loading...
L'attuale sito rappresenta la memoria storica
dell'Assessorato della Salute.
Per le notizie di nuova pubblicazione consultare il nuovo
Portale della Regione Siciliana

In evidenza

Linee guida randagismo 2008


I contenuti di questa pagina sono obsoleti

Questo Assessorato al fine di contenere il problema del randagismo nel territorio della Regione siciliana ha emanato, con Decreto dell’Assessore n. 2825 del 13 dicembre 2007, pubblicato sulla G.U.R.S. n.4 del 25 gennaio 2008, delle Linee guida nelle quali sono state individuate le attività che devono essere svolte prioritariamente da tutti gli operatori che sono parte attiva nella gestione del randagismo ( Comuni, Aziende USL, Enti pubblici, Associazioni per la protezione degli animali) e le competenze che ciascun Ente è tenuto ad osservare in applicazione della Legge 281/1991, della Legge regionale 15/2000 e del Decreto Presidenziale 7/2007 .

E’ prevista inoltre la possibilità di concedere contributi che verranno erogati dall’Assessore per la Sanità, in misura non superiore al 50 per cento della spesa complessiva, sulla base di progetti conformi ai bandi allegati al citato Decreto, per la realizzazione delle seguenti attività:

1. Risanamento di rifugi esistenti e costruzione di rifugi sanitari: i destinatari del bando sono i Comuni, singoli o associati e le Associazioni iscritte all’Albo regionale che gestiscono rifugi per cani o per gatti da almeno due anni .

2. Progetti di sterilizzazione : i destinatari sono i Comuni singoli o associati per l’attuazione di piani di controllo delle nascite attraverso la sterilizzazione dei cani randagi, da sviluppare di concerto con i Servizi Veterinari delle Aziende USL o avvalendosi di medici veterinari liberi professionisti.

3. Mantenimento di cani e gatti presso le strutture: i destinatari sono le Associazioni protezionistiche o animaliste iscritte all’Albo regionale, esclusivamente per il mantenimento e la custodia degli animali loro ceduti negli anni 2006- 2007 e per i quali le stesse non percepiscono e non hanno percepito alcun contributo da parte dei Comuni o altri Enti.

Si invitano pertanto gli Enti e le Amministrazioni interessate, a presentare i progetti entro 45 giorni dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, farà fede la data del timbro di partenza della A.R.

 

Documenti allegati


Paginaprima paginapagina precedente
pagina successivaultima pagina di 1