loading...
L'attuale sito rappresenta la memoria storica
dell'Assessorato della Salute.
Per le notizie di nuova pubblicazione consultare il nuovo
Portale della Regione Siciliana

In evidenza

News Dipartimento IRV


I contenuti di questa pagina sono obsoleti

REGISTRO DEGLI STABILIMENTI CHE PRODUCONO MANGIMI RICONOSCIUTI  AI SENSI DEL REGOLAMENTO 183/2005
La ricerca di un elevato livello di protezione della salute umana e della salute degli animali destinati alla produzione di alimenti è uno degli obiettivi fondamentali della recente
legislazione alimentare, come stabilito nei regolamenti del “pacchetto igiene”,  tra i quali si fa  rientrare  il Regolamento (CE) 183/2005 che stabilisce i requisiti per l’igiene dei
mangimi e regolamenta tutta la produzione degli stessi.

L’obiettivo principale delle  nuove norme in materia di igiene dei mangimi, contenute nel Regolamento (CE) 183/2005, è quello di assicurare un elevato livello di protezione dei
consumatori,  per quanto concerne la sicurezza degli alimenti lungo  l’intera filiera alimentare, a partire dalla produzione primaria degli stessi, alla loro somministrazione agli
animali destinati alla produzione di alimenti, fino e compresa l’immissione sul mercato e l’esportazione.
Tutti gli operatori, la cui attività rientra direttamente o  indirettamente  nel settore dei mangimi, sono responsabili della sicurezza degli stessi  attraverso l’applicazione di tutti
o di parte dei seguenti punti :
·      l’attuazione di procedure basate sull’analisi dei rischi;
·      il controllo dei punti critici (HACCP);
·      il principio della rintracciabilità dei prodotti;
·      l’applicazione di buone pratiche igieniche;
·      l’utilizzo esclusivo di prodotti provenienti da stabilimenti registrati/riconosciuti ai sensi del presente Regolamento.
Il Regolamento prevede  che gli operatori del settore dei mangimi siano registrati, in appositi elenchi,  presso i Servizi Veterinari delle Aziende USL ed ancora,  che gli operatori
che esplicano una delle attività previste dall’art.10, devono essere riconosciuti in un apposito elenco regionale con l’adozione di uno specifico provvedimento di riconoscimento,
l’attribuzione di un numero di identificazione individuale e l’iscrizione in un registro nazionale  consultabile sul sito del Ministero della Salute:
http://www.ministerosalute.it/alimenti/sanita/sanApprofondimento.jsp?lang=italiano&label=alim&id=444
 
 
 
 
 
 
 

 

Documenti allegati


Paginaprima paginapagina precedente
pagina successivaultima pagina di 1