                  459.000.000

31 Palermo        Caccamo         Chiesa S. Michele            1.193.000.000

32 Catania        Catania         Portici piazza Mazzini       2.360.000.000

33 Agrigento      Agrigento       Chiesa S. Alfonso            5.704.940.000

34 Palermo        Prizzi          Mont. Cavalli                5.100.000.000

35 Messina        Mistretta       SS. Trinità                  1.030.977.000

36 Trapani        Partanna        Castello Grifeo              3.750.000.000

37 Agrigento      Canicattì       Chiesa S. Filippo e Giac. ”   2.930.000.000

38 Palermo        Palermo         Museo Pitrè                  5.370.668.000

39 Enna           Aidone          Chiesa S. Lorenzo            1.300.000.000

40 Siracusa       Siracusa        Castel Maniace               3.000.000.000

41 Agrigento      Palma di Monte-

                  chiaro          Chiesa sacra famiglia          600.000.000

42 Catania        Catania         Chiesa Trinità               2.700.000.000

43 Ragusa         Modica          Compl. S. Anna               3.530.000.000

44 Trapani        Partanna        Villa Lentini                3.912.866.513

45 Messina        Alcara Li Fusi  Chiesa M.SS. Assunta         1.186.000.000

46 Caltanissetta  Sutera          Ed. Salamone                 4.500.000.000

47 Caltanissetta  Mazzarino       S. Maria La Neve             1.150.000.000

48 Palermo        Palermo         Arsenale marina              5.000.000.000

49 Catania        Militello

                  Val di Catania  S. Maria la Vetere           2.430.000.000

50 Enna           Troina          Chiesa del Carmine           1.823.100.000

51 Messina        Messina         Op. arte cattedrale          1.755.000.000

52 Palermo        Termini         Imerese Valor. Himera        3.517.274.240

53 Ragusa         Acate           Convento Cappuccini          3.337.000.000

54 Siracusa       Siracusa        Tonnara Panagia             10.560.000.000

55 Messina        Messina         Museo impianti               4.890.069.000

56 Agrigento      Favara          Chiesa Carmelo                 850.000.000

57 Caltanissetta  Gela            Zona arch. scalo

                                  ferroviario                    931.745.000

58 Agrigento      Burgio          Convento S. M. Grazie        4.880.000.000

59 Caltanissetta  S. Cataldo      Archeo. Vassallaggi            150.000.000

60 Catania        Catania         Terme Romane                   280.000.000

61 Messina        Messina         Forte SS. Salvatore          4.960.000.000

62 Palermo        Marineo         Archeo. La Montagnola        1.958.659.039

63 Ragusa         Ragusa          Chiesa Ecce Homo             2.370.000.000

64 Trapani        Mazzara         Parrocchia Cristo Re         2.185.000.000

65 Agrigento      Palma di        Oratorio SS.

                  Montechiaro     Sacramento                     500.000.000

66 Caltanissetta  Milena          Archeo. Rocca Amorella         100.000.000

67 Catania        Grammichele     Archeo. Occhiolà             3.700.000.000

68 Enna           Troina          Santuario SS. S. Monaco      5.645.371.526

69 Messina        Acquedolci      Archeo. Grotta S. Teodoro ”     500.000.000

70 Palermo        Corleone        Chiesa S. Salvatore          1.727.670.000

71 Ragusa         Vittoria        Teatro comunale                330.000.000

72 Agrigento      Casteltermini   Chiesa SS. Cosmo

                                  e Damiano                      770.000.000

73 Caltanissetta  Mazzarino       Chiesa SS. Crocifisso

                                  Olmo                         1.273.000.000

74 Catania        Paternò         Archeo. Pietra Lunga         1.270.000.000

75 Enna           Aidone          Edificio Boscarini           1.500.000.000

76 Messina        Tusa            Archeo. Antica Halaesa         300.000.000

77 Palermo        Caccamo         Chiesa SS. Sacramento          300.000.000

78 Ragusa         Modica          Cava d'Ispica                5.200.000.000

79 Enna           Regalbuto       Convento S. Antonio          5.310.000.000

80 Messina        Frazzanò        Mon. Bas. S.F. Fragalà       3.000.000.000

81 Palermo        Marineo         Castello Beccadelli          2.000.000.000

82 Ragusa         Modica          Seminario vescovile            931.000.000

83 Caltanissetta  Mazzarino       Chiesa S. Domenico           1.150.000.000

84 Messina        Tripi           Necropoli Abacaenum            450.000.000

85 Palermo        Castelbuono     Chiesa Piamento SAI            190.000.000

86 Ragusa         Modica          Villa Polara                 3.453.000.000

87 Caltanissetta  Mussomeli       Archeo. contrada Raffe         150.000.000

88 Messina        Patti           Antiquarium V. Romana        1.000.000.000

89 Ragusa         Vittoria        Chiesa S. Antonio Abbate     1.500.000.000

90 Caltanissetta  Marianopoli     Area archeologica              200.000.000

91 Messina        Villafranca     Tirrena Castello Di Bauso ”   2.900.000.000

92 Palermo        Vicari          Chiesa Spirito Santo           521.690.432

93 Palermo        Marineo         Restauro Calvario              830.000.000

94 Messina        Messina         Palazzo arcivescovile        1.738.000.000

95 Messina        S. Stefano      Santuario S. Croce

                  Camastra        ex Monastero                 4.600.000.000

96 Palermo        Misilmeri       Restauro castello            5.330.000.000

97 Messina        Tortorici       Ex F. Campane Trusso           397.800.000

98 Palermo        Contessa        Castello Calatamauro         4.100.000.000

                  Entellina

99 Messina        S. Marco        Restauro casa Filangeri      3.180.000.000

                  d'Alunzio

100 Palermo       Palermo         Chiesa della Gancia,

                                  2° lotto                     5.000.000.000

101 Messina       Patti           Fabbrica piazza Cavour       2.100.000.000

102 Trapani       Vita            Maria SS. Tagliavia            467.000.000

103 Palermo       Gangi           Chiesa SS. Salvatore           725.432.654

104 Messina       Taormina        M.S. Villa Caronia             957.556.000

105 Messina       Gangi           Santuario S. Santo             700.170.000

106 Messina       Messina         Torre Faro e Fortino         2.900.000.000

107 Palermo       Petralia        Chiesa e convento              390.000.000

                  Sottana         Cappuccini

108 Messina       Casalvecchio    Monastero Bas. SS. Pietro

                  Siculo          e Paolo                        620.000.000

109 Palermo       Gangi           Chiesa e convento

                                  Cappuccini                    455.000.000

0 Messina       Messina         Villa De

                                  Pasquale                     8.000.000.000

1 Messina       Messina         Com. S. Maria diGesù sup. ”   3.785.5.000

2 Messina       S. Lucia del     Cattedrale                  2.000.000.000

                  Mela

3 Messina       Caprileone      Chiesa Annunziata            2.300.000.000

4 Messina       Nizza di Sici-  Rist. palazzo De Luca        3.250.000.000

                  lia

5 Messina       Novara di Sici- Palazzo Stancanelli          3.900.000.000

                 lia

6 Messina       Caprileone      Chiesa S. Costantino           650.000.000

7 Messina       Piraino         Chiesa madre S. Maria        1.070.660.000

8 Messina       S. Marco        Chiesa S. Basilio              500.000.000

                  d'Alunzio

9 Messina       Raccuja         Castello di Branciforte      1.939.707.000

120 Messina       S. Fratello     Chiostro convento

                                  S. M. Assunta                  230.483.000

121 Messina       Lipari          Chiesa Immacolata            3.268.000.000

122 Messina       S. Lucia del    Palazzo arcivescovile        3.406.885.000

                  Mela

123 Messina       S. Pier Niceto  Chiesa S. Caterina           1.590.000.000

124 Messina       Mongiuffi Melia Palazzo Cuzari               2.445.766.000

125 Messina       Ficarra Palazzo Baronale                     1.330.680.000

126 Messina       Messina         Centro culturale S. Luigi ”   1.000.000.000

127 Messina       Naso            Ex macello chostro M.        2.442.425.000

128 Messina       S. Fratello     Chiesa SS. Cocifisso           349.130.000

129 Messina       Tusa            Calvario                     1.070.000.000

130 Messina       Saponara        Chiesa SS. Nicolò

                                  e Pietro                       615.000.000

131 Messina       Spadafora       Chiesa S. Giuseppe             845.000.000

                                                           L. 322.579.257.554

 

____________________________________________________________________________________________

Chiarimenti

 

ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI ED AMBIENTALI E DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

 

. DECRETO 10 novembre 1998 pubblicato su G.U.R.S. 16 gennaio 1999, n. 3

 

Programma di interventi relativo alla seconda e conclusiva fase del Programma operativo plurifondo della Sicilia, Misura 2.4. Chiarimenti.

 

A chiarimento del decreto 10 novembre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 3, parte I del 16 gennaio 1999, relativo all'approvazione del Programma operativo plurifondo 1994/99 Sicilia, misura 2.4 (II fase), si precisa che il contenuto dell'art. 2 è riferito esclusivamente ai primi 22 interventi inseriti in programma, così come specificato nelle premesse del decreto sopracitato.